Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza psicologica

Mi vergogno, fuggo o mi nascondo per non mostrarmi

L’educazione alla vergogna procura tanti problemi: il terrore a mostrarsi, la sensazione di intimità violata. E si resta assetati di vendetta

Mi vergogno, fuggo o mi nascondo per non mostrarmi - L’educazione alla vergogna procura tanti problemi: il terrore a mostrarsi, la sensazione di intimità violata.
E si resta assetati di vendetta

Tante volte nella pratica professionale ho avuto a che fare con pazienti che presentano, alcuni, acuti sentimenti di colpa, altri, invece, sentimenti di vergogna.                                    I dati diagnostici mi dicono che i primi vengono da ambienti familiari in cui prevale la cultura della colpa e i secondi da famiglie caratterizzate dalla cultura della vergogna. 

Quelli in cui prevale la cultura della colpa sono stati educati ad obbedire ai genitori sotto ricatto affettivo: ”Se non obbedisci a mamma e papà, loro soffriranno molto e tu sei molto cattivo…”. Parole di questo tipo suscitano feroci sentimenti di colpa. 

Quelli educati alla cultura della vergogna obbediscono ai genitori per il timore di essere derisi per comportamenti ritenuti sconvenienti e non da “grandi”. Questo tipo di pazienti sentono che al proprio interno non c’è approvazione per ciò che pensano, che sentono, che stanno per fare , che vorrebbero dire. Questo conflitto interno deriva dall’appartenere ad una famiglia soggetta al conformismo sociale: l’educazione familiare gli ordina di tenere alti l’onore e l’immagine della famiglia e  di non mettere in atto comportamenti che possano screditarne il “buon” nome. 

Quali le conseguenze? 

La paura della vergogna spinge queste persone ad evitare tutti i momenti che possono suscitarla, limitando fortemente le possibilità di realizzazioni personali. 

E’ assordante per queste persone il grido interno a vergognarsi e  il pudore diventa eccessivo e impedisce di  fare esperienze che permettano, poi, di sentirsi capaci di costruire una coppia. 

In linea di massima queste persone si sentono costrette a rifuggire tutte le occasioni nelle quali vogliono farsi notare per piacere. Per loro presentarsi in pubblico è come essere denudati, come se un segreto e l’intimità venissero violati. 

L’infanzia vissuta nel sistema della vergogna lascia il timore dell’umiliazione e allora succede che si ha paura di tutte le situazioni in cui uno deve comparire, presentarsi e mostrare il proprio desiderio: per queste persone essere interrogato in classe o presentarsi  a sostenere un esame sono momenti terribili e  per timore dell’insuccesso, ma soprattutto per paura di andare incontro a situazioni di vergogna sociale.   

Da adulti queste persone sono giustamente risentite, adirate ed assetate di vendetta e hanno ragione: le umiliazioni subite gli provocano ancora vergogna ed un acuto desiderio di rivalsa e di vendicarsi.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Consulenza psicologica

Dr. Isidoro Sciulli - Bergamo (BG)

Dr. Isidoro Sciulli

Psicologi e Psichiatri / Psicologi

Via Alessandro Noli, 13

24125 - Bergamo (BG)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Desidero… penso di essere ammalato: morirò?

Ipocondria: ci sono pazienti, soprattutto giovani, che hanno difficoltà a vivere con serenità la sessualità

Continua