Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza per la sicurezza sul lavoro

I rischi da interferenza e il DUVRI

Il DUVRI è il risultato della cooperazione tra i datori di lavoro del committente e del fornitore

I rischi da interferenza e il DUVRI - Il DUVRI è il risultato della cooperazione tra i datori di lavoro del committente e del fornitore

In applicazione all’art.26 del D.Lgs. 81/2008, nel caso in cui i lavoratori di un fornitore (impresa o lavoratore autonomo) si trovino ad operare nei luoghi di lavoro di una azienda, ad esempio per manutenzioni degli impianti di produzione, elettrici, di riscaldamento, videoterminali, macchine erogatrici di alimenti e bevande, macchine per ufficio, attività di pulizia e imbiancature, prelievi per analisi di laboratori, ecc, il Datore di Lavoro deve verificare, tra l’altro, l’idoneità tecnico professionale delle imprese appaltatrici e deve fornire le informazioni dettagliate sui rischi specifici esistenti nell’ambiente in cui sono destinati ad operare e sulle misure di prevenzione e di emergenza adottate in relazione alla propria attività, cooperando nell’attuazione delle misure di prevenzione e di emergenza e coordinando gli interventi. 

Il Documento Unico di Valutazione del Rischio di Interferenze (DUVRI) è il risultato della cooperazione tra i datori di lavoro del committente e del fornitore col fine di eliminare o ridurre al minimo i rischi da interferenze. Il DUVRI viene allegato al contratto d’appalto e va aggiornato secondo lo stato di avanzamento dei lavori svolti dal fornitore. In caso di mancanza del DUVRI il contratto d’appalto è considerato nullo

Il DUVRI può non essere redatto nei seguenti casi: 

-          appalti di servizi di natura intellettuale; 

-          mere forniture di materiali o attrezzature; 

-          lavori o servizi la cui durata non sia superiore a 5 uomini-giorno, sempre che essi non comportino rischi derivanti da rischio incendio elevato, o dallo svolgimento di attività in ambienti confinati o dalla presenza di agenti cancerogeni, mutageni o biologici, di amianto o di atmosfere esplosive o dalla presenza dei rischi particolari di cui all’allegato XI del D.Lgs. 81/08. 

Il DUVRI non va predisposto nel caso di cantieri edili ove vi sia già un PSC redatto dal CSE ed accettato dalle Imprese; in tal caso le Imprese appaltatrici presenti in cantiere redigono il Piano Operativo della Sicurezza (POS), in quanto i rischi da lavorazioni interferenti sono già stati contemplati dal PSC stesso. 

L’INAIL, a fronte delle variazioni normative apportate nel corso degli anni al D.Lgs. 81/08 e che hanno introdotto innovazioni quali la possibilità di esonero dall'obbligo di redazione del Duvri, ha pensato di elaborare un Manuale che si rivolge specialmente ai Responsabili del servizio di prevenzione e protezione, che affiancano il datore di lavoro committente nella compilazione del DUVRI. 

Il Manuale è scaricabile al seguente Link: 

https://www.inail.it/cs/internet/docs/ucm_126878.pdf 

Nella redazione del DUVRI (ma vale per tutta la materia della sicurezza sul lavoro) non è utile generalizzare ovvero utilizzare modelli precompilati redatti “on-line”, perché molto dipende dai contesti aziendali, dalle specifiche realtà lavorative, dalla tipologia di lavori, servizi e forniture appaltate. 

E’ pertanto consigliabile un’analisi attenta di ogni contesto lavorativo e il supporto di professionisti qualificati. 

La mancata redazione del DUVRI è soggetta a sanzioni: 

-          Penali per il datore di lavoro e il dirigente: 

o   Mancata verifica dell’idoneità tecnico professionale delle imprese appaltatrici o dei lavoratori autonomi: arresto da due a quattro mesi o ammenda da 1.096,00 a 5.260,80 euro. 

o   Se non ha fornito alle imprese appaltatrici o ai lavoratori autonomi dettagliate informazioni sui rischi specifici esistenti nell’ambiente in cui sono destinati ad operare e sulle misure di prevenzione e di emergenza adottate in relazione alla propria attività: arresto da due a quattro mesi o ammenda da 822,00 a 4.384,00 euro. 

o   Mancata cooperazione all’attuazione delle misure di prevenzione e protezione dai rischi sul lavoro incidenti sull’attività lavorativa oggetto dell’appalto e mancato coordinamento degli interventi di protezione e prevenzione dai rischi cui sono esposti i lavoratori, informandosi reciprocamente anche al fine di eliminare rischi dovuti alle interferenze tra i lavori delle diverse imprese coinvolte nell’esecuzione dell’opera complessiva: arresto da due a quattro mesi o ammenda da 1.644,00 a 6.576,00 euro. 

o   Mancata elaborazione del DUVRI: arresto da due a quattro mesi o ammenda da 1.644,00 a 6.576,00 euro. 

  

-          Amministrative per il datore di lavoro e il dirigente: 

o   Nell’ambito dello svolgimento di attività in regime di appalto o subappalto, se il personale occupato dall’impresa appaltatrice o subappaltatrice non è munito di apposita tessera di riconoscimento corredata di fotografia, contenente le generalità del lavoratore e l’indicazione del datore di lavoro: sanzione amministrativa pecuniaria da 109,60 a 548,00 euro per ciascun lavoratore.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Consulenza per la sicurezza sul lavoro

Light-consulting Di Radice Paola - Viggiù (VA)

Light-consulting Di Radice Paola

Consulenti per la sicurezza sul lavoro / Sicurezza sul lavoro

Via Monviso 20/a

21059 - Viggiù (VA)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Azioni per affrontare rischi ed opportunità

La nuova ISO 9001:2015 è caratterizzata da un approccio sistematico al rischio

Continua

ISO 9001:2015 – Le informazioni documentate

Nella nuova edizione della ISO 9001:2015 una parte che ha subito una sensibile revisione è quella relativa ai documenti

Continua

ISO 39001 sulla Sicurezza Traffico Stradale

Gli incidenti stradali sono tra le più comuni cause di lesioni e di morte a livello mondiale. Si stima che milioni di persone vengono uccise e ferite.

Continua

Come prepararsi alla nuova ISO 9001:2015

La transizione alla nuova norma non si risolve con l’utilizzo della sola tabella di correlazione tra vecchi e nuovi punti della norma.

Continua

La sicurezza negli uffici

Un’interessante pubblicazione curata dall’Università Sapienza di Roma analizza nel dettaglio la sicurezza negli uffici

Continua

Aspetti organizzativi della sicurezza sul lavoro

Un quaderno pubblicato da Università Sapienza di Roma descrive gli aspetti organizzativi previsti dal D.Lgs.81/08

Continua

ISO 9001:2015 – Risk Based Thinking

La nuova ISO 9001:2015 è caratterizzata da un approccio sistematico al rischio

Continua

Sorveglianza sanitaria nei casi di distacco

La Commissione Interpelli fornisce chiarimenti sulle corretta interpretazione all’obbligo della sorveglianza sanitaria nei casi di distacco.

Continua

Parte il nuovo Ispettorato per il Lavoro

L’Ispettorato nasce al fine di razionalizzare e semplificare l'attività di vigilanza in materia di lavoro e legislazione sociale

Continua

ISO 50001 Sistemi di Gestione dell’energia

ISO 50001 SGE - Sistemi di Gestione dell’energia. Il FIRE ha tirato le somme sui risultati della sua applicazione in Italia.

Continua

Il nuovo Accordo Stato-Regioni del 07 luglio 2016

Approvato il nuovo Accordo Stato-Regioni finalizzato alla individuazione della durata e dei contenuti minimi dei percorsi formativi per RSPP e ASPP

Continua

ISO 9001 Come definire il campo di applicazione?

Il punto 4.3 della nuova ISO 9001 definisce i requisiti che una organizzazione deve rispettare nel determinare il campo di applicazione del SGQ

Continua

Informazioni documentate e la nuova ISO 9001:2015

La nuova edizione della ISO 9001 rispetto alla precedente versione abbandona i formalismi tendendo ai contenuti e ai risultati

Continua

Nuovo Codice Appalti: le riduzioni sulle garanzie

Il nuovo Codice Appalti definisce le riduzioni sulla polizza fideiussoria per le organizzazioni certificate

Continua

ISO 9001:2015 e l’HLS (Hight Level Structure)

La prima novità della nuova USO 9001:2015 è riscontrabile nell’adozione di una nuova struttura generale denominata HLS - Hight Level Structure.

Continua

Le nuove ISO 9001:2015 e 14001:2015. E adesso?

Sono state pubblicate le nuove norme ISO 9001:2015 e ISO 14001:2015. Ma l’organizzazione certificata secondo le vecchie norme, cosa deve fare?

Continua