Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Responsabilità civile

Rinvio d'ufficio e costituzioni delle parti

Ecco cosa prevede la normativa ex art.168 bis ,4 e 5 c. c.p.c.

Rinvio d'ufficio e costituzioni delle parti - Ecco cosa prevede la normativa ex art.168 bis ,4 e 5 c. c.p.c.

La questione relativa al rinvio d’ufficio e la possibilità di posticipare i termini di costituzione delle parti è stata affrontata dalla Suprema Corte di Cassazione con la sentenza Sez. Un. Civili, 20 giugno 2007, n. 14288 in cui si affermava che “Nelle controversie assoggettate al rito del lavoro, al fine di verificare il rispetto dei termini fissati (per il convenuto in primo grado ai sensi dell'art. 416 cod. proc. civ. e per l'appellato in virtù dell'art. 436 cod. proc. civ.) con riferimento alla "udienza di discussione", non si deve aver riguardo a quella originariamente stabilita dal provvedimento del giudice, ma a quella fissata - ove, eventualmente, sopravvenga - in dipendenza del rinvio d'ufficio della stessa, che concreta una modifica del precedente provvedimento di fissazione, e che venga effettivamente tenuta in sostituzione della prima.”. Pertanto, nello specifico ambito del procedimento in materia di lavoro (ove la data per l’udienza è fissata in decreto), si terrà conto dello slittamento della data per effetto della comunicazione alle parti dalla cancelleria. In generale, invero, il rinvio d’ufficio è un’attività discrezionale e soggettiva. Risponde ad esigenze di razionalizzazione del lavoro e della concreta possibilità di conoscenza della questione da parte degli organi giudicanti. Al solo fine di completare l’argomentazione è necessario considerare quanto disposto all’art. 168 bis c.p.c., distinguendo le ipotesi previste dal quarto e dal quinto comma dello stesso. L’art. 168 bis , 4 c.c.p.c. prevede un rinvio automatico della prima udienza tenuta dinanzi al giudice desigato; il 5 c., invece, dispone circa il differimento dell’udienza disposto con decreto. Nel primo caso di rinvio, la conoscenza dello spostamento avviene per solo onere delle parti, attesa la mancata comunicazione dialcunchè alle stesse. Nell’ultima comma dell’art. 168 bis c.p.c., invece, per effetto di un potere discrezionale del giudice istruttore (oppure per ulteriori casi come quelli di scardinamento del ruolo ed assegnazione ad altro giudice), la cancelleria è tenuta ad inviare apposita comunicazione alle parti costituite. Si mementa, infatti che, subito dopo la designazione del giudice istruttore il cancelliere iscrive la causa sul ruolo della sezione, su quello del giudice istruttore e gli trasmette il fascicolo. Se nel giorno fissato per la comparizione il giudice istruttore designato non tiene udienza, la comparizione delle parti è d’ufficio rimandata all’udienza immediatamente successiva tenuta dal giudice designato. Il giudice istruttore può differire, con decreto da emettere entro cinque giorni dalla presentazione del fascicolo, la data della prima udienza fino ad un massimo di quarantacinque giorni. In tal caso il cancelliere comunica alle parti costituite la nuova data della prima udienza. Quindi, riflettendo sui termini di costituzione delle parti, nel caso del rinvio di ufficio ex art. 168 bis ,4 c., c.p.c., all’udienza immediatamente successiva, bisognerà tener conto dell’udienza fissata con l’atto di citazione e dunque anche la costituzione del convenuto (art. 166 c.p.c.), ai fini della tempestività della stessa, deve avvenire in relazione all’udienza indicata nell’atto di citazione e non a quella automaticamente rinviata, nella diversa ipotesi di cui all’art. 168 bis,5 c.,c.p.c., in cui il differimento dell’udienza deriva dal provvedimento del giudice (che avrebbe dovuto tenere udienza, secondo il decreto del Presidente del Tribunale, a norma dell’art. 69-bis c.p.c., nel giorno indicato nell’atto di citazione), i termini di comparizione e di costituzione, anche ai fini della tempestività delle domande di cui all’art. 167 c.p.c., devono esser computati in relazione alla data dell’udienza differita e non a quella indicata nell’atto di citazione, ed ancorché il provvedimento di differimento sia stato adottato oltre il termine di cinque giorni dalla presentazione del fascicolo.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Responsabilità civile

Avv. Maria Augusto - Quarto (NA)

Avv. Maria Augusto

Avvocati / Civile

Via Santamaria,192 Scala B

80010 - Quarto (NA)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Servitu' atipiche e materia condominiale

Servitu' atipiche e limitazione all'esercizio del diritto

Continua

Abusivo frazionamento del credito

Abuso del processo, temerarietà della causa, condanna ex art. 96 c.p.c. per responsabilità aggravata sono temi sempre piu’ rilevanti nell’ambito stragiudiziale e giudiziale

Continua

Foro del consumatore: sempre clausola vessatoria???

1.art.33 codice del consumo 2. ordinanza 2016 Suprema Corte di Cassazione

Continua

Phishing: 2° parte

La responsabilità della banca. L`onere probatorio

Continua

Phishing: 1° parte

La responsabilità del cliente e della banca

Continua

Processo telematico e diritto di famiglia (II PARTE)

Allegazione degli atti nel processo telematico

Continua

Processo telematico e diritto di famiglia (I PARTE)

La donna divorziata può mantenere il cognome del marito se sussiste un interesse meritevole suo e dei suoi figli

Continua

Vendita senza conformità catastale? (II PARTE)

L’omissione della dichiarazione di conformità allo stato di fatto della planimetria dell’immobile e dei dati catastali determina la nullità dell’atto

Continua

Vendita senza conformità catastale? (I PARTE)

L’omissione della dichiarazione di conformità allo stato di fatto della planimetria dell’immobile e dei dati catastali determina la nullità dell’atto

Continua

Il nuovo reato di Grooming

1.struttura del reato di groomig 2.evoluzione del reato

Continua

Prorogatio ad interim dell'amministratore

Poteri e attività dell'amministratore di condominio nei casi di revoca e dimissioni e/o cessazione naturale dell'incarico

Continua

Rateizzazione Equitalia

E` divenuto lo strumento tipico di frazionamento del debito che consente il pagamento fino a 120 rate

Continua

Rateizzazione Equitalia

E` divenuto lo strumento tipico di frazionamento del debito che consente il pagamento fino a 120 rate

Continua

Il valore della firma digitale nel processo telematico

La sentenza redatta in formato elettronico dal giudice e da questi sottoscritta con firma digitale non è affetta da nullità

Continua

Nuovo Fondo di solidarietà in materia di famiglia

Permette la tutela al coniuge che, titolare dell`assegno al mantenimento, non riceva alcun contributo dall`ex coniuge

Continua

Responsabilita' per danno cagionato da animali

Suprema Corte di Cassazione sentenza n. 15 Dicembre 2015 n. 25223

Continua

Quietanza di pagamento: risvolti giurisprudenziali

2) Parte seconda

Continua

Quietanza di pagamento: risvolti giurisprudenziali

1) Parte prima: quietanza tipica e atipica 2) Parte seconda: risvolti giurisprudenziali

Continua

Portatori di un contrassegno invalidi: cosa si può fare

1. Contrassegno invalidi 2. Contrassegno invalidi europeo 3. Linee giurisprudenziali a sostegno del portatore 4. Sosta vietata: facoltà legittima

Continua

Tassa sui condizionatori? Meglio un po' di chiarezza

1. Riflessioni sulla recente normativa sui condizionatori

Continua