Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza psicologica

Dieta e Psiche. Dimagrire è una questione di testa

Quanto conta l'atteggiamento mentale nel dimagrimento o nel sovrappeso? E' sufficiente attenersi a rigide diete ipocaloriche, alla moda, vegane...?

Dieta e Psiche. Dimagrire è una questione di testa - Quanto conta l'atteggiamento mentale nel dimagrimento o nel sovrappeso? E' sufficiente attenersi a rigide diete ipocaloriche, alla moda, vegane...?

Mangiamo in fretta, male, cose poco genuine (in attesa di capire cosa succederà con gli OGM, gli alimenti geneticamente modificati…) è vero; ma è altrettanto vero che mangiamo…di continuo! Quando siamo nervosi o troppo calmi, per uscire con gli amici od il partner, per rimanere meglio in compagnia di noi stessi o per ammazzare la solitudine e la noia, per “spezzare” la giornata o per concretizzare obiettivi di lavoro, per fare contenta la mamma anche se scontentiamo noi stessi! Insomma ogni scusa è buona per mangiare; anzi, meglio sarebbe dire, ingurgitare, ingoiare ancora qualcosa, anestetizzandoci rispetto a tutto quello che in quei momenti di ansia o di noia, di vuoto o di pieno, di amarezza o di felicità potrebbe saltarci in mente. Quello che di più sorprende è che spesso anche la capacità di lavorare per ore, in maniera concentrata, attenta, silenziosa può essere scambiata per un tratto “insolito”, un segno di un qualche “squilibrio” o malattia; e il cibo è il modo più semplice per “distrarci” da ciò che stiamo facendo, da ciò che stiamo vivendo e provando. “Vieni a prendere un caffè?”; “Dai che si esce con gli altri per una pizza”…”Hai mangiato abbastanza…come farai a lavorare con così poco nello stomaco?”. Tutto ciò che è vuoto viene inevitabilmente associato a debolezza, incapacità, rischio, malattia, assenza ecc. Eppure nelle pratiche di digiuno i partecipanti riferiscono costantemente di avvertire crescita dell’attenzione, accentuazione e affinamento delle capacità percettive, addirittura miglioramenti nella sensazione e percezione legate alla sfera della sessualità. Insomma, è come se, soprattutto in Occidente, il cibo fosse divenuto un ulteriore esempio del sottile processo, innescatosi secoli fa, di omologazione delle coscienze (oltreché dei corpi), di annullamento delle differenze individuali. Mangiamo non solo negli stessi modi ma con gli stessi tempi, negli stessi locali e con i medesimi ritmi e gusti; ed anche quando crediamo di essere “alternativi” scopriamo …..di essere in tanti ad avere fatto la stessa scelta. E’ quella che Galimberti definisce la “violenza del corpo sociale”; la quale se da un lato fa sentire tutti partecipi di un unico modo di vivere (appartenenza) dall’altro ci colpevolizza per la nostra “fame” di individuazione, di specificità. Ma se questi processi sono fuori del nostro controllo, ciò che non lo è è la consapevolezza di ciò che stiamo facendo mentre mangiamo. E la consapevolezza nasce dal rendersi conto che, al di là degli standards e dei condizionamenti sociali (che vogliono corpi efficienti, “scolpiti”, lisci e glabri, possibilmente abbronzati ecc.) ognuno di noi ha già una sua propria forma corporea, fin dall’inizio. Nessun embrione conosce l’Anoressia, la Bulimia, l’Obesità o il Sovrappeso. Nessun embrione conosce il giudizio che verrà immediatamente espresso una volta terminata la gestazione che lo avrà trasformato in un essere umano; “è sovrappeso, è sottopeso, è gracile, è robusto “ ecc. La statistica non conosce nulla dell’embrione, di quell’embrione che porta con sé un progetto di forma corporea, di senso corporeo e di rapporto con il mondo che proprio quella forma permetterà di sviluppare. Peccato che immediatamente, in pochissimi mesi e poi anni, si sovrappongano a questo progetto svariati e diversissimi “progetti alimentari” che quasi mai riescono a conoscere e/o rispettare questo senso preesistente, questa “forma originale”, questo “seme” che comincia subito ad essere seppellito da tonnellate di desideri di estranei che lo vedono bene se ingrassa e lo vedono male se non lo fa o se addirittura perde peso; salvo poi notificargli più avanti, al fine di evitare malattie cardiocircolatorie, renali ecc., che deve sottoporsi a una bella (e ferrea..) dieta permanente.
Per usare una metafora; passiamo la vita a diventare anche corporeamente “bruchi” ben pasciuti e inseriti salvo poi accorgerci che non ha alcun senso essere bruchi “più magri” se non si diviene mai la farfalla che era scritto divenissimo. Una volta divenuti quella farfalla la sua forma verrà da sé.

Insomma, se mente e corpo sono, come da ogni parte si sente dire, veramente un unico processo, come è possibile cambiare forma corporea senza mutare in nulla la propria forma mentis?  

Dott.Mario Bianchini

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Consulenza psicologica

Studio Arche Dott. Mario Bianchini E Dott.ssa Rosanna Vigliarolo - San Benedetto del Tronto (AP)

Studio Arche Dott. Mario Bianchini E Dott.ssa Rosanna Vigliarolo

Psicologi e Psichiatri / Psicologi

Via Augusto Murri, 26

63074 - San Benedetto del Tronto (AP)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

L'Ira funesta...il tallone d'Achille dell'Iperteso

Come per il figlio di Peleo e Teti, l'ipercontrollo denota una profonda diffidenza per la passività e porta a proverbiali ire ed arrabbiature

Continua

Psoriasi; il vulcano dormiente

Una delle più complesse malattie della pelle rivela, in profondità, fenditure e spaccature dell'identità. E sotto la cenere cova un incendio

Continua

Cardiopatie: l'identikit del malato di cuore

L'identikit di alcune delle più comuni malattie cardiologiche. L'Aritmia, la Tachicardia, l'Infarto. La Personalità del Cardiopatico, chi è e cosa fa

Continua

Cuore contro Cuore. Se l'Aritmia dice NO (parte II)

In un caso clinico l'esemplificazione del significato psicosomatico di una classica sintomatologia definita di competenza esclusivamente medica

Continua

Cuore contro Cuore. Se l'Aritmia dice NO (parte I)

In un caso clinico l'esemplificazione del significato psicosomatico di una classica sintomatologia definita di competenza esclusivamente medica

Continua

Psicosomatica, oggi (II parte)

Come posso decifrare il senso della malattia, il suo significato? Vediamo come possiamo cominciare ad orientarci nei meandri della Psicosomatica

Continua

Psicosomatica, oggi (I parte)

Come posso decifrare il senso della malattia, il suo significato? Vediamo come possiamo cominciare ad orientarci nei meandri della Psicosomatica

Continua

Il Talento; il volto che tengo nascosto

Più che ciò che mi guida al successo, il Talento è una scintilla che mi rende unico, irripetibile. Ma la normalità uccide sempre il nostro "genio".

Continua

Essere o non essere?…Meglio ridere (seconda parte)

Ovvero, quando non prendersi troppo sul serio è una cosa serissima. Alcune cose che non sai sul potere della risata.

Continua

Essere o non essere?…Meglio ridere (prima parte)

Ovvero, quando non prendersi troppo sul serio è una cosa serissima. Alcune cose che non sai sul potere della risata.

Continua

Alessitimia, il tempo degli analfabeti emotivi

Salute e Benessere non passano solo per l'utilizzo di farmaci e vaccini. Lo stress fa ammalare fino a che non troviamo le parole per esprimerlo

Continua

Pensa magro. Dimagrire senza dieta è possibile

Non ingrassiamo solo perché mangiamo troppo. Spesso è un problema di stress e di metabolismo lento. Dobbiamo modificare la gestione dello stress

Continua

Il Dente Avvelenato. Carie e Psicosomatica (pt. V)

La Psicosomatica del processo carioso. Aspetti simbolici di una delle più comuni malattie a carico dell'apparato dentale. Un caso clinico esemplare

Continua

Il Dente Avvelenato. Carie e Psicosomatica (pt. IV)

La Psicosomatica del processo carioso. Aspetti simbolici di una delle più comuni malattie a carico dell'apparato dentale. Un caso clinico esemplare

Continua

Il Dente Avvelenato. Carie e Psicosomatica (pt. III)

La Psicosomatica del processo carioso. Aspetti simbolici di una delle più comuni malattie a carico dell'apparato dentale. Un caso clinico esemplare

Continua

Il Dente Avvelenato. Carie e Psicosomatica (pt. II)

La Psicosomatica del processo carioso. Aspetti simbolici di una delle più comuni malattie a carico dell'apparato dentale. Un caso clinico esemplare

Continua

Il Dente Avvelenato. Carie e Psicosomatica (pt. I)

La Psicosomatica del processo carioso. Aspetti simbolici di una delle più comuni malattie a carico dell'apparato dentale. Un caso clinico esemplare

Continua

Olismo: il nuovo alfabeto della Salute (parte VI)

Il Mondo delle Tecniche Naturali, della Naturopatia con il loro linguaggio seduttivo e alternativo fino a che punto è veramente qualcosa di nuovo?

Continua

Olismo: il nuovo alfabeto della Salute (parte V)

Il Mondo delle Tecniche Naturali, della Naturopatia con il loro linguaggio seduttivo e alternativo fino a che punto è veramente qualcosa di nuovo?

Continua

Olismo: il nuovo alfabeto della Salute (parte IV)

Il Mondo delle Tecniche Naturali, della Naturopatia con il loro linguaggio seduttivo e alternativo fino a che punto è veramente qualcosa di nuovo?

Continua

Olismo: il nuovo alfabeto della Salute (parte III)

Il Mondo delle Tecniche Naturali, della Naturopatia con il loro linguaggio seduttivo e alternativo fino a che punto è veramente qualcosa di nuovo?

Continua

Olismo: il nuovo alfabeto della Salute (parte II)

Il Mondo delle Tecniche Naturali, della Naturopatia con il loro linguaggio seduttivo e alternativo fino a che punto è veramente qualcosa di nuovo?

Continua

Olismo: il nuovo alfabeto della Salute (parte I)

Il Mondo delle Tecniche Naturali, della Naturopatia con il loro linguaggio seduttivo e alternativo fino a che punto è veramente qualcosa di nuovo?

Continua

L'immaginario: il benessere a occhi chiusi

Spesso i disturbi psicosomatici si comprendono solo se accettiamo di contattare profonde immagini che orientano il nostro comportamento

Continua

Il genio dell`obesità

Rischi e opportunità del mettersi a dieta. Come evitare i tragici "effetti YO-YO"?

Continua