Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto penale criminale

Bancarotta? Non se si vuole salvare l'azienda

Non si può parlare di bancarotta fraudolenta se i fatti contestati sono frutto di scelte imprenditoriali finalizzate a salvare l'azienda

Bancarotta? Non se si vuole salvare l'azienda - Non si può parlare di bancarotta fraudolenta se i fatti contestati sono frutto di scelte imprenditoriali finalizzate a salvare l'azienda

Il giudice del merito ha assolto l'imputato dal reato di bancarotta fradolenta patrimoniale e documentale in seguito ad un'istruttoria dibattimentale in cui si è dimostrato che i beni immobili della società erano sì stati venduti nella vicinanza della dichiarazione di fallimento ma che i relativi proventi erano stati devoluti interamente nelle casse della società.  

 

Si è potuto quindi dimostrare come questa e le altre condotte distrattive contestate all'imputato fossero state frutto di scelte imprenditoriali, forse non lungimiranti, ma comunque finalizzate, nelle intenzioni dell'imputato, al risanamento dell'azienda. Il Tribunale riconosceva quindi in sentenza, grazie ad un impegnativo e minuzioso sforzo istruttorio dibattimentale, che era "stato documentalmente e testimonialmente provato come le operazioni poste in essere dall'imputato fossero sorrette dalla sola intenzione di salvare l'azienda".  

 

Abbraciando poi la recente giurisprudenza della Suprema Corte di Cassazione, che ha finalmente riportato l'elemento soggettivo del reato di bancarotta fradolenta nell'alveo dei principi generali fondamentali in tema di colpevolezza (Cass. pen., sez. V, sent. n. 47502/2012), il Tribunale affermava in sentenza che se il fallimento è evento del reato, anche una condotta distrattiva collegata causalmente con il fallimento costituirà fatto rilevante ai fini della configurazione del reato solo se l'agente si sia rappresentato ed abbia voluto che tale condotta determinasse il fallimento.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Diritto penale criminale

Avv. Alice Chiementin - Verona (VR)

Avv. Alice Chiementin

Avvocati / Penale

Corso Cavour 10

37121 - Verona (VR)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

L'indirizzo IP non può provare la truffa

La sentenza riguarda una truffa avvenuta sulla piattaforma E Bay consistita in una falsa messa in vendita di un motoveicolo

Continua

Trasporto di rifiuti pericolosi senza formulario

Interessante sentenza di assoluzione pronunciata dal giudice del merito in materia di trasporto di rifiuti pericolosi senza il formulario

Continua