Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto penale criminale

Guida in stato di ebbrezza, come difendersi?

Inutilità del rifiuto di sottoporsi al test dell’etilometro; il lavoro di pubblica utilità come alternativa alla condanna e al decreto penale

Guida in stato di ebbrezza, come difendersi? - Inutilità del rifiuto di sottoporsi al test dell’etilometro; il lavoro di pubblica utilità come alternativa alla condanna e al decreto penale

Preliminarmente si deve sfatare la falsa convinzione che qualora si sia fermati alla guida dopo aver bevuto sia conveniente rifiutarsi di effettuare i rilievi del cosiddetto Alcooltest. Infatti, l’art 186, comma 7, del CDS stabilisce che, in caso di rifiuto dell'accertamento, il conducente sia punito con l'ammenda da 1.500 a 6.000 euro, l'arresto da 6 mesi a un anno nonché con la sanzione accessoria della sospensione della patente di guida  per  un  periodo  da  sei mesi a due anni e della confisca del veicolo.

Quindi che fare se si è stati fermati alla guida in stato di ebbrezza e vi viene notificato un decreto penale di condanna? Se lo pagate il reato si estingue, ma probabilmente l’importo sarà molto alto (oltre 15 mila euro). Oppure, il decreto può essere opposto per contestare l’accaduto, la rilevazione dell’alcooltest, la mancanza del l'avviso della possibilità di farsi assistere da un legale di fiducia che le forze dell'ordine devono dare, instaurare un giudizio ordinario con la possibilità di citare testimoni a favore ed eventualmente arrivare alla prescrizione. Pertanto conviene decisamente rivolgersi a un avvocato penalista che vi potrà suggerire la strada più conveniente. Tra l’altro il legislatore ha previsto anche la conversione dell’eventuale condanna in lavori di pubblica utilità ottenendo uno sconto sul periodo di sospensione della patente.

Chi può usufruire del lavoro di pubblica utilità? Tutti i condannati per il reato di guida in stato di ebbrezza o sotto l'effetto di sostanze stupefacenti ai quali sia stata concessa la sostituzione con due eccezioni: 1) aver provocato un incidente stradale 2) aver già prestato lavoro di pubblica utilità in precedenza.  E' necessario il consenso dell'interessato? La sostituzione non è subordinata al consenso e alla richiesta del condannato, ma, di fatto, senza una richiesta espressa dell’imputato corredata da una dichiarazione di uno degli enti preposti o, meglio, degli enti convenzionati (ad esempio, a Firenze la Confraternita della Misericordia) nessun giudice convertirà la pena.  

Che durata ha il lavoro di pubblica utilità? La durata della sanzione sostitutiva è commisurata alla durata delle pene sostituite: un giorno di arresto corrisponde a un giorno di lavoro di p. u.,  mentre un giorno d lavoro di p.u. viene ragguagliato con 250 euro di ammenda, col limite della prestazione delle 6 ore settimanali (corrispondenti a 3 giorni di arresto). Per cui un giorno di lavoro di p.u. consiste in 2 ore, anche non continuative, di attività lavorativa. E se il lavoro di pubblica utilità non venisse svolto correttamente? La violazione degli obblighi comporterebbe un'autonoma sanzione, rappresentata dal ripristino delle pene sostituite.

Come funziona in pratica? Preliminarmente conviene che l'interessato si faccia rilasciare dall'ente convenzionato una dichiarazione di disponibilità che potrà essere prodotta anche durante le indagini preliminari, per tentare di far concludere il procedimento con il cd decreto penale di condanna a pena già sostituita in l.p.u. Se, invece, si dovesse arrivare al processo, dopo aver acquisito il consenso dell'imputato, con la sentenza penale di condanna, il Giudice determina la durata concreta dello svolgimento del lavoro di pubblica utilità e incarica l'ufficio di P.S. territorialmente competente (ovvero, in mancanza, i Carabinieri) di verificare l'effettivo svolgimento del lavoro di p.u. In caso di svolgimento positivo, il giudice, all'esito di un procedimento di esecuzione, con fissazione di apposita udienza e con decisione ricorribile unicamente in Cassazione, dichiara il reato estinto, revoca la confisca del veicolo eventualmente disposta e riduce della metà la sospensione della patente di guida.

Ogni ente pubblico o associazione di volontariato può dare corso al lavoro di pubblica utilità? No, il lavoro di pubblica utilità può essere disposto solo in favore di enti convenzionati. La difficoltà di reperire enti, pubblici e privati, disposti a sottoscrivere le convenzioni deriva dagli obblighi previsti per gli enti medesimi, in particolare in tema di copertura assicurativa e di individuazione di un responsabile che deve poi redigere una relazione sul lavoro svolto. 

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta
2 Commenti

Sara Andreani

03/10/2014 18:29

Buonasera al mio ragazzo non avendo portato a termine i lavori di pubblica utilità il giudice ha ripristinato Lapenna iniziale.il nostro avvocato ci ha detto che sarebbe arrivata una notifica dalla quale avremmo poi avuto 30giorni di tempo per richiedere un istanza x l affidamento in prova o i domiciliari anziché la detenzione.la notifica nn è arrivata ma è stato poi direttamente arrestato dopo tre mesi dal processo.ora mi chiedo questo è consentito dalla legge o l avvocato ha sbagliato qualcosa?e da 5 gg in carcere io come devo procedere?

Rispondi

In risposta al commento di Sara Andreani

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta
Annulla

Jhonny Lorenzini

16/01/2015 23:23

Buonasera, mi hanno fermato con tasso alcolemico 2.4 di notte alla guida dell'auto di un mio amico mentre uscivo da un parcheggio in retromarcia (eravamo in un parcheggio pubblico e non in strada). Pare che abbia strisciato lievemente il fianco di un auto che era parcheggiata affianco e mi hanno dato anche l'incidente, ma i carabinieri hanno detto che vista la lieve entità di chiedere gli LPU, è possibile? Come posso difendermi, spero non si finisca in carcere, è la prima volta?

Rispondi

In risposta al commento di Jhonny Lorenzini

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta
Annulla

L'autore è esperto in
Diritto penale criminale

Avv. Jacopo Pepi - Firenze (FI)

Avv. Jacopo Pepi

Avvocati / Penale

Viale Antonio Gramsci 7

50121 - Firenze (FI)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Appropriazione indebita. Momento consumativo

Il momento consumativo del reato si manifesta nel momento in cui viene compiuto un atto di dominio sulla cosa appropriata

Continua

In quanto si prescrivono le cartelle di Equitalia?

Sanzioni Tributarie, cartelle definitive non impugnate, prescrizione quinquennale

Continua

Accusa ingiusta? Una nuova arma contro la calunnia

Una recente sentenza della Corte di Cassazione potrà proteggerci dalle calunnie? I Giudici di merito valuteranno le testimonianze esagerate?

Continua

Dichiarazione fraudolenta o Frode Fiscale

Il reato di Frode Fiscale è destinato a diventare sempre più di moda nei Tribunali del Bel Paese?

Continua

Coltivazione di marijuana, quando non è punibile?

Quali sono gli sviluppi in giurisprudenza? Quando è punibile? Quando si può sostenere l’uso personale? Quando la condotta può risultare inoffensiva?

Continua

Divorzio breve e negoziazione assistita: cosa sono?

Cosa cambia e cosa resta nelle procedure di separazione? Quando sono applicabili le nuove norme procedurali? Cosa conviene?

Continua

Diritto di difesa e reato di calunnia

L'imputato può mentire incolpando implicitamente di falsa testimonianza purchè sia in relazione alla propria difesa.

Continua

Facebook, messaggi sgraditi la Cassazione dice no!

La Cassazione definisce luogo aperto al pubblico la piazza virtuale assoggettandone i messaggi o post alle molestie di cui all`art. 660 del codice penale

Continua

Facebook, attenzione a quel che si scrive

Si può incorrere nella diffamazione aggravata da motivi razziali anche tramite i soli post

Continua

Droga. Cosa è cambiato.

Quali sono le modifiche della normativa sugli stupefacenti apportate dalla sentenza della Corte Costituzionale? Chi può usufruire della “nuova” norma

Continua

Danni causati dall'alunno: chi ne risponde?

Responsabilità Civile della scuola e degli insegnati per danni causati e subiti dal minore durante l'orario scolastico

Continua

Accusa ingiusta? Quali strade intraprendere?

Quando si è calunniati è conveniente fare immediatamente una contro denuncia?

Continua

Stalking, come difendersi

Cosa si può fare se si è vittima di molestie o minacce ripetute, ma si ha paura che una denuncia aggravi o non risolva la situazione?

Continua