Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Condominio, può un condomino essere chiamato a pagare per tutti?

Può un creditore che ha notificato un decreto ingiuntivo nei confronti di un condominio procedere esecutivamente nei confronti di un solo condomino?

Condominio, può un condomino essere chiamato a pagare per tutti? - Può un creditore che ha notificato un decreto ingiuntivo nei confronti di un condominio procedere esecutivamente nei confronti di un solo condomino?

E’ stato esaminato dalla Corte di Cassazione il caso in cui l’avvocato di un fornitore aveva notificato un decreto ingiuntivo, divenuto poi esecutivo, al condominio in persona del suo amministratore pro-tempore. Non avendo ricevuto alcuna opposizione al detto decreto ingiuntivo, il fornitore ha notificato l’atto di precetto ad un condomino ritenuto solvibile. Quest’ultimo ha però proposto opposizione agli atti esecutivi (art. 617 cpc) in quanto a lui non era stato preventivamente notificato il titolo esecutivo, così come previsto dall’art. 654 c. 2 cpc. Alcuni tribunali hanno infatti escluso che il creditore debba rinotificare il titolo esecutivo prima di procedere esecutivamente, ritenendo il condominio un ente di gestione privo di personalità giuridica distinta da quella dei suoi partecipanti e quindi i creditori possono direttamente procedere contro ogni singolo condomino per l’intero debito contratto dal condominio e quindi dal suo amministratore nell’interesse comune. Alcuni giudici di merito ritengono infatti che basti che nell’atto di precetto sia fatta menzione del provvedimento che ha disposto l’esecutorietà e dell’apposizione della formula ex art. 475 c. 3 cpc. 

 

La Cassazione si è espressa in merito sin dal 2011. 

Occorre infatti che il titolo esecutivo (decreto ingiuntivo) sia notificato preventivamente all’esecutato in quanto il principio di cui all’art. 654 cpc è applicabile solo nei confronti dell’ingiunto e nel caso di specie era il condominio e non il singolo condomino solvibile. 

Deve sempre riconoscersi al soggetto passivo dell’esecuzione il diritto di avere notizia e piena cognizione della natura del titolo in forza del quale si procede nei suoi confronti. Infatti, l’amministratore ha la rappresentanza del condominio e non dei singoli condomini, cioè di centri di imputazione diversi da quelli comuni del condominio stesso, nonostante i singoli condomini possano essere chiamati a rispondere dei debiti del condominio. 

 

In assenza di un’esplicita previsione normativa che stabilisca il principio di solidarietà fra condomini e condominio, il singolo condomino risponderà dei debiti contratti dall’amministratore nell’interesse del condominio solo limitatamente alla sua quota per il principio in forza del quale le obbligazioni fungibili (in denaro) sono divisibili, sia perché l’amministratore ha in precedenza avuto un mandato da tutti i condomini e quindi ognuno di questi è responsabile del mandato conferito solo in relazione alla sua quota di proprietà.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Notificazione del ricorso in Appello

La notificazione del ricorso può essere effettuata senza il tramite dell'ufficiale giudiziario, ma con l’obbligo di depositarne copia presso la segreteria della CTP

Continua

“Manca la fattura”? L’atto impositivo è nullo!

Il contribuente non è tenuto a presentare all’AdE le fatture necessarie per ricostruire il volume d’affari in mancanza di un’indicazione specifica sull`invito

Continua

Opposizione a decreto ingiuntivo

I poteri del giudice dell’esecuzione in materia condominiale

Continua

Assistenza tecnica da difensore abilitato

Nuove regole per la difesa delle parti davanti alle commissioni tributarie

Continua

Spese condominiali, divisione tra proprietario e inquilino

La ripartizione delle spese condominiali è spesso fonte di discussione tra proprietario e inquilino. Chi è tenuto a pagarle?

Continua

Segnali verticali: multe da pagare anche con vizi formali

Tutti i segnali verticali sono corretti dal punto di vista amministrativo e le regole del codice della strada vanno rispettate comunque

Continua

L’affidamento in prova al servizio sociale dopo lo svuota carceri

Il legislatore ha tentato di affrontare il problema del sovraffollamento carcerario, divenuto ormai cronico, con misure alternative alla detenzione

Continua

Archiviazione dei reati di minore gravità

I reati sanzionati fino a 5 anni di reclusione o puniti con la pena pecuniaria saranno adesso considerati di minore gravità e archiviati

Continua

Molestia a mezzo mail o squilli del telefono

Il reato di molestie richiede che l’interesse tutelato, cioè l’ordine pubblico, sia violato e che tale violazione rechi un danno

Continua