Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Diritto camerale 2016

Anche quest’anno i titolari di reddito d’impresa sono tenuti al versamento del diritto annuale alla Camera di Commercio. Ma quanto si paga?

Diritto camerale 2016 - Anche quest’anno i titolari di reddito d’impresa sono tenuti al versamento del diritto annuale alla Camera di Commercio. Ma quanto si paga?

Anche quest’anno i titolari di reddito d’impresa sono tenuti al versamento del diritto annuale alla Camera di Commercio territorialmente competente. È previsto un progressivo accorpamento degli enti camerali e la conseguente scomparsa di quelli minori, ma ad oggi la circoscrizione di ogni Camera di Commercio corrisponde orientativamente a quello della provincia.
L’obbligo ricade su tutti coloro che, producendo un reddito d’impresa, sono tenuti all’iscrizione al Registro delle Impresa o, in subordine, al Repertorio Economico Amministrativo (R.E.A.).
Il diritto annuale deve essere versato alla stessa data prevista per il versamento del saldo sull’imposta dei redditi riferita all’anno precedente, e dunque tendenzialmente la scadenza ricade al 16 giugno. Va però detto che quasi ogni anno interviene una proroga di una ventina di giorni, anche se, secondo le indiscrezioni, per il 2016 risulta poco probabile. È comunque anche possibile pagare nei trenta giorni successivi incrementando l’importo dello 0,4% a titolo di interessi.
Per coloro che però si sono iscritti o si iscriveranno nel corso del 2016, la scadenza è fissata per i trenta giorni successivi alla data di iscrizione.
Il versamento deve avvenire tramite modello F24, con l‘utilizzo del codice tributo 3850 nella sezione “Enti Locali”. È consentito anche pagare in ritardo ricorrendo all’istituto del ravvedimento operoso, purché entro un anno dalla scadenza originaria e sempre che non sia pervenuto prima un atto di accertamento da parte della CCIAA.
Da ultimo, vediamo ora di approfondire a quanto ammonta il tributo, soffermandoci solo sulle ipotesi più importanti. Premettiamo che è in corso una progressiva riduzione pluriennale del diritto camerale, perciò il tariffario per il 2016 è meno oneroso rispetto al 2015 e sarà ulteriormente ribassato nel 2017.
Il calcolo è molto semplice per coloro che sono iscritti nella sezione speciale dei piccoli imprenditori, per cui è prevista una quota fissa di 53 euro, e per gli iscritti al R.E.A., il cui debito è di appena 18 euro; un conto più salato è per gli imprenditori individuali iscritti alla sezione ordinaria del Registro delle Imprese, che devono mettere mano al portafoglio per 120 euro.
Più complesso è il calcolo previsto per le società ed enti assimilati. Per questi soggetti, infatti, l’importo è determinato sulla base del fatturato del 2015, con l’applicazione di aliquote differenti secondo lo scaglione, con un minimo di 120 euro per il fatturato fino a duecentomila euro.
Tutti i valori descritti, comunque, possono essere soggetti a due tipi di incrementi.
Innanzitutto, per ogni singola unità locale occorre aggiungere all’importo (determinato come sopra) un’aggiunta pari al 20%. Ricordiamo, brevemente, che nella sostanza l’unità locale è qualsiasi ufficio, negozio, stabilimento, filiale riferibile all’impresa e diversa dalla sede principale.
In secondo luogo, la singola Camera di Commercio ha la facoltà di imporre una propria maggiorazione sull’importo dovuto, fino ad un massimo del 20%. Per il 2016 tale facoltà è stata esercitata da oltre una ventina di CCIAA, fra cui alcune piuttosto importanti come Palermo, Firenze, Siena, Perugia, Messina, Livorno e Catania.
 
 

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Dr. Giuseppe Aymerich - Cagliari (CA)

Dr. Giuseppe Aymerich

Commercialisti, Ragionieri ed Esperti contabili / Commercialisti

Via Fleming 2/A

09125 - Cagliari (CA)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Il regime IVA sulla raccolta dei tartufi

Chi trova un tartufo, si sa, trova un tesoro. Ma come la mettiamo con il Fisco?

Continua

L'indegnità nelle successioni

Il marito eredita dalla moglie e la moglie dal marito. Ma è sempre così? Cosa accade se uno dei due ha assassinato l'altro?

Continua

Il numero di partita IVA sulla homepage

Se quasi ogni imprenditore e professionista ha ormai varato il proprio sito web, non tutti sanno che il Fisco sanziona una piccola violazione formale

Continua

Cessione/affitto d'azienda: divieto di concorrenza

Colui che cede o affitta la sua azienda ha l'obbligo di astenersi dalla concorrenza nei confronti della controparte. Che contorni ha questo divieto?

Continua

Esenzione canone Rai per over-75

Le persone di età avanzata e con un reddito modesto possono chiedere di essere totalmente esentati dal canone Rai. Ma quali sono i requisiti?

Continua

Le quote di legittima

Coniuge, figli e genitori possono pretendere una parte dell'eredità del defunto, qualunque cosa dica il testamento? E quali sono le varie ipotesi?

Continua

Le imposte sulla dichiarazione di successione

Quali tasse occorre pagare quando si presenta la dichiarazione di successione? E come si calcolano? Scopriamolo insieme!

Continua

La tassa sui libri sociali per il 2016

Come ogni anno, entro il 16 marzo occorre pagare la tassa annuale sui libri sociali. A quanto ammonta? E chi è tenuto al pagamento?

Continua

Agevolazioni INPS per i contribuenti forfettari

Gli imprenditori aderenti al regime forfettario hanno tempo fino al 28 febbraio per richiedere all'INPS le agevolazioni sui contributi minimi!

Continua

La marca da bollo sulle fatture

Ma sulle fatture va messa la marca da bollo? E quando? Vediamo di fare chiarezza!

Continua

Come pagare un modello F24

Ormai la grande maggioranza dei pagamenti di imposte e contributi avviene con il modello F24. Ma quali sono i vincoli che occorre rispettare?

Continua