Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Vaccini all'asilo...

Ovvero, come violare la legge nazionale cercando pure il plauso dei cittadini...

Vaccini all'asilo... - Ovvero, come violare la legge nazionale cercando pure il plauso dei cittadini...

Mala tempora currunt, è proprio il caso di rispolverare l'antico detto latino per l'occasione.
Trovandosi in manifesta difficoltà di consensi la proposta di legge Crimì, sorpassata da questioni di interesse nazionale più immediato (mantenimento dei vitalizi d'oro per i parlamentari condannati ed unioni civili, sopra ogni altro), il partito dei vaccinatori "senza se e senza ma" ha trovato l'insperato sostegno di un paio di Comunità regionali, che pensano di "fare da sé" riguardo al delicato tema della profilassi vaccinale infantile.
Una volta tanto i politici non si trincerano dietro al trito motivetto "l'Europa lo vuole" (del resto, l'Europa è fortemente divisa sul punto), ma per esigenze poco attinenti alla salute pubblica si stano lanciando a tutta velocità in un vicolo cieco, vuoi che si chiami Corte Costituzionale, o Corte Europea, contro il cui muro di sfondo inesorabilmente andranno a sbattere, prima o poi.
Ma tant'è, agli Italiani piacciono slogan facili e ripetuti fino alla nausea, non programmi di governo, e questa trovata estemporanea, tanto gradita a chi fa buoni affari con il servizio sanitario pubblico, riuscirà anche a sortire l'effetto temporaneo di una manciata di voti in più.
Il futuro è sempre incerto, del resto... anche per la Casta. 
La legge nazionale, quella che siamo tutti noi tenuti a rispettare, dice che non è possibile imporre l'obbligo vaccinale ai bimbi per frequentare la scuola dell'obbligo ed accedere agli esami finali, e per giunta tali regioni prevedono (prima fra tutte la Toscana) apposite linee guida per il dissenso motivato e scritto alle vaccinazioni pediatriche...
Tutte queste "pastoie burocratiche" si dissolvono come neve al sole, chissà per quale motivo, se viene proposto a livello regionale di vaccinare obbligatoriamente i bimbi per l'accesso al nido, con buona pace dei provvedimenti regionali di stampo diametralmente opposto assunti nel recente passato, dei complottisti, dei salutisti e di non altrimenti etichettabili e sempre più numerosi cittadini che si pongono, e non a torto, più di una domanda sul cui prodest la pratica vaccinale di massa, inculcata senza un serio criterio di prevenzione dei rischi e di informazione scientifica indipendente sul rapporto costi (in salute)/ benefici che è lecito attendersi per la manifestazione di un consenso alla profilassi che possa realmente definirsi "informato".
Parigi val bene una messa? Di sicuro non vale una nuova impennata di vittime dei vaccini.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Il medico, il vaccino e la petizione galeotta...

Francia: più di un milione di persone a sostegno del Professore che denunciava la pericolosità del vaccino esavalente Infanrix Hexa

Continua

Quando il dente duole

Il danno bioneuropsicologico da responsabilità professionale in campo odontoiatrico ed odontoprotesico

Continua

Corruzione nella Sanità, una ASL su tre coinvolte

Alcuni dei dettagli trapelati dal rapporto di Transparency fanno rabbrividire... e riflettere

Continua

Non (quasi) è mai troppo tardi...

Considerazioni sulla presunta "intempestività" di una domanda amministrativa ex lege 210 del 1992

Continua

In Lombardia la farmacovigilanza è a rischio?

E’ uno dei fiori all’occhiello della sanità lombarda, ma ormai ci lavora solo un borsista con contratto in scadenza a marzo. Invece all’alba del2014...

Continua

Il futuro (?) della Legge 210 del 1992

Il silenzio rigetto: una prognosi infausta dal sapore antisociale che fa riflettere…

Continua

Salute e diritti: un monito alla classe politica

Il fatto che gli uomini non imparino molto dalle lezioni della storia è l'insegnamento più importante che la storia può offrire. (ALDOUS L. HUXLEY)

Continua

I diritti di chi non vuol vaccinare i propri figli

Si fa un gran parlare, e spesso a sproposito, della proposta di riforma della normativa vigente in materia di vaccinazioni obbligatorie...

Continua

Novità per i danneggiati da sangue infetto!

La patologia psichica come doppia patologia nel danno da emotrasfusione infetta

Continua

Mappatura del sistema linfatico. Una rivoluzione?

Scoperti vasi linfatici nel cervello: possibili nuove spiegazioni alle malattie neurologiche con componente immunitaria

Continua

Danno da vaccino: vittoria a favore dei "fuori termine"!

Non è mai troppo tardi per proporre la domanda ai sensi della legge 210 del 1992...

Continua

Appunti per un nuovo Diritto alla Salute

Libertà di indirizzo alla salute e della scelta terapeutica (in collaborazione con il Dottor Franco Verzella)

Continua

Una rivoluzione copernicana in tema di Sanità

Appunti per un approccio alla salute di tipo multidisciplinare e finalizzato al perseguimento di una stabile condizione di benessere

Continua

La Sensibilità Chimica Multipla e le malattie rare

Esistono molte malattie rare per le quali è possibile chiedere assistenza allo Stato o promuovere una causa risarcitoria in danno dei responsabili.

Continua

Il “nesso causale” previsto dalla legge 210/92

In materia previdenziale/assistenziale è sufficiente un coefficiente di ragionevole probabilità, se non contraddetto da altre risultanze processuali

Continua