Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto di famiglia

I diritti dei figli dopo la separazione

Spesso nelle controversie di separazione e divorzio assistiamo `all'utilizzo` dei figli quale strumento per colpire l’altro coniuge

I diritti dei figli dopo la separazione - Spesso nelle controversie di separazione e divorzio assistiamo `all'utilizzo` dei figli quale strumento per colpire l’altro coniuge

I figli non sono trofei da conquistare ed esibire. 

Spesso, nelle controversie di separazione e divorzio, assistiamo "all'utilizzo" dei figli quale strumento per colpire l’altro coniuge; la coppia piuttosto che salvaguardare gli interessi del figlio, i suoi bisogni, le sue aspettative tende a conferirgli il ruolo di alleato ed il minore, già provato da una crisi familiare che lo ha segnato, si sente responsabile, in parte, del fallimento della propria famiglia. A tale stato di cose si aggiunge il conflitto tra il genitore presso cui è collocato il figlio che ostacolerà i rapporti con l’ex coniuge e il genitore che “ha perso” e che, pertanto, vuole recuperare. Il figlio viene posto dai genitori, come “strumento” per denigrare il coniuge, per diradare i rapporti da un lato ed enfatizzarne altri, si apre una guerra anche a chi tra i due genitori appare migliore agli occhi del figlio, a chi concede maggiormente contro chi, è costretto ad essere più duro, più severo, si perde quella complicità tra genitori volta a crescere e ad educare nel migliore dei modi il figlio, probabilmente perché nella crisi di coppia i coniugi dimenticano il ruolo di genitori, ruolo che permarrà per tutta la vita, a prescindere dalla disgregazione o dall’unità della famiglia. 

Ci si dimentica che la legge ha riconosciuto al minore il diritto alla propria famiglia, e che la Convenzione sui diritti dell’infanzia dell’Onu prevede il diritto del bambino a conservare le sue relazioni familiari con entrambi i genitori. Conseguentemente esiste un diritto del bambino a conservare la genitorialità, diritto in virtù del quale dovrebbe essere sempre favorito il mantenimento di un rapporto continuo e costante tra il minore ed il genitore da cui vive separato. 

Il nostro ordinamento prevede solo una sanzione per il genitore che si sottrae ai doveri economici, non è previsto alcunché per il genitore non collocatario che non visiti mai il figlio, che non mantenga rapporti con lo stesso, che non scriva o non dia notizia di sé. 

Probabilmente il vuoto del nostro ordinamento è dato dal disinteresse verso doveri che non siano di natura economica, come se nell’ambito di un procedimento di separazione e /o divorzio, a primeggiare sia soltanto l’aspetto economico e non anche quello legato a relazioni familiari e affettive.Forse, tale stato di cose, è dato anche (e soprattutto) dall’interesse che manifesta il genitore convivente con il minore; un interesse nient’altro che monetario; il genitore spesso dimentica di curare la sfera affettiva del figlio, come se un genitore potesse essere sufficiente a colmare quel vuoto lasciato dalla latitanza dell’altro che in seguito alla separazione, ha dimenticato di essere tale. 

Visto e considerato che è previsto un diritto alla famiglia e alla genitorialità ma non sono predisposti, ad oggi, gli strumenti opportuni affinché questi diritti dei minori trovino concreta applicazione, sarebbe opportuno che ogni genitore, convivente e non, tutelasse il proprio figlio, la sfera affettiva di questo e tutto quanto sia indispensabile e fondamentale per la crescita e la formazione della persona. Responsabilizziamoci quindi come genitori, tralasciamo le inutili guerre tra ex coniugi, un giorno i nostri figli potranno solo ringraziarci ed essere fieri di come, anche da una separazione, possa permanere sempre e comunque l’amore per i propri figli. 

Perché l’amore tra coniugi può anche finire, ma quello per i propri figli mai,  ed il miglior regalo che possiamo loro fare è quello di tutelare i loro diritti, in particolare il diritto a mantenere rapporti con entrambi i genitori, in maniera del tutto equa, civile e responsabile.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto di famiglia

Avv. Maddalena Giacalone - Marsala (TP)

Avv. Maddalena Giacalone

Avvocati / Civile

Via Mazzini 135

91025 - Marsala (TP)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Svolta storica. La legge sulle unioni civili

Cosa cambia con l'approvazione del testo sulle unioni civili

Continua