Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto di famiglia

Divieto temporaneo di nuove nozze: lutto vedovile

Quanto bisogna attendere prima di contrarre nuove nozze: divieti ed eccezioni

Divieto temporaneo di nuove nozze: lutto vedovile - Quanto bisogna attendere prima di contrarre nuove nozze: divieti ed eccezioni

Anche alla luce della riforma da poco introdotta del "divorzio breve", sempre più persone hanno manifestato la volontà di volersi risposare, a volte il più celermente possibile. 

 

L’art. 89 c.c., tuttavia, in proposito statuisce che: "non può contrarre matrimonio la donna se non dopo trecento giorni dallo scioglimento, dall’annullamento o dalla cessazione degli effetti civili del precedente matrimonio. Sono esclusi dal divieto i casi in cui lo scioglimento o la cessazione degli effetti civili del precedente matrimonio siano stati pronunciati in base all’art.3, numero 2, lettere b ed f, della legge 1 dicembre 1970, n.898 e nei casi in cui il matrimonio sia stato dichiarato nullo per impotenza, anche soltanto a generare, di uno dei coniugi. (Omissis ..)"  

 

Da un’attenta lettura dell’articolo citato si evince come il "lutto vedovile" sia un impedimento temporaneo alle nozze che riguarda (solo) le donne decise a risposarsi. Ma perché tale scelta del legislatore? La risposta è semplice: evitare incertezze sulla paternità di eventuali figli

 

Per tali ragioni, la donna non potrà contrarre nuovo matrimonio se non decorsi 300 giorni dall’annullamento, dallo scioglimento o cessazione degli effetti civili del precedente matrimonio, fatte salve le eccezioni previste dall’art. 89 c.c. Quali sono queste eccezioni? 

 

Il divieto si può escludere quando il divorzio sia stato pronunciato a seguito di separazione giudiziale o consensuale e vi sia stata quindi, ininterrottamente, una separazione triennale tra i coniugi; in questo caso la donna potrà liberamente sposarsi, senza attendere i famosi 300 giorni, una volta pubblicata e passata in giudicato la sentenza di divorzio. 

 

Per la stessa ragione, non sussisterà alcun impedimento qualora il matrimonio sia stato dichiarato nullo per impotenza, anche solo di generare, di uno dei coniugi. 

 

Alla luce di quanto sopra, risulta palese che il divieto di nuove nozze opererà solo in casi residuali, allorquando il divorzio non sia stato pronunciato a seguito di separazione (per esempio, quando l’ex coniuge sia stato condannato a pende detentive, ergastolo, o sia colpevole di delitti particolarmente efferati). 

 

Quanto detto rimane valido anche alla luce della recente riforma sul divorzio breve che, come noto, ha ridotto a soli mesi 6 (per la separazione consensuale) il tempo necessario per poter accedere al divorzio.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Diritto di famiglia

Avv. Paolo Gaspare Cucinella - Busto Garolfo (MI)

Avv. Paolo Gaspare Cucinella

Avvocati / Civile

Corso Milano 8

20020 - Busto Garolfo (MI)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Volo cancellato: risarcimento del danno

Quale risarcimento in caso di cancellazione del volo

Continua

La provvigione nella mediazione immobiliare

Quanto e in quali casi matura il diritto alla provvigione del mediatore immobiliare

Continua

Validità dei contratti telefonici

A quali condizioni può essere vincolante un contratto concluso telefonicamente

Continua

Pagamento bollette: termine di prescrizione

In quanto tempo si prescrivono le bollette di luce, gas, internet telefono ecc.?

Continua

Veterinario negligente: risarcimento del danno morale

Quando è possibile richiedere il risarcimento del danno morale a seguito di una condotta negligente da parte del medico veterinario

Continua

Animale domestico: danno morale in caso di morte

Quando è possibile ottenere il risarcimento del danno morale a seguito della morte dell'animale domestico

Continua

Fondo di Garanzia Vittime della Strada

Normativa e applicabilità della disciplina vigente

Continua

Guida in stato di ebbrezza: normativa e sanzioni

Conseguenze penali e civili previste per la guida in stato di ebbrezza

Continua

Sinistro stradale con veicolo straniero

Procedimento per la gestione dei sinistri stradali su suolo italiano con veicoli stranieri

Continua

Assegno divorzile: intimazione stragiudiziale

Come reagire all'inadempimento dell'ex coniuge obbligato al versamento dell'assegno divorzile

Continua

Divorzio: pensione di reversibilità e T.F.R.

Il trattamento di fine rapporto e la pensione di reversibilità in favore dell'ex coniuge divorziato richiedono i medesimi presupposti

Continua