Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza grafologica

Il delitto della prof di Castellamonte

Chi era Gloria Rpsboch? Irreprensibile e innocente, a disagio negli stati d`ansia

Il delitto della prof di Castellamonte - Chi era Gloria Rpsboch? 
Irreprensibile e innocente, a disagio negli stati d`ansia

Come nel DNA sono depositate tutte le informazioni genetiche degli organismi viventi, così nella mano scrittura sono racchiusi la totalità dei segni che simbolicamente caratterizzano e definiscono i tratti di personalità degli individui. 

La scrittura, in quanto proiezione di ciò che si è, si vuole, si sente, si decide, si fa, è in stretta relazione con la personalità, è lo specchio dove manifestare e far emergere le caratteristiche della natura umana. 

Una pagina, anche solo alcune righe, vergata a mano lascia una profonda e ben definita impronta, divenendo un libro aperto che può essere letto e decifrato in termini grafologici.  Qual è, dunque, il sigillo impresso da Gloria Rosboch sulle pagine del suo diario? 

È l’Inconscio, nonostante l’impegno a tracciare forme più o meno curate, a lasciare la sua impronta nel tratto così evanescente di questa scrittura, che nasconde una tenera fragilità, un’insicurezza che scarsamente pone la persona  a opporre resistenza agli ostacoli. 

La presenza nel tracciato grafico dei numerosi items infantili, segni semplici, a tratti bambineschi, lettere dissociate (lettera A, D), lettere gonfiate in alto (L a palloncino), lettere affettive schiacciate e le numerose diseguaglianze,  consente di delineare un quadro di personalità caratterizzato fondamentalmente da una certa immaturità affettiva che rende difficile, in alcuni momenti, la capacità a gestire gli impulsi.  Irreprensibile e innocente,  mettendo da parte la diffidenza che l’accompagna (finali di lettera prolungate), questa scrittura ci parla di una cessione da parte della scrivente al desiderio e al bisogno di colmare vuoti sentimentali, al sogno magicamente umano di crearsi un legame affettivo (lettere legate). 

 

Ancorata alla realtà in maniera esagerata, la scrivente avverte l’intimo desiderio di  essere accettata e accolta, in una tensione interiore scaturita da incertezze e timori di rimanerne delusa. Emotivamente a disagio nel far fronte agli stati di ansia, supportata da un’energia tanto delicata quanto scarsamente resistente alle frustrazioni, la scrivente  abbassa le difese, lasciandosi prendere  dai sentimenti e dalle emozioni che il fato sembra offrirle.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Consulenza grafologica

Giovanna Sellaroli - Roma (RM)

Giovanna Sellaroli

Grafologi / Analisi grafologica

Via Val Trompia 65

00153 - Roma (RM)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Firma di Donald Trump: l'opinione di un grafologo

Risposta a un tweet di Vittorio Zucconi, giornalista, naturalizzato negli Stati Uniti, che chiede l'opinione di un grafologo

Continua

Il saggio grafico

I documenti comparativi, idoneità e fonti

Continua

La perizia grafica

I postulati su cui si basa la perizia grafica

Continua

La grafologia in ambito giudiziario

Il metodo grafologico abbinato alla perizia grafica. Il caso di Avetrana

Continua