Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Responsabilità civile

Tardiva diagnosi e danno differenziale

Il Tribunale di Milano si pronuncia in merito alla richiesta risarcitoria avanzata da una donna che aveva subito un aggravamento della malattia

Tardiva diagnosi e danno differenziale - Il Tribunale di Milano si pronuncia in merito alla richiesta risarcitoria avanzata da una donna che aveva subito un aggravamento della malattia

Il tema, giuridicamente assai rilevante, riguarda la tardiva diagnosi e il risarcimento del danno differenziale.
La Ia Sezione Civile del Tribunale di Milano, con Sentenza del 23 Agosto 2016, si è pronunciata in merito alla richiesta risarcitoria avanzata da una donna che aveva subito un aggravamento della malattia a causa dell’inadempimento del medico e della struttura ospedaliera.
La donna, già affetta da fibrocistiche a medi nodi, nel Febbraio 2009 eseguiva un controllo ecografico che riscontrava un nuovo piccolo nodo del diametro di 9 mm.
Il medico, di conseguenza, prescriveva alla paziente la ripetizione dell’esame dopo 4 mesi.
Nel Luglio dello stesso anno, la donna effettuava l’accertamento richiesto e dal referto ecografico emergeva un aumento della massa da 9 a 22 mm.
Ciononostante, il medico formulava una diagnosi non patologica  e suggeriva un ulteriore controllo a distanza di altri 4 mesi.
Il terzo esame ecografico, eseguito secondo la tempistica dettata dal medico, portava alla luce una tumefazione di circa 3 cm che rendeva necessario un intervento chirurgico di asportazione del nodulo.
La donna veniva sottoposta a mastectomia totale con dissezione ascellare e a cicli di chemioterapia, avendo evidenziato, l’esame istologico, la presenza di “carcinoma duttuale infiltrante della mammella con metastasi linfonodali”.
Il Tribunale accoglieva le domande svolte dalla donna ritenendo sussistente la responsabilità professionale del medico, unitamente a quella dell’ospedale, in merito alla mancata corretta valutazione della necessità di prescrivere ulteriori accertamenti che avrebbero consentito, secondo un criterio di preponderanza dell’evidenza, di intervenire tempestivamente sul tumore.
Ritenendo l’approccio chirurgico, dunque, maggiormente demolitivo e più invalidante, il Tribunale di Milano procedeva ad individuare il danno alla persona tenendo in debita considerazione la situazione patologica preesistente:
a) non può farsi gravare sul medico, in via automatica, una misura del danno da risarcirsi incrementata da fattori estranei alla sua condotta;
b) la liquidazione va necessariamente rapportata ad una concreta verifica delle conseguenze incrementative subite dalla parte lesa.
In aderenza agli insegnamenti della Suprema Corte di Cassazione, il Tribunale, pertanto, ribadiva che “…qualora la produzione di un evento dannoso possa apparire riconducibile, sotto il profilo eziologico, alla concomitanza della condotta del sanitario e del fattore naturale rappresentato dalla pregressa situazione patologica del danneggiato, il Giudice deve accertare, sul piano della causalità materiale, l’efficienza eziologica della condotta rispetto all’evento di danno in applicazione della regola di cui all’Art. 41 del Cod. Pen., così da ascrivere l’evento di danno interamente all’autore della condotta illecita, per poi procedere, eventualmente anche con criteri equitativi, alla valutazione della diversa efficienza delle varie concause sul piano della causalità giuridica onde ascrivere all’autore della condotta, responsabile tout court sul piano della causalità materiale, un obbligo risarcitorio che non comprenda anche le conseguenze dannose non riconducibili eziologicamente all’evento di danno, bensì determinate dal fortuito, come tale da reputarsi la pregressa situazione patologica del danneggiato che, a sua volta, non sia eziologicamente riconducibile a negligenza, imprudenza ed imperizia del sanitario”.
Si tratta, chiarisce ancora il Tribunale, di esaminare una situazione caratterizzata da lesioni che si inseriscono su di uno stato di preesistente patologia e che può riguardare lo stesso organo, in caso di lesioni concorrenti, ovvero organi diversi, in caso di lesioni coesistenti.
In considerazione di ciò, tali lesioni sono difficilmente rapportabili a uno schema liquidatorio che deve essere, dunque, modulato in relazione alla vicenda clinica e alla specifica situazione concreta della parte lesa e deve tener conto di tutti i riflessi sull’integrità psico biologica, del condizionamento e del pregiudizio delle attività aredittuali.
Difatti, dopo un’approfondita analisi del caso, il Tribunale determinava l’entità del danno iatrogeno differenziale, riferibile all’erronea attività dei sanitari, nella misura del 10% rispetto alla complessiva invalidità della donna (20%).

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Responsabilità civile

Avv. Angelo De Nina - Sesto San Giovanni (MI)

Avv. Angelo De Nina

Avvocati / Civile

Viale Gramsci,135

20099 - Sesto San Giovanni (MI)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Pernottamento del figlio minore

Il pernottamento del figlio minore con il genitore non collocatario

Continua

Contributo alla prole e mantenimento ex moglie

La riduzione dell'assegno di mantenimento dei figli non porta ad un automatico aumento dell'assegno a favore dell'ex moglie

Continua

Paternità indesiderata

Può essere richiesto il risarcimento dei danni per una paternità indesiderata causata dalla menzogna del partner sul proprio stato di fertilità?

Continua

Danno patrimoniale per la morte della casalinga

Risarcimento del danno per la perdita delle prestazioni attinenti alla cura e all'assistenza fornite dalla moglie e madre casalinga

Continua

Separazione e collocamento del figlio minore

Quali sono i presupposti per un corretto collocamento del figlio minore dopo la separazione dei genitori?

Continua

Abuso dei mezzi di correzione in danno al minore

Minore colpito ripetutamente sulla schiena, alle gambe e al capo con un battipanni e un mattarello

Continua

Minorenne e pillola abortiva

Una ragazza minorenne, per paura della reazione della madre, si rivolgeva a degli estranei che, illegalmente, le fornivano la pillola abortiva

Continua

Violenza sessuale

Il fulcro su cui ruotano i fattori idonei a realizzare una violenza sessuale è costituito dalla violazione della sfera di libera autodeterminazione

Continua

Mantenimento dei figli minori

Il genitore separato è obbligato a contribuire al mantenimento dei figli minori anche quando vi provveda in via sussidiaria l’altro genitore

Continua

Non responsabile il medico di Pronto Soccorso

Può essere ritenuto non responsabile il medico di pronto soccorso per il decesso del paziente dopo l’affidamento ad altro reparto?

Continua

Danno da vacanza rovinata

Danno da vacanza rovinata ed evoluzione del sistema normativo che vede un notevole ampliamento della tutela del consumatore

Continua

Il danno da “stress lavoro correlato”

Lo stress determinato dall'attività lavorativa viene denominato “stress lavoro correlato”

Continua

Madre che si occupa da sola della figlia

La madre che si occupa da sola delle necessità della figlia, ha diritto al rimborso delle spese sostenute e al risarcimento del danno non patrimoniale

Continua

Anziana attraversa fuori dalle strisce pedonali

Se una persona anziana attraversa la strada fuori dalle strisce pedonali e viene investita e uccisa, sussiste la responsabilità del conducente

Continua

Suicidio in casa di cura e responsabilità

Il suicidio del paziente si sarebbe potuto evitare se, nella casa di cura presso cui era ricoverato, il medico avesse adottato le opportune cautele

Continua

Sinistro stradale e responsabilità medica

Nel caso di incidente stradale, causativo di lesioni, l’ipotetica negligenza o imperizia dei medici non è idonea a interrompere il nesso di causalità

Continua

L’assegno postdatato emesso a fine di garanzia

Il rilascio di un assegno postdatato in garanzia continua a essere un valido strumento per assicurare al creditore l’adempimento della prestazione

Continua

Licenziamento e periodo di comporto: illegittimità

Le Sezioni Unite della Suprema Corte di Cassazione hanno dichiarato la illegittimità del licenziamento per superamento del periodo di comporto

Continua

Responsabilità medica da diagnosi errata

Una diagnosi errata comporta la veicolazione di una informazione sbagliata produttiva di un profondo stato di preoccupazione, fonte di risarcimento

Continua

Chirurgia estetica: omessa informazione e danno

Se il chirurgo estetico procura un inestetismo più grave di quello che mirava di eliminare, al paziente non informato spetta il risarcimento del danno

Continua

Separazione: figlio perde diritto al mantenimento

Il figlio universitario perde il diritto ad essere mantenuto se dimostra uno scarsissimo rendimento

Continua

Infortunio mortale sul lavoro

Il datore di lavoro deve mettere in atto tutte quelle misure idonee a tutelare l’integrità psicofisica del lavoratore

Continua

Malato terminale: perdita chances di sopravvivenza

Se una errata diagnosi e cura diminuiscono le chance di sopravvivenza di un malato terminale, l`ospedale deve risarcire il danno non patrimoniale

Continua

Maltrattamenti in famiglia

La Cassazione evidenzia come il reato di maltrattamenti in famiglia si configuri anche mediante atti di disprezzo e di offese

Continua