Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza psicologica

"Braccialetti Rossi": messa in scena di emozioni

Ecco un altro potentissimo esempio di come la televisione possa avvicinarci a dinamiche di sofferenza, altrimenti quasi inaffrontabili

"Braccialetti Rossi": messa in scena di emozioni - Ecco un altro potentissimo esempio di come la televisione possa avvicinarci a dinamiche di sofferenza, altrimenti quasi inaffrontabili

In questi giorni la Rai sta riproponendo la seconda stagione di “Braccialetti Rossi” in vista della terza e inedita stagione, che andrà in onda in autunno.
Per l’occasione ho rivisto tutto d’un fiato la prima stagione.
Questa miniserie TV racconta le vicende di 6 ragazzi (Leo, Vale, Toni, Rocco e Cris e Davide) che per vari motivi si ritrovano ricoverati in un ospedale di lungo-degenza. 
Leo (Leone) e Vale (Valentino) combattono con un tumore (per il quale entrambi hanno subito l’amputazione di una gamba), Cris (Cristina) combatte contro l’anoressia e la sua “paura” di vivere mentre Toni ha fatto un incidente con il motorino e deve “riparare le sue ammaccature”. 
Rocco, voce narrante, è in coma da 8 mesi a causa della “caduta” in piscina da un trampolino di 10 metri. Da quel giorno è sul bordo della stessa piscina, sul confine tra la vita e la morte, in un coma vigile dove sente e percepisce tutto, incontra le persone che stanno per morire (o tornare alla vita) e comunica con Toni (personaggio apparentemente “svitato”, ma dotato di alcune caratteristiche che lo rendono splendidamente “speciale”).
Grazie ai consigli del “vecchio e saggio” Nicola, Leo decide di creare un gruppo, i “Braccialetti Rossi” appunto.
Grazie alla loro amicizia e al Gruppo riescono a gestire le difficoltà che devono affrontare: l’amputazione di Vale, l’ennesima chemio di Leo e le “prove bilancia” di Cris.
Davide, invece, ragazzo apparentemente antipatico, scontroso e indisponente, sviene misteriosamente giocando a calcio e, nonostante la sua giovane età, è vittima di un arresto cardiaco.
Dopo un periodo di “studio” in cui i medici cercano di capire cos’abbia Davide, la diagnosi arriva: aneurisma dell’aorta, molto pericoloso perché molto vicino al cuore.
La notte prima dell’operazione (che purtroppo per Davide risulterà fatale) il dottore che lo opererà racconta a Davide una storia su un giovane chirurgo (lui) e il suo maestro, che nei suoi ultimi sette giorni di vita gli ha rivelato i “sette segreti per la felicità”; l’unico che il dottore si sente di rivelare, in via eccezionale, è questo: “LE PERDITE POSSONO ESSERE DELLE CONQUISTE”.
Davide non capisce cosa possa voler dire questa frase ma basta poco (molta fatica, tanto impegno e un cambio di prospettiva, in realtà) per capire quanto sia vero. E’ una situazione che tutti vorremmo evitare ma quante emozioni, quanti amici, quanti legami e, soprattutto, quanta forza scopriamo di avere soltanto grazie agli ostacoli che troviamo sul nostro percorso (perchè altrimenti non avremmo motivi per “farla uscire”).
Io personalmente mi sono trovata ed affronto quotidianamente la Sclerosi Multipla, che non considero per niente “una bestia” ma piuttosto una “particolarità” della mia storia. Solo grazie a questo problema ho potuto riconoscere alcune mie doti, come la sensibilità, la forza, la perseveranza ma anche  emozioni come la paura e la tristezza.
Nella mia storia di ricoveri ce ne sono stati tanti (una volta ne ho contati 13 e l’ultimo è durato quasi 3 mesi!) e ho vissuto sulla mia pelle il legame fortissimo che si crea grazie alla sofferenza e il senso di abbandono e spaesamento alla dimissione. Sembra incredibile ma è così!

Ancora una volta, per concludere questa riflessione, sono grata alla televisione e al cinema perché sono mezzi potentissimi per mettere in scena le emozioni vere e penso a quanto sia importante un percorso di psicoterapia per imparare a gestirle e trovare quale sia il senso e il significato della nostra storia (Ancora una volta, parlo anche per esperienza personale!).

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Consulenza psicologica

Dott.ssa Michela Lentini - Cassano Magnago (VA)

Dott.ssa Michela Lentini

Psicologi e Psichiatri / Psicologi

Via Mazzel 39

21012 - Cassano Magnago (VA)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Sclerosi Multipla e benessere: è possibile? CERTO!

Guardiamo in faccia la realtà: la nostra malattia è reale! Smettiamola di combatterla e impariamo a viverci insieme!

Continua

Sai chi sei? Che domanda difficile!

I nostri sistemi motivazionali possono aiutarci a rispondere a questa domanda

Continua

Sclerosi Multipla e benessere: è possibile?

In questo articolo la seconda parte della mia storia, fino all’intervento di Patch di vena safena delle vene giugulari.

Continua

Sclerosi Multipla e benessere: è possibile?

Una prima rassegna di articoli espone la mia storia personale legata alla Sclerosi Multipla. Quali sono le conseguenze di carattere psicologico?

Continua