Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Il regime IVA sulla raccolta dei tartufi

Chi trova un tartufo, si sa, trova un tesoro. Ma come la mettiamo con il Fisco?

Il regime IVA sulla raccolta dei tartufi - Chi trova un tartufo, si sa, trova un tesoro. Ma come la mettiamo con il Fisco?

Chi trova un tartufo, si sa, trova un tesoro. Il preziosissimo tubero, amato dai palati più fini ed esigenti, ha un costo che non è affatto peregrino paragonare a quello di un metallo prezioso, e trovarne uno nei boschi dietro casa oppure inerpicandosi nei pendii più impervi è quasi come trovare una pepita d’oro. 

Ma come la mettiamo con il Fisco? Se un tempo non esistevano norme in materia e dunque occorreva applicare le regole più generali, è dal 2005 che sussiste una normativa IVA specifica. 

Precisiamo che la norma riguarda i raccoglitori occasionali: per coloro che fanno della ricerca del tartufo (e magari della sua coltivazione) un’attività continuativa è ovvio che occorre aprirsi una partita IVA e comportarsi di conseguenza. Ma che succede a chi trova un tartufo in forma casuale o comunque dilettantesca? 

Finché sceglie di consumarlo a casa propria, nulla di particolare. Ma se invece intende rivenderlo ad un commerciante il discorso si complica… ma solo per il commerciante! La legge prevede infatti che costui emetta un’autofattura: deve cioè redigere un documento simile ad una normale fattura, ma in cui il commerciante che la compila risulta il cessionario e non il cedente. Non solo: il cedente resterà del tutto anonimo, poiché - in deroga alle regole ordinarie - nell’autofattura non deve apparire alcun dato anagrafico del nostro raccoglitore dilettante. 

Ipotizziamo ora che il prezzo di vendita sia pari a cento euro: nell’autofattura il cessionario dovrà aggiungere il 22% di IVA, che dovrà versare di tasca propria all’Erario. In pratica, il commerciante pagherà in tutto 122 euro: 100 che darà al raccoglitore e 22 che darà allo Stato. E, al contrario di quanto avverrebbe normalmente, l’IVA in questione è totalmente indetraibile: il commerciante dovrà dunque rassegnarsi a pagarla di tasca propria senza possibilità di recuperarla. 

Quanto al raccoglitore, egli non ha obblighi contabili di nessun genere. Ai fini dell’imposta sul reddito, peraltro, egli sarebbe tenuto a dichiarare l’importo incassato nella categoria dei “redditi diversi” (sottocategoria: attività commerciali svolte in forma occasionale). Ma il totale anonimato garantito all’operazione fa sì che questa sia più una chimera che una possibilità reale. Peraltro, il raccoglitore onesto che volesse dichiarare questi incassi potrebbe dedurre dal reddito le eventuali spese sostenute per questa sua attività occasionale, posto che tali spese siano regolarmente documentate da fattura e sia possibile dimostrare l’inerenza con i ricavi dichiarati. 

Rimane infine da segnalare come la norma in questione sia, con tutta probabilità, contraria alle norme comunitarie e sia quindi destinata ad essere cassata prima o poi dalla Corte di Giustizia: sia perché l’indetraibilità dell’IVA posta a carico del cessionario non trova alcun appiglio normativo, sia soprattutto perché nessuna operazione compiuta da chi non esercita un’attività di impresa dovrebbe rientrare nel campo di applicazione dell’imposta.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Dr. Giuseppe Aymerich - Cagliari (CA)

Dr. Giuseppe Aymerich

Commercialisti, Ragionieri ed Esperti contabili / Commercialisti

Via Fleming 2/A

09125 - Cagliari (CA)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Diritto camerale 2016

Anche quest’anno i titolari di reddito d’impresa sono tenuti al versamento del diritto annuale alla Camera di Commercio. Ma quanto si paga?

Continua

L'indegnità nelle successioni

Il marito eredita dalla moglie e la moglie dal marito. Ma è sempre così? Cosa accade se uno dei due ha assassinato l'altro?

Continua

Il numero di partita IVA sulla homepage

Se quasi ogni imprenditore e professionista ha ormai varato il proprio sito web, non tutti sanno che il Fisco sanziona una piccola violazione formale

Continua

Cessione/affitto d'azienda: divieto di concorrenza

Colui che cede o affitta la sua azienda ha l'obbligo di astenersi dalla concorrenza nei confronti della controparte. Che contorni ha questo divieto?

Continua

Esenzione canone Rai per over-75

Le persone di età avanzata e con un reddito modesto possono chiedere di essere totalmente esentati dal canone Rai. Ma quali sono i requisiti?

Continua

Le quote di legittima

Coniuge, figli e genitori possono pretendere una parte dell'eredità del defunto, qualunque cosa dica il testamento? E quali sono le varie ipotesi?

Continua

Le imposte sulla dichiarazione di successione

Quali tasse occorre pagare quando si presenta la dichiarazione di successione? E come si calcolano? Scopriamolo insieme!

Continua

La tassa sui libri sociali per il 2016

Come ogni anno, entro il 16 marzo occorre pagare la tassa annuale sui libri sociali. A quanto ammonta? E chi è tenuto al pagamento?

Continua

Agevolazioni INPS per i contribuenti forfettari

Gli imprenditori aderenti al regime forfettario hanno tempo fino al 28 febbraio per richiedere all'INPS le agevolazioni sui contributi minimi!

Continua

La marca da bollo sulle fatture

Ma sulle fatture va messa la marca da bollo? E quando? Vediamo di fare chiarezza!

Continua

Come pagare un modello F24

Ormai la grande maggioranza dei pagamenti di imposte e contributi avviene con il modello F24. Ma quali sono i vincoli che occorre rispettare?

Continua