Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto penale criminale

Lo stalking condominiale

Come tutelarsi quando il vicino di casa è molesto e dispettoso

Lo stalking condominiale - Come tutelarsi quando il vicino di casa è molesto e dispettoso

La Suprema corte di Cassazione con la sentenza n.  26878/2016 del 30.06.2016 ha statuito che compie reato di stalking chi esaspera i vicini di casa tanto da costringerli a cambiare le abitudini di vita pur di non essere infastiditi. 

Esistono, infatti, in moltissimi condomini situazioni di conflitti che perdurano da anni e tali da aver ingenerato in chi li subisce stati depressivi e modifiche delle proprie abitudini di vita proprio in funzione di salvaguardare fin dove è possibile la propria serenità psico-fisica. 


Viene quindi confermata di nuovo l'esistenza del cosiddetto stalking condominiale che si verifica ogni qual volta un vicino di casa molestia un altro vicino, o altri vicini, con una serie di azioni volte: 

1) a ingenerare in loro un fondato timore per l’incolumità propria o di un familiare; 

2) a costringere la vittima a cambiare le proprie abitudini. 

 

Si può quindi querelare il vicino molesto e assillante non solo per il compimento del singolo atto ma valutando il complessivo comportamento da questo tenuto nel tempo quando sia stato in grado di costringere la vittima, ormai esasperata, a modificare le proprie abitudini quotidiane. 

Non infrequentemente la vittima del reato è stata costretta ad esempio a modificare i propri orari di uscita o rientro a casa, a difendere con ogni dispositivo utile la propria proprietà (si pensi a chi ha cercato di difendere il proprio balcone da quello confinante con un vicino molesto ad esempio con inferiate protettive ecc...) a modificare il luogo ove parcheggiare l'auto. 

 

L'art. 612 bis c.p., che punisce nel nostro ordinamento le condotte persecutorie, non richiede un numero minimo di condotte perché si possa procedere alla sanzione più pesante nei confronti del colpevole. 

Certo è che la condotta posta in essere dal reo dovrà essere giuridicamente rilevante al fine di ingenerare nella vittima un fondato timore per la propria incolumità psico-fisica o per imporre allo stesso una importante modifica delle sue condizioni di vita. In passato anche due semplici episodi sono stati ritenuti sufficienti a far scattare l’incriminazione del reo. 

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta
1 Commento

Gabriele Trovato

19/07/2017 00:33

Buonasera un mio vicino di casa quando ha comprato casa sua è stato poco accorto, dopo 10 anni la casa gli si è riempita piena di muffa e umidità. All'inizio dell'anno sono venuti i muratori e il mio padrone di casa, il quale è anche un ingegnere edile ed è stato accertato che il problema non è condominiale ma è dovuta a difetti strutturali della casa. Da qui credevo che la situazione era stata risolta, invece il mio vicino continua ad assillarci continuamente, in modo petulante per ogni minimo motivo un po a tutti. Ho delle piante su una pedana di legno sollevate e con dei portavasi e questo tizio sostiene che gli portano umidita. Io ho detto che non intendo toglierle perche è un'accusa infondata e di rivolgersi ad un avvocato ma lui continua ad insistere. Cosi mi sto stancando e la cosa mi pare che si sta trasformando in una vera è propria molestia. Lo posso denunciare?

Rispondi

In risposta al commento di Gabriele Trovato

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta
Annulla

L'autore è esperto in
Diritto penale criminale

Avv. Federica Battistoni - Ancona (AN)

Avv. Federica Battistoni

Avvocati / Penale

Via Largo San Cosma 3

60121 - Ancona (AN)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Niente tenuità del fatto se c`è continuazione

Nessuna assoluzione per particolare tenuità per chi commette due o più reati di lieve entità

Continua

Esiste lo stalking anche senza legami affettivi

Chi si fa giustizia da sé rischia la condanna per stalking

Continua

Quando un post su facebook è stalking

Attenzione a quello che si scrive nei social network. Più post allusivi riferiti alla stessa persona possono integrare il reato di stalking.

Continua

Assegno di mantenimento e presunzioni

Come si calcola l'importo dell'assegno quando l'ex coniuge lavora in nero?

Continua

Maltrattamenti in famiglia

L`offesa si dovrà concretizzare in reali vessazioni non essendo sufficienti i semplici litigi

Continua

Maltrattamenti in famiglia

Il reato si configura anche nella convivenza

Continua

Depenalizzazione: come ci si difende dall`ingiuria

“Attenzione. L’offesa ha ancora un costo”

Continua

Violenza sessuale su minorenni via internet

Una prassi, ormai, molto diffusa

Continua

Sfratto per morosità

Una procedura lunga e sfavorevole al proprietario dell`immobile. Consigli pratici

Continua

Maltrattamenti in famiglia. Art. 572 C.P.

Sempre più spesso la violenza è una "faccenda" di famiglia

Continua

Risarcimento al convivente della vittima del reato

Nuove disposizioni dopo l'adeguamento della legislazione interna ai dettami dell’Europa sulla tutela delle vittime dei reati

Continua

Diffamazione tramite Facebook

La diffamazione si configura sia tramite la pubblicazione di un post denigratorio come pure mediante la pubblicazione di un commento offensivo

Continua

L'addebito della separazione. Quando si, quando no

Motivi di addebito della separazione

Continua

Violenza sulle donne e stalking

Violenza sulle donne, l'aumento dei processi per stalking

Continua

Agenzie di recupero crediti: scorrettezze

I comportamenti scorretti delle agenzie di recupero crediti

Continua

Rapporti tra nonni e minori post riforma

Il rinnovato art. 317 bis del Codice civile: "diritto dei nonni ad intrattenere significativi rapporti con i nipoti minori"

Continua

Equitalia: esiste un termine per iscrivere ipoteca

L'ipoteca può essere iscritta senza ulteriori preavvisi anche dopo molto tempo dalla notifica della cartella esattoriale

Continua