Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto del lavoro

Impugnativa del licenziamento orale

Non ci sono termini decadenziali per impugnare il licenziamento orale

Impugnativa del licenziamento orale - Non ci sono termini decadenziali per impugnare il licenziamento orale

Di norma, per impugnare un licenziamento, è previsto che il lavoratore (personalmente o tramite il proprio avvocato) debba inviare al proprio datore di lavoro un atto cosiddetto stradigiuziale (ad esempio, una raccomandata con ricevuta di ritorno), in cui contesta ed impugna il licenziamento comminato e mette a disposizione la propria attività lavorativa.  

 

La raccomandata deve essere spedita prima che trascorrano 60 giorni dalla ricezione della comunicazione del licenziamento (comminato in forma scritta). Impugnato il licenziamento (in via stragiudiziale) è poi necessario che entro i successivi 180 giorni (6 mesi), venga depositato in Tribunale il ricorso per l'impugnativa del licenziamento.
 

Per quanto riguarda il licenziamento comminato in forma orale (quindi senza che il datore di lavoro abbia inviato o fatto sottoscrive la lettera di licenziamento), con una  recente pronuncia, la Cassazione, Sezione Lavoro (sentenza n° 22825 anno 2015, Presidente Venuti, Relatrice Doronzo), ha affermato che in tal caso non è richiesta un'impugnazione nel termine di decadenza (i menzionati 60 giorni dalla comunicazione del licenziamento) e il licenziamento non incide sulla continuità del rapporto di lavoro (e quindi sul diritto del lavoratore alla retribuzione fino alla riammissione in servizio). 
 

Ne consegue che, in caso di licenziamento orale, mancando l'atto scritto, il lavoratore può agire per far valere l'inefficacia del licenziamento senza l'onere  della previa impugnativa stragiudiziale del licenziamento stesso.
Per il licenziamento inefficace avvenuto senza forma scritta, per il licenziamento nullo oppure per il licenziamento discriminatorio, anche i lavoratori assunti dopo il 7 marzo 2015 hanno diritto ad una cosiddetta tutela reale piena (ma questo argomento necessita di essere trattato in un diverso e specifico articolo).  

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Diritto del lavoro

Avv. Paolo Palumbo - Padova (PD)

Avv. Paolo Palumbo

Avvocati / Civile

Via Giovanni Battista Ricci 6

35131 - Padova (PD)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo