Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Responsabilità civile

Precetto: mancato avviso di composizione crisi

Precetto valido: commento a Tribunale di Milano, n. 4347/2016

Precetto: mancato avviso di composizione crisi - Precetto valido: commento a Tribunale di Milano, n. 4347/2016

Il Tribunale di Milano, con la sentenza n. 4347/2016, affronta e risolve un’interessante questione riguardante le conseguenze derivanti dall’omesso inserimento nell’atto di precetto dell’avvertimento di cui all’art. 480, 2 comma ultima parte c.p.c., in cui si informa  il debitore che “può, con l’ausilio di un organismo di composizione della crisi o di un professionista nominato dal giudice, porre rimedio alla situazione di sovra indebitamento, concludendo con i creditori un accordo di composizione della crisi o proponendo agli stessi un piano del consumatore”. 

Com’è noto, l’art. 13 comma 1 lett a), del D.L. 83/2015, ha novellato l’art. 480 c.p.c., introducendo l’avvertimento al debitore di potere concludere con il creditore un accordo di composizione della crisi da sovraindebitamento, intesa quale situazione di perdurante squilibrio tra le obbligazioni assunte e il patrimonio prontamente liquidabile per farvi fronte, che determina la rilevante difficoltà di adempiere le proprie obbligazioni, ovvero la definitiva incapacità di adempierle regolarmente. 

Tuttavia, il legislatore, nell’introdurre avvertimento de quo, ha omesso di indicare le conseguenze del mancato inserimento, lasciando l’arduo compito di risoluzione della questione all’interpretazione giudiziale. 

Gli “avvertimenti” previsti dalle norme processuali svolgono una c.d. funzione di garanzia poiché rappresentano al destinatario dell’atto l’esistenza di situazioni giuridiche che lo stesso potrebbe ignorare, essendo, normalmente, sfornito di conoscenze tecniche. 

Pertanto, l’intenzione del legislatore è quella, per l’appunto, di informare il debitore dell’esistenza di una procedura destinata a perseguire obiettivi particolarmente importanti, quali “evitare inutili collassi economici con la frequente impossibilità di soddisfacimento dei creditori, ma soprattutto, con il ricorso al mercato dell’usura e, quindi, al crimine organizzato”. Tuttavia, sino a oggi, l’istituto ha avuto applicazioni limitatissime proprio per la scarsa informazione dei debitori. 

Nella sentenza in esame il Tribunale meneghino ribadisce quanto già affermato nell’ordinanza del 18.02.2016, qualificando tale mancanza alla stregua dell’irregolarità, superando così la precedente ordinanza del 23 dicembre 2015 che sanzionava con la nullità il mancato inserimento dell’avvertimento. 

In particolare, si evidenzia come l’accesso alle procedure di sovraindebitamento della crisi non sia caratterizzato da forme particolari né soggiaccia a determinati termini e, conseguentemente sia da considerare quale mera informativa per il debitore che, se lo riterrà opportuno, ha la facoltà di depositare un ricorso per la composizione della crisi. Non solo. Il Tribunale prosegue con l’analisi dei seguenti aspetti a sostegno della tesi dell’irregolarità: 

-          l’art 156, comma 1 c.p.c. esclude che si possa dichiarare la nullità degli atti processuali qualora ciò non sia espressamente prevista dalla legge; 

-          la nullità di un atto processuale non può mai essere  pronunciata se l’atto ha raggiunto lo scopo cui è destinato a norma dell’art. 156, comma 3, c.p.c. Il precetto ha tradizionalmente lo scopo di invitare il debitore all’adempimento spontaneo e non si vede come l’omesso avvertimento circa la facoltà di cui alla l. 3/2012 possa pregiudicare il raggiungimento di tale scopo; 

-          la giurisprudenza è unanime nel ritenere che, in sede esecutiva, il debitore non vanta alcun interesse alla mera regolarità formale del processo esecutivo, ma , allorquando denunci un vizio debba allegare il concreto pregiudizio subito. 

A tale conclusione non può che giungersi anche da un’analisi del dato letterale della norma, ove emerge che il legislatore qualora abbia voluto sanzionare con la nullità la mancanza di alcuni dati all’interno del precetto l’abbia esplicitamente indicato (es. mancata indicazione delle parti ovvero omessa indicazione della data di notifica del titolo esecutivo) e ciò non può dirsi per la mancanza dell’avvertimento in esame. Pertanto, si può concludere che pur in mancanza del predetto avviso, l’atto sia comunque idoneo a raggiungere lo scopo processuale per il quale è ordinato e che si identifica con l’intimazione rivolta al debitore della necessità di adempiere entro il termine di 10 giorni.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Responsabilità civile

Madonna Avv. Gianluca Studio Legale - Bergamo (BG)

Madonna Avv. Gianluca Studio Legale

Avvocati / Civile

Via Jacopo Palma Il Vecchio 45

24122 - Bergamo (BG)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Revoca dell’amministratore di una Srl

Devono sussistere gravi irregolarità nella gestione della società. Ecco un caso

Continua

Convivente more uxorio: opposizione dell`archiviazione

Il convivente more uxorio può presentare opposizione nel caso in cui la persona offesa sia deceduta in conseguenza del reato

Continua

Immobile assegnato al coniuge

Quale tutela per il terzo acquirente di immobile assegnato al coniuge non proprietario ma affidatario dei figli minori?

Continua

Stepchild adoption a due papà

L`istituto è di fatto già esistente nel nostro ordinamento. Sentenza storica del Tribunale per i Minorenni di Roma

Continua

Minori: omessa corresponsione mezzi sostentamento

Lettura critica del delitto: è necessario un inadempimento serio e sufficientemente protratto a prescindere da un provvedimento del giudice civile

Continua

Direttiva 2014/17/UE

Con l`attuazione della Direttiva 2014/17/UE, l`abrogazione del divieto di patto commissorio?

Continua

Incostituzionale la legge pinto

La Consulta boccia il termine per il procedimento volto all’equo indennizzo determinato da irragionevole durata del processo

Continua

Identità genere: cambio di sesso senza operazione

La Suprema Corte interviene sulla necessità o meno dell’intervento chirurgico quale presupposto per la rettifica anagrafica del sesso

Continua

Consegna all'ufficiale giudiziario dell'atto

Azione revocatoria: la prescrizione è interrotta dalla consegna all’ufficiale giudiziario dell’atto, indipendentemente dalla ricezione

Continua

Opposizione a D.I.: a chi spetta la mediazione

Spetta all`opponente, a pena di improcedibilità, esperire il tentativo di mediazione obbligatoria

Continua

Ristrutturazione: edifici crollati o demoliti

Rassegna della giurisprudenza sull'art. 3, d.p.r. 380/2001 così come modificato dal c.d. Decreto del Fare.

Continua

Gestione dei rifiuti: natura del FIR

Brevi precisazioni in merito alla sentenza della Corte di Cassazione N. 43613 del 29/10/2015 sulla distinzione tra il FIR e il certificato di analisi dei rifiuti

Continua

La compensazione delle spese di lite

Come la compensazione delle spese premierebbe la contumacia dei debitori di crediti “irrisori” – Quali diritti per chi agisce?

Continua

SCIA: luci e ombre anche dopo la riforma della PA

Lettura critica della segnalazione certificata di inizio attività

Continua