Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Pressione fiscale: abbatterla con l’assetto societario!

L’ostacolo principale alla sopravvivenza delle imprese Italiane è la pressione fiscale. Ma un modo per risparmiare c’è!

Pressione fiscale: abbatterla con l’assetto societario! - L’ostacolo principale alla sopravvivenza delle imprese Italiane è la pressione fiscale. Ma un modo per risparmiare c’è!

L’ostacolo principale alla sopravvivenza delle imprese Italiane è la pressione fiscale, cioè la percentuale di tassazione media imposta dallo Stato, che nel nostro Paese riveste un peso rilevante nei bilanci delle società. 

  

Secondo gli ultimi dati diffusi dal Centro Studi di Confindustria (“Le sfide della politica economica, Settembre 2016, n. 27), “la pressione fiscale apparente cala al 42,8% del PIL nel 2016 (43,5% nel 2015) e al 42,4% nel 2017, il livello più basso dal 2011 (41,6% del PIL). Tenendo conto del bonus di 80 euro previsto dalla Legge di stabilità 2015, la pressione fiscale scende al 42,3% del PIL nel 2016 e al 41,8% nel 2017”. 

  

Nonostante il lieve miglioramento a livello nazionale, i dati restano comunque preoccupanti per le imprese. Soprattutto per quelle della città metropolitana di Milano e di alcune province lombarde, ambito in cui opera maggiormente il nostro studio. Secondo il 4° Rapporto sulla fiscalità locale nei territori di Milano, Lodi e Monza e Brianza presentato da Assolombarda, la pressione fiscale sulle imprese è aumentata ancora dall’1% se si mettono a confronto i valori delle imposte gravanti sugli immobili di impresa (uffici e capannoni industriali) quali IMU, TASI, TARI, gli oneri di urbanizzazione e l’addizionale IRPEF. 

  

Cosa può fare allora l’imprenditore? Chiaramente non può modificare la percentuale di tassazione o l’importo delle tasse, né tantomeno non pagarle! 

Ma un modo per risparmiare c’è! E la parola d’ordine è COMPAGINE SOCIALE… 

  

Capita spesso, infatti, che chi decide di aprire un’attività scelga la forma societaria più immediata, senza analizzare a fondo le caratteristiche organizzative, e soprattutto fiscali, prima di andare dal notaio. Capita anche, purtroppo, che chi decide di avviare un’impresa si rivolga al commercialista soltanto per farsi assistere nelle pratiche burocratiche e nella tenuta dei conti e non per assicurarsi un consulente capace di cogliere le opportunità nascoste nelle pieghe della normativa fiscale. 

  

Una consulenza preliminare sulla “progettazione societaria” è un’opportunità di analisi e di studio doverosa prima di avviare un’attività. Ma è anche una consulenza molto poco richiesta perché, nella percezione generale, la consulenza è considerata come un esborso finanziario inutile. 

  

Niente di più sbagliato! Ogni compagine societaria (società di persone, società di capitale, ditte individuali, imprese familiari, associazioni, ecc.) è caratterizzata da un’organizzazione e da una fiscalità differente. Individuare quella che più si adatta alle proprie esigenze e alle proprie finalità aziendali consente di ottenere risparmi fiscali che si aggirano intorno al 40-50%. 

  

Non è magia e neppure fantasia! A parità di utili ricavati, ma con “assetti societari” differenti, è possibile rilevare a quanto ammonti il risparmio fiscale. 

  

Questo discorso, se vale per le persone che si accingono ad avviare un’impresa, VALE ANCOR DI PIU’ PER COLORO CHE SONO GIA’ IMPRENDITORI e che faticano a pagare tutte le tasse dovute. Probabilmente, uno studio sull’assetto societario potrebbe modificare in positivo i conti fiscali aziendali. 

  

Sono molte, infatti, le imprese che chiudono perché non riescono a far fronte ai propri debiti. Secondo recenti dati Istat, anche nel 2014, seppur con qualche miglioramento rispetto ai quattro anni precedenti, sono state più numerose le imprese cessate rispetto a quelle avviate. Ma, forse, prima di chiudere, non tutto è stato fatto… 

 

Il nostro studio offre la sua consulenza in merito allo studio dell’assetto societario maggiormente calzante al singolo caso aziendale. 

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Cs Dati Dr. Piero Mistretta - Milano (MI)

Cs Dati Dr. Piero Mistretta

Commercialisti, Ragionieri ed Esperti contabili / Commercialisti

Viale Monte Ceneri 73

20155 - Milano (MI)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Il risparmio fiscale è possibile?

Si può risparmiare almeno il 35% se si sfruttano tutte le opportunità fornite dalla normativa fiscale

Continua

La Riforma del bilancio, quali novità e quale adottare?

Con le nuove modifiche contabili è importante valutare quale bilancio adottare in base alla classificazione aziendale

Continua

Incentivi alle imprese con le assunzioni agevolate

Ecco quali sono i bonus destinati alle aziende che assumono giovani disoccupati, stagisti e tirocinanti

Continua

Corsi aziendali obbligatori: è possibile ottenerli gratis?

Attraverso determinati enti si possono ottenere notevoli risparmi sui corsi obbligatori per le aziende o addirittura ottenerli senza spese

Continua

Legge di Bilancio 2017: torna il maxi-ammortamento, ma intanto…

E’ possibile usufruire del maxi-ammortamento del 140% sull’acquisto di beni strumentali acquistati dal 15 ottobre 2015 al 31 dicembre 2016

Continua

Sicurezza sul lavoro: bando incentivi Isi

Fino al 7 maggio, le aziende che vogliono investire in salute e sicurezza nei posti di lavoro potranno avvalersi di finanziamenti a fondo perduto

Continua

S.O.S liquidità per le PMI

La difficoltà ad ottenere i finanziamenti bancari può essere superata dalle garanzie concesse dai Confidi

Continua

Cassa Depositi…ma anche prestiti!

Competere nel mercato di oggi significa saper cogliere le opportunità di finanza agevolata

Continua

Agevolazioni per l’acquisto di macchinari

Grazie al “Decreto del Fare” è possibile ottenere un contributo in conto interessi per finanziamenti della durata di 5 anni

Continua

Legge 394/81: internazionalizzate la vostra impresa

Finanza agevolata: espandere il proprio mercato è possibile se si ricorre ai finanziamenti a tassi agevolati

Continua

Novembre e dicembre: incubo fiscale

L’attesa del Natale è segnata da un calendario dell’avvento ricco di scadenze fiscali da ricordare e di difficile comprensione

Continua

Imprese: danno da usura e anatocismo

Il fabbisogno finanziario delle aziende risente delle pratiche scorrette e illegali bancarie contro le quali si può essere risarciti

Continua

Agevolazioni nazionali e regionali alle PMI

Una strada di finanziamento poco battuta dalle imprese è il ricorso ai fondi pubblici tramite bando e convenzioni nazionali e regionali

Continua

Privati: come difendersi da usura e anatocismo

La maggior parte dei conti correnti e mutui stipulati sono viziati da anomalie bancarie a scapito dei cittadini. Ecco come difendersi

Continua

Confusione Tasi

Il 16 ottobre è il giorno della scadenza del pagamento dell’acconto della nuova tassa comunale. Tutti i nodi verranno al pettine...

Continua

Come aprire un bar

Nonostante la liberalizzazione del Decreto Bersani, sono ancora molti gli adempimenti da rispettare per avviare l’attività

Continua