Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto di famiglia

I voucher

Il datore di lavoro può retribuire il lavoro accessorio mediante l'uso dei voucher

I voucher - Il datore di lavoro può retribuire il lavoro accessorio mediante l'uso dei voucher

Il lavoro accessorio è una forma di attività lavorativa che presuppone l'occasionalità della prestazione senza che sia in corso un rapporto di lavoro contrattualmente regolato.
In sostanza gli imprenditori, le famiglie, le imprese familiari, etc possono utilizzare le prestazioni lavorative accessorie che verranno retribuite con compensi esenti ai fini fiscali che non vanno ad incidere sullo status di occupazione o inocuppazione del soggetto prestatore di lavoro.
 

Il datore di lavoro che necessita di una prestazione occasionale potrà retribuire il lavoratore mediante voucher del valore nominale di € 10,00 di cui il 5% a favore dell'INPS per la gestione del servizio voucher, il 13% a favore della gestione separata INPS che verrà accreditata sulla posizione contributiva del lavoratore, il 7% a favore dell'INAIL. 

In sostanza il valore netto del voucher è pari ad € 7,50.
 

Se è pur vero che il voucher viene riconosciuto ai fini del diritto alla pensione è altrettanto vero che la prestazione di lavoro accessorio non dà diritto alle indennità erogate dall'INPS quali ad esempio la malattia, la maternità, gli assegni familiari.
Il compenso percepito mediante i voucher è esente da qualunque tipo di imposizione fiscale ed è cumulabile con altri trattamenti pensionistici.
 

La retribuzione del lavoro a mezzo dei voucher è soggetta a delle limitazioni.
Infatti i compensi percepiti dal lavoratore non possono superare i 7.000 € netti nel corso dell'anno civile e cioè dal 1° gennario al 31 dicembre.
Tale limite si applica anche nell'ipotesi in cui il lavoratore abbia prestato la sua opera per più committenti durante l'anno.
Laddove le prestazioni siano rese in favore di impenditori commerciali e liberi professionisti l'importo complessivo non può superare i 2.020 € netti l'anno.
E' di tutta evidenza che la previsione di tali limiti sia stata introdotta al fine di scoraggiare l'abuso dei buoni di lavoro facendo passare per lavoro occasionale dei veri e propri rapporti di lavoro subordinato.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Diritto di famiglia

Studio Legale Cossu Avv. Stefania - Cagliari (CA)

Studio Legale Cossu Avv. Stefania

Avvocati / Civile

Largo Patrizio Gennari 10

09129 - Cagliari (CA)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Gli organismi di composizione della crisi

Funzionamento degli O.C.C. e requisiti di accesso alla procedura

Continua