Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Divisione immobiliare giudiziaria

Condanna alla rifusione delle spese di lite per la parte che si oppone alla divisione ingiustificatamente

Divisione immobiliare giudiziaria - Condanna alla rifusione delle spese di lite per la parte che si oppone alla divisione ingiustificatamente

Il Tribunale di Genova, con la sentenza n. 1886 del 2016, ha ribadito alcuni principi molto interessanti in tema di divisione immobiliare

Le parti in causa erano comproprietarie di un appartamento. 

Una delle parti, colei che si è rivolta al nostro Studio legale, voleva dividere l’immobile mettendolo in vendita, l’altra vi si opponeva. 

A fondamento della difesa avversaria, però, non sussistevano argomenti né in fatto né in diritto. Difatti: non vi era contestazione sulle quote di proprietà di ciascheduna delle parti; non vi erano dubbi circa le spese di amministrazione ordinaria e/o straordinaria sostenute da ciascuna delle parti; l’unico argomento a fondamento della difesa avversaria era che la qualità della vita della convenuta avrebbe subito un peggioramento, visto che ella abitava nella suddetta abitazione. 

Lo Scrivente, al fine di evitare un aggravio di costi, formulava alcune proposte che transattive che prevedevano la divisione dell’immobile (mediante vendita o assegnazione ad una delle due parti).  

Tutte le proposte erano rifiutate da Controparte. 

Il Giudice all’esito del processo affermava che sussiste il diritto dell’attrice a procedere alla divisione della cosa comune ai sensi dell’art. 1111 c.c., senza che si possa in alcun modo concedere una dilazione, posto che essa avrebbe presupposto la sussistenza di razioni oggettive che avessero sconsigliato  la divisione, con svantaggio per tutti i partecipanti alla comunione. Al contrario, la convenuta aveva allegato solo ragioni soggettive che, se accolte, avrebbero giustificato una dilazione della divisione che si sarebbe risolta in un vantaggio esclusivo per la parte che le aveva dedotte. 

Ne conseguiva, pertanto, la sentenza di divisione e la condanna della convenuta alla rifusione delle spese di lite. 

La predetta sentenza è significativa perché:  

1. ribadisce il diritto di ciascun comunista ad ottenere la divisione in ogni momento ed a prescindere dalla volontà degli altri comproprietari, salvo patto contrario e salvo che ciò non precluda i diritti dell’intera comunione;  

2. specifica che un appartamento non può essere considerato divisibile ogni qualvolta la divisione richiederebbe costi eccessivi (nel caso di specie almeno € 40.000,00) e la soluzione di problemi tecnici;
3. sempre sul tema della divisibilità il Giudice afferma che: “la nozione di comoda divisibilità va intesa nel senso di possibilità di un frazionamento materiale tale da non produrre un deprezzamento notevole della cosa stessa, sia rispetto all'utilizzo che se ne fa nel suo complesso, sia rispetto al valore attuale delle quote in proporzione al valore dell’intero: si deve quindi tener conto sia di un’eventuale deviazione della normale utilizzazione del complesso indiviso, secondo la sua natura e funzione, sia dell’eventuale deprezzamento del valore intrinseco originario del bene. Ciascun condividente quindi ha diritto ad una porzione di bene immobile qualitativamente e funzionalmente omogeneo all’intero”.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Nullità del contratto di mutuo

Il contratto di mutuo fondiario è nullo se la banca eroga una somma superiore all'80% del valore dell'immobile compravenduto

Continua

Usura e costi eventuali

Tutti i costi pattuiti nel contrato di mutuo, anche se eventuali, devono essere considerati nel calcolo del Taeg da confrontare con il tasso soglia

Continua

Interessi di mora ed usura

Qualora le parti pattuiscano un tasso di mora superiore alla soglia il contratto di mutuo viene convertito in mutuo gratuito

Continua

Sulle linee di credito decide il giudice del conto

Linee di credito e conti anticipi non hanno autonomia rispetto al contratto di conto corrente di riferimento

Continua

Usura e differenziale di mora

Le argomentazioni giuridiche che dovrebbero indurre a considerare nel calcolo del TEG anche il differenziale di mora

Continua

Valore delle istruzioni della Banca d'Italia

Le ragioni che inducono a ritenere che le istruzioni della Banca d'Italia non sono fonti del diritto in tema di calcolo del Teg del contratto di mutuo

Continua

Il contributo in tema di usura: C.M.S. e C.D.S

Illegittimità delle C.M.S. e C.D.F. alla luce della più recente giurisprudenza di merito: le conseguenze pratiche

Continua

Un contributo in tema di usura bancaria

Il dibattito sull'interpretazione dell'art. 644 c.p. in ambito bancario è aperto e attuale, proviamo a fare un po` di chiarezza

Continua

Quando è legittimo aprire una porta caposcala

E' invalida la delibera dell’assemblea con cui si vieta al proprietario di aprire un varco di collegamento fra il proprio immobile e l'androne.

Continua

Efficacia della sentenza di divisione ereditaria

Il capo della sentenza di primo grado che condanni una parte a pagare all'altra una somma a titolo di conguaglio è provvisoriamente esecutiva

Continua

E' esclusivo il foro del condominio consumatore

Il foro del consumatore è da considerarsi esclusivo ed inderogabile anche allorquando la qualità di consumatore è rivestita dal condominio

Continua

La delibera di approvazione del bilancio

Il Giudice dell’opposizione a decreto ingiuntivo non ha il potere di sindacare la validità della delibera che ha approvato il bilancio

Continua

Opposizione a Decreto ingiuntivo e precetto

E' inammissibile proporre contestualmente, con lo stesso atto, l`opposizione a decreto ingiuntivo e l`opposizione all`atto di precetto

Continua

Il rapporto fra il condominio ed i suoi fornitori

Ottenuta la condanna del Condominio, il creditore può procedere all'esecuzione contro i singoli morosi in base alla quota di proprietà esclusiva

Continua

Illegittimità della C.M.S. e C.D.F.

Nullità di tutte le clausole comunque denominate che prevedano commissioni a favore delle banche a fronte della concessione di linee di credito

Continua

Diniego illegittimo del permesso di soggiorno

Le condanne relative a reati ostativi non possono comportare automaticamente il diniego del permesso di soggiorno se intervenute prima del 2002

Continua

Recesso ingiustificato del promittente compratore

Il mancato rispetto di un termine intermedio non costituisce grave inadempimento tale da giustificare il recesso del promittente compratore

Continua

Frazionamento di un bene in condominio

Il frazionamento di un bene di proprietà esclusiva di un condòmino: un caso pratico

Continua

L'inquilino nel condominio

Il conduttore di un immobile ha diritto ad essere convocato dall'Amministratore pro tempore; in caso contrario, le delibere approvate saranno viziate

Continua

BULLISMO E CYBERBULLISMO

IL CYBERBULLISMO: DEFINIZIONE, CONDOTTE E MEZZI DI CONTRASTO

Continua