Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto societario

Infortunio sul lavoro: colpa dell’imprenditore?

Finalmente una sentenza della Cassazione Penale aiuta a capire che la responsabilità dell'infortunio sul lavoro non è sempre dell'Imprenditore.

Infortunio sul lavoro: colpa dell’imprenditore? - Finalmente una sentenza della Cassazione Penale aiuta a capire che la responsabilità dell'infortunio sul lavoro non è sempre dell'Imprenditore.

INFORTUNIO SUL LAVORO E RESPONSABILITA’ DATORIALE – LA TITOLARITA’ DI POSIZIONE DI GARANZIA DEL DATORE DI LAVORO COMPORTA AUTOMATICO ADDEBITO DI RESPONSABILITA’?” 

Nella realtà di tutti giorni le aziende devono far fronte a spiacevoli evenienze, come gli infortuni sul lavoro dei propri dipendenti. 

Capita spesso che il datore di lavoro venga condannato quale unico responsabile del fatto occorso al proprio dipendente, ai sensi dell’art. 2087: ciò avviene, di frequente, anche per il riconoscimento al lavoratore dell’indennizzo da parte dell’INAIL, il quale deriva dalla c.d. “occasione lavoro”. 

Tuttavia, ferma restando la configurabilità della predetta responsabilità ai sensi dell’art. 2087 c.c. quale responsabilità di tipo contrattuale, in base ad una doverosa interpretazione letterale e di buona fede di quest’ultima, è evidente che l’intenzione del legislatore non era quella di prevedere tout court una responsabilità di tipo oggettivo. 

Pertanto, la responsabilità del datore di lavoro non può derivare solo ed esclusivamente dall’esistenza di un rapporto contrattuale e dal presupposto “occasione lavoro”, che giustifica l’indennizzo INAIL. 

Recentemente la Cassazione Penale si è pronunciata sul punto affermando che non avrebbe pregio la prospettazione di una responsabilità oggettiva in quanto, ai sensi dell’art. 2087 c.c., la responsabilità del datore di lavoro va collegata alla violazione degli obblighi di comportamento imposti da norme di legge o suggeriti dalle conoscenze sperimentali o tecniche del momento. 

Con la conseguenza che il lavoratore che lamenti di aver subito un danno alla salute deve provare non solo l’esistenza del danno, ma anche la nocività dell’ambiente di lavoro, nonché il nesso tra l’uno e l’altro[1]. 

La posizione di garanzia del datore di lavoro sia titolare non comporta automatico addebito di una responsabilità colposa a carico del garante in quanto, ai fini dell’individuazione della sua responsabilità, il principio di colpevolezza ex art. 43 c.p. impone di valutare la contemporanea sussistenza di: 

Violazione da parte del garante di una regola cautelare (generica o specifica); Nesso di causalità tra violazione ed evento dannoso; Prevedibilità dell’evento, cosicché l’evento dannoso sarebbe stato evitato se fossero state adottate delle regole cautelari idonee a tal fine (cosiddetto comportamento alternativo lecito). 

Con la conseguenza che per affermare la responsabilità del datore di lavoro non è sufficiente che sussista la c.d. “occasione di lavoro” richiesta dal T.U. 1124/1965 per l’indennizzabilità da parte dell’INAIL dell’infortunio sul lavoro, ma è necessario che l’evento in questione sia prevedibile ed evitabile con una condotta esigibile dal datore di lavoro, ai sensi dell’art. 43 c.p.[2]. Il giudizio sulla colpa e quindi sul comportamento esigibile dal datore di lavoro e sulla prevedibilità dell’evento, trova fondamento innanzitutto nell’art 43 codice penale ed è presupposto necessario per l’affermazione della responsabilità datoriale. 

E’ dunque chiaro che di fronte al fatto che, il datore di lavoro è titolare di una posizione di garanzia ed il lavoratore abbia ricevuto un indennizzo da parte di INAIL, non ci possa essere automatica affermazione di responsabilità del datore di lavoro, in quanto – nonostante il fatto sia avvenuto in azienda – è onere del lavoratore provare l’esistenza del danno, la nocività dell’ambiente di lavoro e il nesso causale. 

Quindi: 

Se il datore di lavoro ha, pertanto, puntualmente adempiuto ai suoi obblighi di prevenzione dei rischiriconoscibili e prevedibilied informato e formato correttamente il lavoratore,Se il lavoratore non assolve il proprio onere di provare il danno, 

la Cassazione sostiene che il nesso di causalità con una violazione da parte del datore di lavoro non è prova della condotta colposa del datore di lavoro: con la conseguenza che la domanda di condanna del datore di lavoro al pagamento del c.d. danno differenziale non potrà che essere rigettata in sede di giudizio. 

Se nella tua Azienda si è verificato un infortunio sul lavoro, ti consigliamo di contattarci al più presto per approfondire il tuo caso. 

Avv. Giuseppe Bellini                                            Dott.ssa Maddalena Comiotto 

  

[1] Cfr. Ord. Sez. Pen. VI, 22 marzo 2016, n. 5655 

[2] Cfr. Cass. Pen., Sez. IV, sentenza n. 43013/2015

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto societario

Studio Dell` Avv. Giuseppe Bellini- Associazione Professionale - Gallarate (VA)

Studio Dell` Avv. Giuseppe Bellini- Associazione Professionale

Avvocati / Civile

Via Verdi, 3

21013 - Gallarate (VA)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

I vantaggi di costituire una KFT in Ungheria

Si è recentemente registrato un crescente interesse da parte degli imprenditori per l'Ungheria: vediamo quali sono i vantaggi di tale scelta

Continua

Come pagare meno tasse grazie al Trust immobiliare

Conferendo oggi un immobile in un trust, si può beneficiare dell’attuale regime fiscale competitivo, mettendo i beneficiari nelle migliori condizioni

Continua

Perchè conferire i tuoi immobili in un Trust?

Alcuni spunti di riflessione utili per valutare l'istituto del Trust come strumento di protezione patrimoniale

Continua

7 buoni motivi per investire in Bulgaria!

Ci sono diversi buoni motivi per investire in Bulgaria: cerchiamo di riassumerli in questa breve trattazione

Continua

Perché cercare sempre investitori?

Approfondiamo i motivi per i quali un imprenditore dovrebbe cercare degli investitori, via alternativa al canale bancario.

Continua

Vendere o comprare una azienda: come?

Raggiungere l'accordo commerciale tra le Parti non è sufficiente: spesso sono i dettagli a determinare il buon esito di una operazione straordinaria

Continua

Vuoi trovare un investitore? Non perdere tempo!

Spesso l'idea di vendere l'Azienda non è poi accompagnata da una chiara identificazione di quello che serve per poterlo fare...capiamo cosa serve!

Continua

3 vantaggi (e 3 svantaggi) del Trust

Introduciamo un’ulteriore figura preposta allo scopo di tutelare il patrimonio personale e aziendale dell’imprenditore, il trust

Continua

Società controllata vs Holding: chi paga?

Per difendersi dagli abusi della controllante, vediamo quali sono le tutele consentite dalla Legge in favore della società controllata

Continua

Fiduciaria: quello che devi assolutamente sapere...

Una recente sentenza della Cassazione Civile offre lo spunto per un’analisi in merito alle società fiduciarie

Continua

5 buoni motivi per investire in ROMANIA!

In altri stati d'Europa vengono proposte delle concrete politiche per attrarre capitali esteri, e uno di questi è sicuramente la Romania

Continua

Difendersi in caso di errore del commercialista

In caso di omessa dichiarazione fiscale da parte del commercialista, e conseguente contestazione di reato tributario, è possibile difendersi?

Continua

Chi è responsabile sulla pista da sci?

Approfondiamo il tema della responsabilità del gestore degli impianti sportivi nell'ambito dello sci alpino.

Continua

Il danno da vacanza rovinata

Una breve disamina sulla tutela del consumatore in caso di vacanza rovinata

Continua

Tre soluzioni per tutelare il patrimonio

Vorremmo introdurre, a tutti gli imprenditori, una tangibile ed attuale problematica, ovvero quella relativa alla tutela del patrimonio.

Continua

M&A: il ruolo dell'Avvocato d'Affari

Facciamo il punto sulle attività di fusione e acquisizione societaria, inquadrando il ruolo dell'Avvocato d'Affari

Continua

5 buoni motivi per costituire un LTD in UK

Alcuni buoni motivi per costituire una società estera, ed in particolare nel Regno Unito

Continua