Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Assistenza tecnica da difensore abilitato

Nuove regole per la difesa delle parti davanti alle commissioni tributarie

Assistenza tecnica da difensore abilitato - Nuove regole per la difesa delle parti davanti alle commissioni tributarie

L’art. 9 del d. lgs. 156/2015 sull’assistenza tecnica, la cui nuova rivoluzionata disciplina è entrata in vigore dal 1 gennaio 2016, ha inserito nuove regole per la difesa delle parti davanti alle commissioni tributarie. Nonostante la legge delega aveva come scopo quello della revisione delle soglie in relazione alle quali il contribuente può stare in giudizio personalmente e l’ampliamento dei soggetti abilitati a rappresentare i contribuenti davanti alle commissioni tributarie, il legislatore ha ripercorso la strada già avviata con la riforma del 1992. Il d.lgs n. 546/92, per la difesa nel processo tributario, aveva previsto una disciplina autonoma e diversa da quella che regolamenta il giudizio civile: non è previsto l’obbligo del ministero di un difensore, ma l’obbligo per la parte privata di assistenza tecnica da parte di un difensore abilitato. La riforma ha previsto che dal 1° gennaio 2016 l’obbligo di assistenza tecnica non sia imposto agli uffici, quali gli enti impositori, gli agenti della riscossione e i c.d. concessionari locali; inoltre, ha ampliato l’elenco dei professionisti, cioè dei soggetti, abilitati alla difesa dinanzi alle Commissioni Tributarie. La difesa tecnica può adesso essere svolta anche da soggetti non professionisti, quali ad esempio gli impiegati del CAF, per la peculiarità della materia, che potrebbero trovarsi anche in alcuni casi in conflitto di interessi. Il legislatore ha ancora una volta codificato semplicisticamente il processo tributario. Gli avvocati sono adesso paragonati a tutti gli effetti agli altri professionisti, anche non giuristi, senza nulla togliere alla professionalità e preparazione tecnica della materia che molti di loro hanno e continuano a mantenere, aggiornandosi quotidianamente nell’evoluzione della legislazione tributaria. La riforma non ha considerato la realtà quotidiana del processo tributario che, anche per cause di minimo valore, richiede lo studio di complicate questioni in diritto. Anche il legislatore del 2015 ha così ridimensionato l’importanza e il valore del processo tributario, relegandolo in una categoria inferiore, quasi l’anticamera del suo passaggio al processo civile, lasciando così che i tribunali si ingolfino ancora dovendo decidere anche in questa complicata materia. Per contro, la mediazione tributaria resta ancora oggi delegata alla “porta accanto” dell’ufficio accertamento dell’Agenzia delle Entrate ed il mediatore è …un funzionario dello stesso ufficio. 

 

Avv. Pierluigi Diso – Presidente della Camera degli Avvocati Tributaristi di Matera

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Notificazione del ricorso in Appello

La notificazione del ricorso può essere effettuata senza il tramite dell'ufficiale giudiziario, ma con l’obbligo di depositarne copia presso la segreteria della CTP

Continua

“Manca la fattura”? L’atto impositivo è nullo!

Il contribuente non è tenuto a presentare all’AdE le fatture necessarie per ricostruire il volume d’affari in mancanza di un’indicazione specifica sull`invito

Continua

Opposizione a decreto ingiuntivo

I poteri del giudice dell’esecuzione in materia condominiale

Continua

Condominio, può un condomino essere chiamato a pagare per tutti?

Può un creditore che ha notificato un decreto ingiuntivo nei confronti di un condominio procedere esecutivamente nei confronti di un solo condomino?

Continua

Spese condominiali, divisione tra proprietario e inquilino

La ripartizione delle spese condominiali è spesso fonte di discussione tra proprietario e inquilino. Chi è tenuto a pagarle?

Continua

Segnali verticali: multe da pagare anche con vizi formali

Tutti i segnali verticali sono corretti dal punto di vista amministrativo e le regole del codice della strada vanno rispettate comunque

Continua

L’affidamento in prova al servizio sociale dopo lo svuota carceri

Il legislatore ha tentato di affrontare il problema del sovraffollamento carcerario, divenuto ormai cronico, con misure alternative alla detenzione

Continua

Archiviazione dei reati di minore gravità

I reati sanzionati fino a 5 anni di reclusione o puniti con la pena pecuniaria saranno adesso considerati di minore gravità e archiviati

Continua

Molestia a mezzo mail o squilli del telefono

Il reato di molestie richiede che l’interesse tutelato, cioè l’ordine pubblico, sia violato e che tale violazione rechi un danno

Continua