Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Prorogatio ad interim dell'amministratore

Poteri e attività dell'amministratore di condominio nei casi di revoca e dimissioni e/o cessazione naturale dell'incarico

Prorogatio ad interim dell'amministratore - Poteri e attività dell'amministratore di condominio nei casi di revoca e dimissioni e/o cessazione naturale dell'incarico

Analizzando la disciplina dell’istituto della revoca dell’amministratore di condominio, è necessario precisare alcuni aspetti di notevole importanza. Vi è differenza tra la cessazione naturale dell’incarico o dimissioni dell’amministratore e la revoca dello stesso con nuova nomina. Nel caso di cessazione naturale dell’incarico o dimissioni dell’amministratore, quest’ultimo mantiene i suoi poteri; nel caso di revoca con nomina del nuovo amministratore, quest’ultimo perde tutti i poteri connessi alla sua carica. Non dimentichiamo che i rapporti tra condominio e amministratore si reggono sulle norme dettate in relazione al contratto di mandato; in particolare, l’amministratore si qualifica come un ufficio di diritto privato assimilabile al mandato con rappresentanza (Cass. S.U. 9148/08). 

Pertanto, l’amministratore cessato dalla carica per scadenza naturale o per le dimissioni volontarie, mantiene i suoi poteri (cd. prorogatio imperii) compresa la rappresentanza in giudizio fino alla nomina del nuovo sostituto (Cass 1987 n. 9501). La prosecuzione ad interim dei poteri, attestante una situazione provvisoria, garantisce la continuità gestionale del condominio. Il codice si limita a disporre, nell'art. 1129 c.c. modificato dalla riforma, che al momento della cessazione dalla carica per qualsiasi ragione, l'amministratore ha l'obbligo di "eseguire le attività urgenti al fine di evitare pregiudizi agli interessi comuni senza diritto ad ulteriori compensi". Sembra quindi che, lo stesso, attesa anche l'assenza di corrispettivi per lo svolgimento delle suddette attività, possa solo esercitare le operazioni ordinarie e il disbrigo degli affari correnti, non procrastinabili, poichè pregiudizievoli per il condominio, nell'attesa del passaggio di consegne al suo successore (così, tra le tante, Cass. 21 dicembre 1987 n. 9501). 

Leggermente differente la situazione nel caso in cui l'amministratore è stato revocato

In tal caso, egli perde i propri poteri di rappresentanza del condominio e, di conseguenza, non può agire in nome e per conto della compagine, firmando, ad esempio, la procura alle lite per il deposito di un ricorso per decreto ingiuntivo (ved. Cass. sent. n. 3588/93;Trib. 11 febbraio 2011 n. 2959). In tal senso, il Tribunale di Roma, in una propria sentenza resa nel 2011, ha specificato che è da escludere che, una volta nominato il nuovo amministratore, a quello dimissionario fosse ancora consentito esercitare i poteri connessi alla carica. Infatti, il noto principio, in base al quale l'amministratore di un condominio, anche dopo la cessazione della carica per scadenza del termine di cui all'art. 1129 cc. o per dimissioni, conserva ad interim i suoi poteri e può continuare ad esercitarli fino a che non sia stato sostituito da altro amministratore, fondandosi su una presunzione di conformità di una siffatta perpetuatio di poteri all'interesse ed alla volontà dei condomini, non trova applicazione quando risulti, viceversa, (come nel caso in esame) una volontà di questi ultimi, espressa con delibera dell'assemblea condominiale, contraria alla conservazione dei poteri di gestione da parte dell'amministratore cessato dall'incarico (Cass. sent. n. 1445/93 ; n. 9501/87; Trib. 11 febbraio 2011 n. 2959). Ma anche a voler prescindere dalle evidenze di cui sopra, ancora piu’ significativa appare la considerazione secondo cui il nuovo art. 1129, 8 comma, c.c. recita che “Alla cessazione dell’incarico l’amministratore è tenuto (…) a eseguire le attività urgenti al fine di evitare pregiudizi agli interessi comuni senza diritto ad ulteriori compensi “. A tal proposito è necessaria una corretta definizione delle attività condominiali soffermandosi sui concetti di ordinarietà, straordinarietà ed urgenza. L’attività ordinaria attiene alle opere utili al mantenimento della efficienza del bene comune; l’attività straordinaria è caratterizzata dalla eccezionalità dell’evento e riguarda tutte le attività prive di ciclicità (eventi risolvibili con uso di fondi speciali). L’attività urgente, infine, va intesa come impossibilità di differire all‘Assemblea la decisione, essendovi il fondato motivo, di temere che, nel periodo di vacanza si incorra in danni a cose e /o a lesioni per le persone. Una visione completa di quanto sino ad ora esposto, comporta la considerazione che il recupero dei crediti non è un’attività urgente, cosi come la rappresentanza in giudizio. Si precisa che, la suddetta questione rileva nelle sue massime connotazioni nei casi di revoca da parte dell’assemblea. Infatti, in tal caso la delibera condominiale è espressione della compagine sociale.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta
1 Commento

Migliore Fiorenzo

17/01/2017 13:58

E nel caso di condominio minimo, all'amministratore dimissionario trova applicazione l'istituto della prorogatio imperii?

Rispondi

In risposta al commento di Migliore Fiorenzo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta
Annulla

L'autore è esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Servitu' atipiche e materia condominiale

Servitu' atipiche e limitazione all'esercizio del diritto

Continua

Abusivo frazionamento del credito

Abuso del processo, temerarietà della causa, condanna ex art. 96 c.p.c. per responsabilità aggravata sono temi sempre piu’ rilevanti nell’ambito stragiudiziale e giudiziale

Continua

Foro del consumatore: sempre clausola vessatoria???

1.art.33 codice del consumo 2. ordinanza 2016 Suprema Corte di Cassazione

Continua

Phishing: 2° parte

La responsabilità della banca. L`onere probatorio

Continua

Phishing: 1° parte

La responsabilità del cliente e della banca

Continua

Processo telematico e diritto di famiglia (II PARTE)

Allegazione degli atti nel processo telematico

Continua

Processo telematico e diritto di famiglia (I PARTE)

La donna divorziata può mantenere il cognome del marito se sussiste un interesse meritevole suo e dei suoi figli

Continua

Vendita senza conformità catastale? (II PARTE)

L’omissione della dichiarazione di conformità allo stato di fatto della planimetria dell’immobile e dei dati catastali determina la nullità dell’atto

Continua

Vendita senza conformità catastale? (I PARTE)

L’omissione della dichiarazione di conformità allo stato di fatto della planimetria dell’immobile e dei dati catastali determina la nullità dell’atto

Continua

Il nuovo reato di Grooming

1.struttura del reato di groomig 2.evoluzione del reato

Continua

Rinvio d'ufficio e costituzioni delle parti

Ecco cosa prevede la normativa ex art.168 bis ,4 e 5 c. c.p.c.

Continua

Rateizzazione Equitalia

E` divenuto lo strumento tipico di frazionamento del debito che consente il pagamento fino a 120 rate

Continua

Rateizzazione Equitalia

E` divenuto lo strumento tipico di frazionamento del debito che consente il pagamento fino a 120 rate

Continua

Il valore della firma digitale nel processo telematico

La sentenza redatta in formato elettronico dal giudice e da questi sottoscritta con firma digitale non è affetta da nullità

Continua

Nuovo Fondo di solidarietà in materia di famiglia

Permette la tutela al coniuge che, titolare dell`assegno al mantenimento, non riceva alcun contributo dall`ex coniuge

Continua

Responsabilita' per danno cagionato da animali

Suprema Corte di Cassazione sentenza n. 15 Dicembre 2015 n. 25223

Continua

Quietanza di pagamento: risvolti giurisprudenziali

2) Parte seconda

Continua

Quietanza di pagamento: risvolti giurisprudenziali

1) Parte prima: quietanza tipica e atipica 2) Parte seconda: risvolti giurisprudenziali

Continua

Portatori di un contrassegno invalidi: cosa si può fare

1. Contrassegno invalidi 2. Contrassegno invalidi europeo 3. Linee giurisprudenziali a sostegno del portatore 4. Sosta vietata: facoltà legittima

Continua

Tassa sui condizionatori? Meglio un po' di chiarezza

1. Riflessioni sulla recente normativa sui condizionatori

Continua