Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Spese condominiali, divisione tra proprietario e inquilino

La ripartizione delle spese condominiali è spesso fonte di discussione tra proprietario e inquilino. Chi è tenuto a pagarle?

Spese condominiali, divisione tra proprietario e inquilino - La ripartizione delle spese condominiali è spesso fonte di discussione tra proprietario e inquilino. Chi è tenuto a pagarle?

Ciascun condomino deve contribuire alle spese necessarie per la conservazione delle parti comuni e per l’esercizio dei servizi condominiali in base alle proprie quote. Tale obbligo deriva dalla stessa titolarità del diritto reale sull’immobile integrando un’obbligazione propter rem preesistente all’approvazione, da parte dell’assemblea, dello stato di ripartizione: si presume cioè che tutti i condomini utilizzino le parti comuni allo stesso modo. 

Il legislatore ha previsto però che, qualora alcuni condomini utilizzino le cose comuni in modo diverso, le spese di conservazione e di godimento possano essere ripartite in proporzione dell’uso che ciascuno può farne, ponendosi in una posizione di specialità rispetto al principio generale dell’art. 1100 c.c., in base al quale le spese debbono gravare su tutti i partecipanti in proporzione alle loro quote di proprietà. 

L’art. 1123 del codice civile è quella che consente di derogare con diverse convenzioni alla disciplina che ripartisce le spese in base ai millesimi del valore di proprietà. 

L’art. 1123 c.c. prevede che le spese per la conservazione della cosa comune dell’edificio, per la prestazione di servizi nell’interesse comune e per le innovazioni deliberate dalla maggioranza i condomini si fanno carico in misura proporzionale al valore della proprietà di ciascuno. 

La norma civilistica può quindi essere derogata da diversa convenzione tra le parti e da comportamenti concludenti, protrattisi nel tempo e dai quali è possibile ricavare l’accettazione di tutti i condomini di diversi criteri di riparto delle spese. 

L’art. 1123 c.c. sancisce infatti che le spese condominiali vanno ripartite in base all’uso che ciascuno può farne e che se un edificio ha più scale, cortili, tunnel garage e impianti diversi, le relative spese vanno ripartite tra chi effettivamente ne trae utilità. 

 

Pertanto, se trattasi di inquilino, salvo che il contratto di locazione disponga diversamente, le spese condominiali spettano all’inquilino per quel che concerne l’ordinaria amministrazione, le piccole riparazioni e quelle relative al godimento delle parti comuni; quelle di straordinaria amministrazione, quelle per innovazioni, per l’amministratore e per l’assicurazione dell’edificio, invece, competono al proprietario dell’immobile. 

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Notificazione del ricorso in Appello

La notificazione del ricorso può essere effettuata senza il tramite dell'ufficiale giudiziario, ma con l’obbligo di depositarne copia presso la segreteria della CTP

Continua

“Manca la fattura”? L’atto impositivo è nullo!

Il contribuente non è tenuto a presentare all’AdE le fatture necessarie per ricostruire il volume d’affari in mancanza di un’indicazione specifica sull`invito

Continua

Opposizione a decreto ingiuntivo

I poteri del giudice dell’esecuzione in materia condominiale

Continua

Condominio, può un condomino essere chiamato a pagare per tutti?

Può un creditore che ha notificato un decreto ingiuntivo nei confronti di un condominio procedere esecutivamente nei confronti di un solo condomino?

Continua

Assistenza tecnica da difensore abilitato

Nuove regole per la difesa delle parti davanti alle commissioni tributarie

Continua

Segnali verticali: multe da pagare anche con vizi formali

Tutti i segnali verticali sono corretti dal punto di vista amministrativo e le regole del codice della strada vanno rispettate comunque

Continua

L’affidamento in prova al servizio sociale dopo lo svuota carceri

Il legislatore ha tentato di affrontare il problema del sovraffollamento carcerario, divenuto ormai cronico, con misure alternative alla detenzione

Continua

Archiviazione dei reati di minore gravità

I reati sanzionati fino a 5 anni di reclusione o puniti con la pena pecuniaria saranno adesso considerati di minore gravità e archiviati

Continua

Molestia a mezzo mail o squilli del telefono

Il reato di molestie richiede che l’interesse tutelato, cioè l’ordine pubblico, sia violato e che tale violazione rechi un danno

Continua