Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto bancario e assicurativo

Contratti di cessione del quinto dello stipendio

La responsabilità delle Banche nei contratti di cessione del quinto: il rimborso delle commisioni

Contratti di cessione del quinto dello stipendio - La responsabilità delle Banche nei contratti di cessione del quinto: il rimborso delle commisioni

La cessione del quinto dello stipendio è una particolare tipologia di prestito personale, che si estingue con la cessione di quote dello stipendio o salario fino al quinto dell'ammontare dell'emolumento valutato al netto di ritenute, per il quale la Banca, come per tutti i contratti di finanziamento, prevede sia un piano di rientro del prestito (cosiddetto piano di ammortamento), sia il pagamento anticipato di tutte le commissioni di natura finanziaria e assicurativa, che la stessa pone in essere per la concessione del finanziamento medesimo. Tuttavia, nei casi in cui il debitore estingua anticipatamente il proprio finanziamento, la Banca, per non incorrere in irregolarità, ha l'onere di restituire al cliente le commissioni non godute dallo stesso. Di seguito si riassumono brevemente le (gravi) criticità cui può andare incontro l'ente creditizio in caso di mancato rimborso delle suddette commissioni:  

1) TAEG pattuito alla stipula oltre la soglia di usura (nullità della relativa clausola per violazione di norma imperativa di legge ex art. 1418, comma 1, c.c. in relazione all’art. 644 c.p. ed a norma dell’art. 1815 c.c.;  

2) TAEG e TEG realmente applicati oltre la soglia di usura al momento di anticipata estinzione del finanziamento  

3) Mancata trasparenza delle condizioni contrattuali e nel rapporto con il cliente  

4) Mancato rimborso delle commissioni non maturate a seguito dell’anticipata estinzione del finanziamento.  

L'art. 1, comma 1, della legge 24 del 28/02/2001 stabilisce che “ai fini dell'applicazione dell'articolo 644 del codice penale e dell'articolo 1815, secondo comma, del codice civile, si intendono usurari gli interessi che superano il limite stabilito dalla legge nel momento in cui essi sono promessi o comunque convenuti, a qualunque titolo, indipendentemente dal momento del loro pagamento”.  La verifica dell’usurarietà degli interessi applicati ai singoli contratti e le conseguenti valutazioni, sotto l’aspetto civile e penale, sono rimesse all’Autorità giudiziaria (Cass. Pen., Sez. II, 19/02/2010, N. 12028; Cassazione N. 350/2013). E' ormai opinione consolidata in giurisprudenza quella per cui, al fine di quantificare l'usurarietà di un finanziamento, bisogna tener conto di tutte le commissioni applicate a qualsiasi titolo (come chiaramente indicato nell'art. 644 c.p.). Dunque, se quest’ultime non vengono correttamente rimborsate, la variazione dei tassi è come se avvenisse per volontà del finanziatore che ha pattuito una serie di condizioni contrattuali che, combinate tra loro, hanno l'effetto di incrementare i tassi applicati rispetto a quelli pattuiti. Quindi, se la Banca non rimborsa le commissioni anticipate dal cessionario, molte volte capita che le condizioni contrattuali causino l'applicazione di TEG e TAEG oltre soglia di usura, rendendo il contratto irregolare. Inoltre, la variazione del TEG e del TAEG, risulta essere del tutto inquantificabile per il mutuatario, il quale, non ha la contezza alcuna che il TEG e TAEG del proprio finanziamento risultino essere superiori rispetto a quelli indicati sul contratto.  A riguardo vale ricordare l’articolo 1346 del Codice Civile, il quale stabilisce che: “L’oggetto del contratto deve essere possibile, lecito, determinato e determinabile” (sul punto vedasi Sentenza Tribunale di Milano, 30 ottobre 2013, n. 13676 - est. Riva Crugnola).     

In pratica: che cosa fare?  

Prima di tutto è necessario rivolgersi al proprio legale e commercialista di fiducia, affinché provvedano, effettuati i dovuti conteggi, ad attivare le procedure stragiudiziali (ABF o mediazione), e in caso di esito negativo di queste, attivino le procedure giudiziali.    

 

  

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Diritto bancario e assicurativo

Studio Legale Civile E Penale Avv. Alberto Costa - Torino (TO)

Studio Legale Civile E Penale Avv. Alberto Costa

Avvocati / Civile

Corso Duca Degli Abruzzi 10

10121 - Torino (TO)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Condominio e utenti del riscaldamento

L'unico soggetto cui il terzo fornitore si può rivolgere per richiedere il pagamento delle forniture regolarmente eseguite è il Condominio

Continua

Valvole termostatiche e sistemi contabilizzazione del calore

Il regolamento condominiale non può derogare al principio in base al quale la spesa va ripartita in base al consumo effettivamente registrato

Continua

Il contributo al mantenimento

Che cosa succede quando il genitore separato o divorziato non versa il contributo al mantenimento dei figli minori?

Continua