Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

L'estromissione e l'assegnazione dei beni immobili e mobili

Sono dei meccanismi che consentono di far fuoriuscire il bene dal patrimonio della ditta o della società trasferendolo all'imprenditore o ai soci

L'estromissione e l'assegnazione dei beni immobili e mobili - Sono dei meccanismi che consentono di far fuoriuscire il bene dal patrimonio della ditta o della società trasferendolo all'imprenditore o ai soci

La legge di Stabilità 2016 ha apportato due importanti misure agevolative destinate alle ditte individuali ed alle società, ovvero ha introdotto la possibilità per l’imprenditore individuale e per i soci di estromettere i beni immobili/mobili (nel caso delle ditte) o procedere con l’assegnazione dei beni (nel caso delle società) facenti capo alla ditta individuale o delle società beneficiando di una tassazione agevolata rispetto a quella ordinaria. Per estromissione dei beni si intende l’uscita del bene in questione dal patrimonio della ditta individuale e il suo trasferimento nel patrimonio immobiliare dell’imprenditore individuale. Si parla di assegnazione nel caso la fuoriuscita del bene riguardi le società. 

  

L’estromissione dei beni immobili delle ditte individuali è possibile a partire dal 1° gennaio 2016 e opzionabile fino al 31 maggio 2016. Possono effettuarla le ditte individuali esclusivamente nel caso in cui l’attività di impresa risulti attiva almeno dal 31 ottobre 2015. Le ditte che hanno avviato la loro attività dopo tale data, infatti, non possono godere del beneficio della tassazione agevolata per l’estromissione dei beni immobili. 

Può ugualmente fruire del beneficio l’imprenditore che ha ereditato la ditta individuale tramite donazione o per successione. 

E’, al contrario, escluso dal beneficio l’imprenditore che è rimasto l’unico socio di una società di persone e che non ha provveduto né a ricostituire la pluralità dei soci né a trasformare l’attività in ditta individuale. 

  

I beni che si possono estromettere sono tutti quelli strumentali per natura, ovvero quelli che hanno come destinazione d’uso proprio quella strumentale (ad esempio gli uffici, gli immobili a destinazione commerciale, speciale particolare) mentre sono esclusi i beni strumentali per destinazione, ovvero quei beni che per loro natura non sarebbero strumentali ma lo sono di fatto poiché vengono utilizzati in maniera esclusiva per lo svolgimento dell’attività (ad esempio gli appartamenti utilizzati come uffici…). 

  

Il beneficio dell’estromissione/assegnazione consiste nell’assoggettare la plusvalenza dovuta alla cessione del bene immobile ad un’imposta sostitutiva al posto dell’Irpef e dell’Irap pari all’8 per cento. L’imposta sostitutiva, però, non sostituisce l’Iva o le imposte ipo-catastali che si applicano con le regole ordinarie. 

L’imposta sostitutiva viene calcolata sulla base imponibile ricavata dalla differenza tra il valore normale dell’immobile e il suo costo fiscalmente riconosciuto al momento dell’estromissione. 

Per stabilire il valore normale dell’immobile, poi, esistono due metodi tra cui scegliere. O si considera come valore normale del bene immobile il suo valore di mercato oppure lo si calcola attraverso il valore catastale rivalutato del 5% (o del 25% nel caso dei terreni) e successivamente moltiplicato per un moltiplicatore che varia a seconda della categoria catastale a cui appartiene il bene estromesso.  

  

Un caso particolare, ad esempio, si ha se il valore normale è pari o inferiore al costo fiscalmente riconosciuto. Con un risultato negativo l’imprenditore non deve alcunché ai fini delle imposte. Per calcolare, quindi, il valore normale e per scegliere l’alternativa migliore tra le due tipologie di metodologie di calcolo è consigliabile farsi assistere da una commercialista esperto. 

  

Il nostro studio è disponibile a offrire consulenza in merito.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in

Dott. Leonardo Zappanico Dottore Commercialista Revisore Legale Dei Conti - Filottrano (AN)

Dott. Leonardo Zappanico Dottore Commercialista Revisore Legale Dei Conti

Commercialisti, Ragionieri ed Esperti contabili / Commercialisti

Via Xxx Giugno 21

60024 - Filottrano (AN)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo