Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto di famiglia

Garantire il futuro del figlio disabile

I genitori possono farlo istituendo, per testamento, un trust che produca una rendita a suo beneficio

Garantire il futuro del figlio disabile - I genitori possono farlo istituendo, per testamento, un trust che produca una rendita a suo beneficio

Una questione che si pone spesso, trattando di famiglie nelle quali è presente un figlio disabile, è quella di garantire a quest'ultimo un patrimonio personale che gli consenta di usufruire di garanzie future. Una soluzione interessante è quella della costituzione di un trust, attraverso il quale i genitori possono - nel loro testamento - trasferire il proprio patrimonio o parte di esso (a seconda della presenza di eventuali altri eredi legittimari) ad una persona di fiducia, che dovrà amministrare i beni proprio nell’interesse del figlio disabile.  

 

Il trust è un istituto assai diffuso all’estero ma poco noto, anche se perfettamente praticabile, in Italia. Il meccanismo è abbastanza semplice. La persona designata (tecnicamente il trustee) ha il compito di gestire i beni (di qualsiasi tipo essi siano) in modo che producano un reddito destinato a soddisfare i bisogni del disabile, per esempio attraverso l'assistenza domiciliare o il pagamento di una retta presso un istituto di cura idoneo a garantirgli condizioni di vita corrispondenti alle sue abitudini e necessità.  

 

In concreto il trustee acquista la proprietà dei beni, ma questa è assolutamente vincolata dallo scopo e dalle regole dettate dai genitori nel testamento. Il trustee può compiere, senza dover chiedere autorizzazioni a nessuno, tutti gli atti che riterrà vantaggiosi per il figlio. Per tranquillità, quando si costituisce un trust, si nomina di regola anche un supervisore (tecnicamente indicato come "guardiano") che vigila sul corretto operato del trustee

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Diritto di famiglia

Avv. Giovanna Comande' - Genova (GE)

Avv. Giovanna Comande'

Avvocati / Civile

Via Corsica 9/7

16128 - Genova (GE)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Divorzio in Comune: non si parla di soldi!

Nel rito (anche di separazione) davanti al Sindaco non si può stabilire l'assegno. Per questo c'è solo il Tribunale (e gli avvocati)

Continua

Badanti baby e pensioni di reversibilità

La Corte Costituzionale in difesa dei matrimoni fra coniugi con forti differenze di età: non si può dire che siano a priori "fraudolenti"

Continua

Cani e padroni, quali responsabilità

Al guinzaglio o a casa propria, il comportamento dell'animale comporta SEMPRE responsabilità civili e penali

Continua