Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto di famiglia

Casa familiare e figli maggiorenni

Il giudice non può statuire sull'assegnazione della casa familiare in mancanza di figli minorenni o in presenza di figli economicamente indipendenti

Casa familiare e figli maggiorenni - Il giudice non può statuire sull'assegnazione della casa familiare in mancanza di figli minorenni o  in presenza di figli economicamente indipendenti

L'assegnazione della casa familiare sia in sede di separazione che in sede di divorzio, come ormai noto, prescinde dalla proprietà dell'immobile essendo imprescindibilmente legata al presupposto dell'affidamento/ collocamento di figli minorenni o maggiorenni ma non ancora autonomi da un punto di vista economico. Per i figli maggiorenni, infatti, non si pone l'esigenza di permanere nell'ambiente domestico e pertanto l'assegnazione della casa coniugale al coniuge convivente con il figlio maggiorenne, postula la non autosufficienza di questo. 

Ma cosa accade quando il figlio maggiorenne ha raggiunto una propria autosuffienza economica? 

La Giuriprudenza di merito si è recentemente pronunciata sull'argomento interpretando l'art. 6 comma 6 della Legge sul divorzio nel senso che sopra evidenziato in quanto, in caso contrario, l'assegnazione della casa coniugale si tradurrebbe in "un'espropriazione del diritto di proprietà" che durerebbe tendenzialmente "per tutta la vita del coniuge assegnatario". (Tribunale di Gela, Ord. del 14/03/2016). 

Nel caso in esame, infatti, Il Giudice appurato che: 

1) entrambi i figli della coppia erano maggiorenni ed autosufficienti (in particolare la figlia si era sposata ed aveva costituito un nuovo nucleo familiare) ed il figlio, convivente con la madre, era divenuto autosufficiente economicamente come confermato dal medesimo in corso di causa; 

2) la moglie era proprietaria di altro appartamento in cui viveva la figlia con la sua famiglia, oltre che comproprietaria con il fratello di altro appartamento; 

3) che la stessa, pertanto, avrebbe potuto far fronte alla propria esigenza abitativa, esseno proprietaria di altri immobili; 

ha ritenuto di non provvedere in merito assegnare la casa coniugale (neanche in capo al marito proprietario) statuendo che, in assenza dei presupposti di cui all'art. 6 della Legge 898/1970 (presenza di figli minorenni o maggiorenni ma non economicamente autosufficienti) "non possa farsi luogo ad una statuizione in ordine alla sua assegnazione, e che l'uso e l'abitazione dell'immobile debba piuttosto seguire il diritto di proprietà". 

 Infine, il Giudice non ha ritenuto di disporre neppure un assegno di divorzio in favore della moglie, in quanto dagli atti di causa  non era  emersa una disparità economica tra i coniugi tale da giustificarne la sua previsione, al contrario il marito, al fine di dimostrare una scarsa disponibilità reddituale, aveva dato prova documentale di una contrazione dei propri redditi.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Diritto di famiglia

Avv.   Lavinia   Misuraca - Modena (MO)

Avv. Lavinia Misuraca

Avvocati / Civile

Via Cattaneo 54

41126 - Modena (MO)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Mediazione familiare e soluzione al conflitto

La mediazione familiare va considerata in stretta relazione con il processo di famiglia in quanto strumento che consente di prevenire la controversia

Continua

Abbandono della casa coniugale e addebito

L'abbandono della casa coniugale è causa sufficiente di addebito della separazione, salvo che si provi che è stato determinato dall'altro coniuge

Continua

Prove illecitamente acquisite e privacy

Limiti di utilizzabilità delle prove raccolte illecitamente al fine di espletare il proprio diritto di difesa e bilanciamento con la privacy

Continua

Ritardo nel pagamento dell'assegno di mantenimento

Non può ordinarsi al datore di lavoro dell'onerato di provvedere al pagamento diretto per il semplice ritardo in forza del principio di tolleranza

Continua

Figli minori e diritto di visita e mantenimento

Riassunto delle questione da trattare in presenza di figli minori anche alla luce di recenti orientamenti giurisprudenziali

Continua

Assegno divorzile e convivenza stabile

Viene meno l'assegno divorzile a carico dell'ex coniuge di fronte alla instaurazione da parte del coniuge beneficiario di una stabile convivenza

Continua

Visita al minore in presenza della convivente

Al genitore non collocatario è permesso frequentare il figlio minore anche in presenza della nuova compagna

Continua