Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto penale criminale

Padre premorto: riconoscimento del figlio

In tale caso è possibile effettuare un accertamento tecnico urgente e occorre far partecipare al contraddittorio tutti gli eredi

Padre premorto: riconoscimento del figlio - In tale caso è possibile effettuare un accertamento tecnico urgente e occorre far partecipare al contraddittorio tutti gli eredi

È interessante l’ordinanza pronunciata il 31.5.2016 dalla IX Sezione Civile del Tribunale di Milano, in un procedimento nel quale la madre ha richiesto, in via d’urgenza, la nomina di un CTU per gli opportuni accertamenti emato-genetici al fine di preservare la prova per il futuro giudizio di riconoscimento della paternità del nascituro, a partorirsi dopo la morte del proprio convivente di fatto. 

 

La ricorrente era convivente con il defunto, poi cremato, dal quale aveva già avuto due figli e aveva indicato nel ricorso che vi erano 2 provette di sangue del de cuius presso l’Azienda Sanitaria, che aveva ufficialmente attestato che i reperti erano idonei all’esecuzione di indagini di tipo genetico, con la necessità di dover agire “con sollecitudine onde evitare di incorrere in alterazioni che possano renderli non più fruibili”

 

Il Tribunale di Milano, qualificata l’azione cautelare ai sensi dell’art. 700 cpc, promossa al fine di conseguire il risultato auspicato con la promozione del giudizio ex art. 269 cpc, ha ritenuto che sussistevano i presupposti per la concessione della cautela anche inaudita altera parte, (cioè in base alle prove fornite dalla sola ricorrente) dovendosi, tuttavia, procedere subito alla costituzione corretta del contraddittorio rispetto alle parti necessarie nel successivo giudizio di merito. 

 

La premorte del presunto padre, lasciava individuare come parti necessarie del giudizio i suoi eredi, cioè proprio gli altri due figli avuti durante la relazione con la ricorrente, figli in evidente conflitto di interessi con la madre, sia pure potenziale, per cui, essendo i detti figli minori, il Tribunale di Milano, con la richiamata ordinanza (richiamando la sentenza n. 83 del 2011 della Corte Costituzionale) ha nominato d’ufficio un curatore speciale ai minori. 

 

Si segnala nel provvedimento che il CTU, al fine di conseguire l’accertamento richiesto, avrebbe anche potuto comparare il sangue custodito nelle provette dell’Azienda Sanitaria con il DNA fetale in circolazione nel sangue materno, ferma ogni altra scelta tecnica del consulente, inclusi quelle di utilizzare campioni di sangue del nascituro o del neonato prossimo a nascere. 

L’ordinanza in oggetto appare interessante, sia perché ha consentito di compiere un accertamento tecnico urgente, in previsione di una futura azione di accertamento di riconoscimento della paternità, ancor prima della nascita, sia perché ha giustamente evidenziato come in tali vicende, quando vi sia un padre premorto, occorra far partecipare al contraddittorio tutti i suoi eredi

 

La ordinanza assunta dal Tribunale di Milano manifesta come il diritto giurisprudenziale possa modificarsi con l’evoluzione della medicina. 

Probabilmente, a livello normativo, sarebbe auspicabile che una donna, in condizioni di gravidanza, possa richiedere l’estrazione di un campione di sangue del padre premorto, che abbia richiesto di essere cremato, prima di procedere alla cremazione. 

Infine è da rilevarsi che in detta materia, quando vi è da assicurare la tutela giuridica di figli minori di padre premorto, dovrebbe prevedersi una idonea preparazione specialistica di coloro che sono chiamati a svolgere le funzioni di curatori dei minori

  

 

Novità giurisprudenziale: accertamenti tecnici su nascituri per azioni di riconoscimento di paternità. Nomina curatore a eredi padre premorto

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto penale criminale

Avv. Alfredo Guarino - Napoli (NA)

Avv. Alfredo Guarino

Avvocati / Penale

Via Santa Lucia 90

80016 - Napoli (NA)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Prove hot di coniugi con amanti?

Rilevanza penale della produzione in causa di foto di rapporti intimi del coniuge con amanti. Per la Cassazione la difesa vale più della privacy

Continua

Quando il pedone è responsabile del sinistro

L'attraversamento improvviso ed imprevedibile quale causa del sinistro. L'omicidio colposo prodotto dal pedone. Recenti orientamenti giurisprudenziali

Continua

Alcolismo e addebito nella separazione

Giurisprudenza sull'alcolismo causa di addebito nelle separazioni dei coniugi; incidenza sui doveri coniugali e conoscenza pregressa della dipendenza

Continua

I rapporti con il genitore non affidatario

L'autodeterminazione del minore adolescente nei rapporti con il genitore non affidatario. Nuovi indirizzi giurisprudenziali della Suprema Corte

Continua

Assegnazione della casa familiare in caso di `interessi contrastanti`

Possono verificarsi casi particolari in cui l`interesse del minore viene posto dopo l`interesse del genitore non affidatario?

Continua

L’evento morte nei giudizi civili

Nuove tematiche in ordine alla morte del coniuge affidatario o del giudice monocratico. Proposte innovative e richiami della giurisprudenza

Continua

Depenalizzazione e la nuova tutela delle vittime

Dopo la depenalizzazione, le vittime dovranno identificare i rei ed iniziare una causa civile. Pena pecuniaria a favore dello Stato: urgono correttivi

Continua

Impugnazione e segretazione degli atti nella Direttiva UE

Diritto alla conoscenza piena degli atti di indagine per un processo effettivamente equo e per la tutela dei diritti fondamentali della difesa

Continua

Maltrattamenti in famiglia di fatto – Coabitazione

Coabitazione nella famiglia di fatto e maltrattamenti. Diversità delle interpretazioni e nuove problematiche. Necessità di soluzioni condivise

Continua

Nuovi confini fra truffa ed estorsione

La rilevanza penale alla crescente richiesta di parenti, compagne, amanti ed amici cari di percepire soldi e vantaggi simulando mali immaginari

Continua