Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Amministrazione condominiale

Nomina e Revoca dell’Amministratore

Quando è necessario nominare un Amministratore di Condominio? E quando si può revocare il suo incarico?

Nomina e Revoca dell’Amministratore - Quando è necessario nominare un Amministratore di Condominio? E quando si può revocare il suo incarico?

NOMINA: 

L’art. 1129 c.c. impone la nomina di un amministratore quando “i condomini sono più di otto”. 

Il quorum richiesto per la nomina dell’amministratore è costituito da un numero di voti che rappresenti la maggioranza degli intervenuti e almeno la metà del valore dell’edificio (art. 1136 II co. c.c.). 

Per la nomina dell’amministratore non è necessario provvedere preventivamente alla revoca del precedente in applicazione alle disposizioni sul mandato (art. 1724 c.c.) , per le quali la costituzione di un nuovo rapporto di rappresentanza, configura di per sé la revoca del precedente. 

 

REVOCA: 

La revoca dell’amministratore è disciplinata dall’art. 1129 c.c. che contempla due diversi tipi di revoca. L’una attuata dall’assemblea condominiale, l’altra dall’Autorità Giudiziaria. 

La revoca può essere deliberata in ogni tempo dall’assemblea, con la maggioranza prevista per la sua nomina oppure con le modalità previste dal regolamento di condominio. 

L’amministratore può essere revocato dall’assemblea sia in presenza che in assenza di giusta causa, in considerazione della natura fiduciaria del rapporto tra l’amministratore e il condominio, per cui il rapporto di mandato può essere revocato in ogni momento. 

Tale revoca può essere adottata dall’assemblea con le maggioranze previste al II Comma Art. 1136 c.c., ossia con un numero di voti che rappresenti ma maggioranza degli intervenuti e almeno la metà del valore dell’edificio (millesimi). 

 

La revoca disposta dall’Autorità Giudiziaria su ricorso, anche di un solo condomino, prevista al IV Comma art. 1136 c.c. è possibile solo nel caso di gravi irregolarità. 

 

Fonte: A.N.AMM.I (Associazione Nazional-europea AMMinistratori d'Immobili)

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Amministrazione condominiale

Ing. Christian Verdone Studio Tecnico Di Ingegneria , Architettura E Amministrazione Condominiale - Brivio (LC)

Ing. Christian Verdone Studio Tecnico Di Ingegneria , Architettura e Amministrazione Condominiale

Amministratori di condominio / Gestione immobiliare

Via G. Magni, 4

23883 - Brivio (LC)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Nullità e Annullabilità delle Delibere

E` possibile impugnare le delibere prese dalla maggioranza contrarie per legge e/o regolamento e in presenza di precise indicazion

Continua

Le innovazioni nel Condominio

Ecco quello che dispone l`articolo 1120 del codice civile

Continua

Assicurazione dell'edificio

La legislatura non prevede l'obbligo dell'assicurazione degli edifici condominiali, è comunque buona regola prevederne una per le parti comuni

Continua