Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto di famiglia

Assegno divorzile e convivenza stabile

Viene meno l'assegno divorzile a carico dell'ex coniuge di fronte alla instaurazione da parte del coniuge beneficiario di una stabile convivenza

Assegno divorzile  e  convivenza stabile - Viene meno l'assegno divorzile  a carico dell'ex coniuge di fronte alla instaurazione da parte del coniuge beneficiario  di una  stabile convivenza

Spesso assistiamo a situazioni in cui il marito, onerato dell'assegno divorzile, chieda di sottrarsi a tale obbligo sul presupposto che la moglie, beneficiaria dell'assegno ha, nel frattempo avviato una convivenza stabile e duratura con un altro uomo. Ebbene se è vero che, in ogni caso, vada fornita la prova in giudizio che la moglie tragga da tale convivenza un contributo idoneo ad escludere il diritto verso l'ex marito,  è anche vero che comunque la nuova convivenza, in presenza di figli, non esonera senz'altro il coniuge dall'obbligo di contribuire al mantenimento di questi ultimi. La eccezione di convivenza stabile del coniuge con un altro uomo, sollevata dal marito  al fine di sentir dichiarare la insussistenza del proprio obbligo di contribuire al suo mantenimento va esaminata secondo i parametri dettati dall'art. 156 c.c.Secondo l'orientamento più recente della giurisprudenza di legittimità, "in tema di diritto alla corresponsione dell'assegno di divorzio in caso di cessazione degli effetti civili del matrimonio, il parametro dell'adeguatezza dei mezzi rispetto al tenore di vita goduto durante la convivenza matrimoniale da uno dei coniugi viene meno di fronte alla instaurazione, da parte di questi, di una famiglia, ancorché di fatto, fermo restando che la conseguente cessazione del diritto all'assegno divorzile, a carico dell'altro coniuge, non è però definitiva, potendo la nuova convivenza anche interrompersi, con reviviscenza del diritto all'assegno divorzile, nel frattempo rimasto in uno stato di quiescenza" (cfr. Cass. n. 17195/2011, n. 3923/2012, n. 25845/13). 

In definitiva, rispondendo anche l’assegno di mantenimento ai medesimi criteri di adeguatezza dei mezzi economici dell’altro coniuge, può dirsi che la presenza di una stabile e duratura convivente del coniuge beneficiario con altra persona, tale da costituire una vera e propria famiglia di fatto, comporta un rottura con il tenore di vita  goduto in costanza di matrimonio facendo venir meno i presupposti del diritto all’assegno. Di recente la Corte di Appello di Bologna con sentenza del marzo 2015, ha rigettato la richiesta di mantenimento  avanzata dall’ex moglie a carico del marito sulla base dell’elemento documentale del certificato anagrafico attestante la composizione del nuovo nucleo familiare della ex moglie, rafforzata peraltro dalla presenza di una nuova figlia. 

 

Tale certificazione pubblica, ad avviso della Corte, ha confermato la convivenza stabile e duratura intrapresa dalla ex moglie e la circostanza che da tale costituzione ne sia originato un vero e proprio nucleo familiare coronato dalla nascita di nuova prole. 

(avv. Lavinia Misuraca- www.studiolegalemisuraca.com)

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Diritto di famiglia

Avv.   Lavinia   Misuraca - Modena (MO)

Avv. Lavinia Misuraca

Avvocati / Civile

Via Cattaneo 54

41126 - Modena (MO)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Mediazione familiare e soluzione al conflitto

La mediazione familiare va considerata in stretta relazione con il processo di famiglia in quanto strumento che consente di prevenire la controversia

Continua

Abbandono della casa coniugale e addebito

L'abbandono della casa coniugale è causa sufficiente di addebito della separazione, salvo che si provi che è stato determinato dall'altro coniuge

Continua

Prove illecitamente acquisite e privacy

Limiti di utilizzabilità delle prove raccolte illecitamente al fine di espletare il proprio diritto di difesa e bilanciamento con la privacy

Continua

Ritardo nel pagamento dell'assegno di mantenimento

Non può ordinarsi al datore di lavoro dell'onerato di provvedere al pagamento diretto per il semplice ritardo in forza del principio di tolleranza

Continua

Figli minori e diritto di visita e mantenimento

Riassunto delle questione da trattare in presenza di figli minori anche alla luce di recenti orientamenti giurisprudenziali

Continua

Visita al minore in presenza della convivente

Al genitore non collocatario è permesso frequentare il figlio minore anche in presenza della nuova compagna

Continua

Casa familiare e figli maggiorenni

Il giudice non può statuire sull'assegnazione della casa familiare in mancanza di figli minorenni o in presenza di figli economicamente indipendenti

Continua