Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto tributario

Niente Iva sui rifiuti

L'imposta sui rifiuti non va assoggettata ad Iva e il contribuente può chiedere il rimborso dell'aliquota Iva illegittimamente applicata.

Niente Iva sui rifiuti - L'imposta sui rifiuti non va assoggettata ad Iva e il contribuente può chiedere il rimborso dell'aliquota Iva illegittimamente applicata.

La tassa sui rifiuti ha visto una complessa evoluzione a partire dalla Tarsu, passando per T.i.a. 1,  T.i.a. 2 e Tares, per giungere oggi alla Tari (ricompresa nello Iuc). Nell’arco di questo avvicendamento si è presentato, diversamente declinato, il problema della sottoposizione ad Iva delle tariffe sui rifiuti. 

Per quanto concerne la Tarsu, la Corte Costituzionale ne ha rilevato la natura tributaria, con conseguente estraneità all’orbita applicativa dell’Iva, facendo anche espresso riferimento alla T.i.a. 1 (Corte Cost., sent. 24/07/2009 n. 238)

Nello specifico della T.i.a. 1 (art. 49, D.Lgs. 22/1997) si segnala la recentissima sentenza a Sezioni Unite della Corte di Cassazione, che hanno abbracciato l’orientamento per cui la tariffa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani ha natura tributaria e non è soggetta ad I.v.a. (Cass. civ., SS.UU., 15/03/2016 n. 5078)

Infatti, osservano le Sezioni Unite, l’I.v.a. colpisce la capacità contributiva che si manifesta nel momento in cui si acquisiscono beni o servizi versando un corrispettivo, in linea con quanto previsto dall'art. 3, D.P.R. 633/72. Diversamente, la T.i.a. 1 presenta caratteri prettamente impositivi in quanto espressione di potere autoritativo, ravvisabile nell'assenza di volontarietà nel rapporto tra gestore del servizio ed utente nonché nella predeterminazione dei costi da parte del soggetto pubblico. 

A tale ultimo proposito la Corte di Cassazione (Cass. civ, sez. trib., 10/03/2015 n. 4723) aveva già osservato come l'assenza di corrispettività è insita nel meccanismo di commisurazione del tributo sui rifiuti, suddiviso in parte fissa (concernente le componenti essenziali del costo del servizio) e parte variabile (rapportata alle quantità di rifiuti conferiti, al servizio fornito, e all'entità dei costi di gestione). 

La non imponibilità Iva della tassa sui rifiuti è compatibile con l’ordinamento europeo; infatti la Corte di Giustizia (CGE. sent. 16/07/2009 causa n. C-254/08) ha chiarito che il principio comunitario del "chi inquina paga", in forza del quale il costo dello smaltimento dei rifiuti deve essere sostenuto dai detentori dei medesimi, non osta a che gli Stati membri adattino il contributo in funzione di categorie di utenti determinati secondo la loro rispettiva capacità a produrre rifiuti urbani e non sulla base del quantitativo di rifiuti effettivamente prodotto e conferito, senza che si ravvisi una violazione dell'art. 15, lett. a), della Direttiva 2006/12. 

La situazione è mutata in vigenza della T.i.a. 2 (art. 238, D.Lgs. 152/06), la cui assoggettabilità ad Iva deriva dall’art. 14, comma 33, D.L. 78/10, ai sensi del quale “Le disposizioni di cui all'articolo 238 del decreto legislativo 3 aprile 2006 n. 152, si interpretano nel senso che la natura della tariffa ivi prevista non è tributaria”. Per inciso  

Tuttavia la Corte di Cassazione ha chiarito che tale norma interpretativa incide unicamente sui rapporti successivi all’entrata in vigore del D.Lgs. 152/06 (Cass. civ., sez. trib. 13/04/2012 n. 5831). Dunque deve ritenersi che le istanze di rimborso Iva, riguardanti le imposte sui rifiuti del sistema normativo precedente, rimangono degne di accoglimento. 

Per quanto concerne la più recente Tares, l’art. 14 D.L. 201/11 la qualifica espressamente come “tributo”. Allo stesso modo la Tari, attualmente vigente, viene definita come “tassa” dall’art. 1, commi 639 e ss., L. 147/13. 

Dunque, la definizione legislativa è piuttosto chiara nel ricondurre le tariffe all’interno del perimetro fiscale, in mancanza tra l’altro di una norma interpretativa di segno contrario alla strgua del citato art. 14 per la T.i.a. 2. 

Ne deriva che il carattere autoritativo di Tares e Tari, la predeterminazione dei costi da parte del soggetto pubblico, l’assenza di un rapporto sinallagmatico, militano nel senso di escludere Tares e Tari dall’ambito applicativo dell’Iva

 

Deve così concludersi che – salvo la parentesi temporale relativa alla T.i.a. 2 – l’imposta sui rifiuti non è tendenzialmente assoggettabile ad Iva e, laddove il contribuente abbia subito o si veda applicata la maggiorazione derivante dall’aliquota Iva, potrà opporsi al pagamento di  tale importo o, più semplicemente, richiederne il rimborso.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto tributario

Studio Legale Tributario Bugamelli - Ancona (AN)

Studio Legale Tributario Bugamelli

Avvocati / Civile

Via Trieste 43

60124 - Ancona (AN)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

La gestione commercianti Inps per il socio

La Corte di Cassazione torna sul tema dell'iscrizione Inps per il socio e ribadisce il proprio orientamento favorevole al contribuente

Continua

Imprecisioni nell'inventario e accertamento

La Corte di Cassazione pone i limiti di ragionevolezza

Continua

Parte la rottamazione delle liti fiscali

Dopo la rottamazione delle cartelle è possibile ottenere il condono di sanzioni e interessi di mora anche rispetto alle liti tributarie pendenti

Continua

Deducibilità dei costi di sponsorizzazione

La spese per sponsorizzare la propria azienda attraverso società e associazioni sportive è sempre deducibile

Continua

Diritto doganale e abuso del diritto

La Cassazione si sofferma sui presupposti applicativi dell'abuso del diritto in materia doganale

Continua

Accertamento fiscale tramite percentuali ricarico

L’applicazione di una percentuale di ricarico irragionevole invalida l’accertamento

Continua

Le ultime indicazioni sulla rottamazione

Ecco gli ultimi chiarimenti forniti da Equitalia e dall’Agenzia delle Entrate

Continua

Il diritto al contraddittorio del contribuente

La violazione del contraddittorio può comportare la nullità dell'atto ma le situazioni possono essere diverse e la giurisprudenza è ancora in divenire

Continua

Col reato raddoppia il termine di accertamento

Ultime novità sul raddoppio del termine di decadenza per notificare l'accertamento fiscale nel caso di notizia di reato

Continua

Casa trasferita senza tasse nella separazione

La cessione della casa al coniuge, nell'ambito della separazione e divorzio, è esentasse e non comporta la decadenza dai benefici fiscali prima casa

Continua

Utili non distribuiti equiparati ai finanziamenti

Gli utili non distribuiti equivalgono ad un mutuo in favore della società ed il socio rischia di pagare le imposte su interessi mai percepiti.

Continua

La rottamazione delle cartelle di pagamento

Breve sintesi dei presupposti e delle modalità per vedersi condonate le proprie pendenze con Equitalia (e non solo)

Continua

Contributi Inps dei dipendenti all'estero

L'impresa che versi i contributi del dipendente distaccato all'estero sul reddito convenzionale otterrebbe un bel risparmio. Ma gli spazi sono stretti

Continua

L'omesso versamento delle ritenute previdenziali

Depenalizzazione del reato fino a 10.000 euro e calcolo della soglia; momento consumativo e prescrizione; applicazione della sanzione amministrativa

Continua

Il credito Iva sopravvive all'omessa dichiarazione

Le Sezioni Unite affrontano il tema dell'omessa dichiarazione annuale in relazione al credito Iva maturato

Continua

Cedere la società equivale a cessione di azienda

La cessione dell’intera partecipazione societaria può corrispondere alla cessione di azienda ai fini dell'applicazione dell'imposta di registro

Continua

L'accertamento catastale: effetti e rimedi

La modificazione di categoria e rendita catastale va contrastata tempestivamente per evitare l'inasprimento permanente dei tributi legati all'immobile

Continua

Accordo col fisco e contributi Inps

Con Circolare 140/16 l'Inps fa il punto sugli effetti contributivi della mediazione tributaria, della conciliazione e dell'accertamento con adesione

Continua

Preavviso di ipoteca fiscale e risarcimento danni

Si torna sull'onere di Equitalia di comunicare il preavviso di iscrizione ipotecaria e di risarcire i danni derivanti dall'ipoteca illegittima.

Continua

Il rimborso spese per minimi e forfettari

Rimborsi di ristoranti, alberghi e viaggi possono far superare il limite di 30 mila euro. Le modifiche legislative del 2015 non sono ancora sufficienti

Continua

Rivendita della vecchia prima casa entro l'anno: alcune limitazioni

La possibilità di acquistare la "nuova" prima casa e di rivendere quella "vecchia" entro un anno incontra una prima interpretazione restrittiva

Continua

Il rimborso successivo al ravvedimento operoso

La Cassazione limita il rimborso di quanto erroneamente versato dal contribuente per sanare eventuali violazioni ma residuano ancora spazi di manovra

Continua

Contributo per i permessi di soggiorno: stop e rimborso

Corte di Giustizia e TAR Lazio dichiarano illegittimo il contributo previsto per il rilascio o il rinnovo del permesso di soggiorno agli stranieri

Continua

Rimborso del credito di imposta in dichiarazione

Le Sezioni Unite consentono al Fisco di rifiutare il rimborso senza termini di decadenza. Quali spazi residuano alla difesa del contribuente?

Continua

Niente Irap per medici associati o in convenzione

Il medico professionista convenzionato con la struttura ospedaliera e lo studio medico associato godono di un regime di esenzione dall'Irap. Vediamolo

Continua

Cessione di azienda e debiti fiscali pregressi

Il nuovo titolare dell'azienda venduta o conferita rischia di rispondere per le altrui precedenti pendenze fiscali, che vanno attentamente monitorate

Continua

I (nuovi) limiti delle presunzioni fiscali

La recente Circolare dell'Agenzia delle Entrate lascia sperare in un utilizzo più attento e meditato delle presunzioni negli accertamenti tributari.

Continua

Avviso di addebito e riscossione dei contributi Inps

L'avviso di addebito Inps per i contributi previdenziali implica varie problematiche su impugnazione e rapporti con l'eventuale accertamento fiscale

Continua

No al doppio giudizio penale e amministrativo

La giurisprudenza europea ritiene applicabile per lo stesso fatto una sola sanzione, penale o amministrativa, principio valido anche in ambito fiscale

Continua