Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Processo arbitrale scelta vincente

L'arbitrato è una procedura che consente di risolvere i contenziosi in tempi brevi avanti l'Arbitro, che applica con competenza e terziarietà la Legge

Processo arbitrale scelta vincente - L'arbitrato è una procedura che consente di risolvere i contenziosi in tempi brevi avanti l'Arbitro, che  applica con competenza e terziarietà la Legge

Sostengo che l’avvocatura debba intraprendere un percorso culturale idoneo a farla uscire dal pantano lamentoso dell’immobilismo concettuale secondo cui nulla funziona e comunque bisogna resistere a ciò che è nuovo quasi fosse apoditticamente sbagliato! Voglio uscire dal coro disfattista e attendista che non fa nulla per affrontare il cambiamento, innovare è sinonimo di evoluzione. Del resto grandi mutamenti sono avvenuti, grazie alla tecnologia informatica, a prescindere dalla nostra volontà e fare resistenza ci condanna alla marginalità anche economica: la dematerializzazione degli atti di causa è già una realtà. A giugno entrerà in vigore il processo telematico: tramite PEC l’avvocato invia alla cancelleria l’atto introduttivo della causa (Atto di citazione) con allegati tutti i documenti a sostegno della strategia difensiva. 

 

Si potrebbe dire che finalmente la giustizia togata si dota degli stessi strumenti della cd. “giustizia alternativa” che, attraverso la procedura arbitrale, digitalizzata e limitata nella durata, è  la risposta più congrua per risolvere in breve tempo controversie che insorgono nei rapporti commerciali e di fornitura tra le Aziende.  

Infatti, il Codice di Procedura Civile permette, in caso di controversia, che le parti si rivolgano al Tribunale Arbitrale qualora abbiano sottoscritto un “compromesso” o una “ clausola compromissoria” o una convenzione arbitrale. Ad esempio le parti, nel contratto che andranno a stipulare possono inserire la “clausola compromissoria” che permette, in caso di controversia, di farla decidere o da un Arbitro Unico o da un Collegio Arbitrale.  Nello stesso modo le Parti possono stabilire  con apposita “convenzione” che le controversie future, relative a uno o più rapporti non contrattuali, possano essere decise da Arbitri. Sussistendo tale clausola il giudizio non potrà che essere deciso da Arbitri.  

 

L’Arbitro Unico o i componenti del Collegio Arbitrale possono essere nominati dalle stesse parti o in caso di disaccordo dal Presidente del Tribunale oppure dal Presidente della Camera di Commercio del luogo dove è sorta la controversia. Qualora nella clausola compromissoria o nella convenzione le parti abbaino fatto riferimento ad un Organismo arbitrale, come ad esempio le Camere Arbitrali istituite presso le Camere di Commercio o le camere arbitrali istituite presso organismi privati (Unione Camere Civili ecc) l’arbitrato è definito “amministrato”.  

L’arbitrato “amministrato” è la procedura arbitrale dove l’Organismo Arbitrale ha adottato un “Regolamento” che deve essere rispettato dalle parti.  Nell’ipotesi che le parti abbiano richiesto la nomina di un Arbitro Unico, con procedura amministrata secondo il Regolamento adottato da un organismo arbitrale autonomo, quest’ultimo nomina l’arbitro scegliendolo tra i nominativi esistenti in un elenco di arbitri, solitamente ammessi per competenza, dignità, indipendenza e terzietà. L’Arbitro nominato deve dichiarare a sua volta che non ha alcun rapporto con le parti e nessun motivo di incompatibilità.  

 

Con l’accettazione dell’Arbitro o del Collegio Arbitrale, la procedura rituale ha inizio e le parti, rappresentate dai rispettivi avvocati, depositano gli atti in difesa dei reciproci assistiti. L’Arbitro unico o gli arbitri del Collegio possono essere sempre ricusati, cioè respinti, qualora sussistano fondati motivi, e sostituiti. L’Arbitro o il Collegio esaminano i documenti ed ascoltano i testi indicati dalle parti, concludendo questa fase denominata “istruttoria” in una o due udienze. Nel rispetto del “principio del contraddittorio” l’Arbitro ascolta le parti, concede termini per i depositi delle memorie (atti di parte) a ciascuna parte. Quando ritiene che la controversia sia diventata “matura” per la decisione chiede agli avvocati di fare un atto conclusivo dove vengono riassunte le difese e le domande di ciascuna parte. Successivamente l’Arbitro deposita il “Lodo”, equivalente ad una sentenza provvisoriamente esecutiva, che permette alla parte vincitrice di richiedere a quella soccombente il pagamento immediato del dovuto. In caso di inadempienze si possono ottenere le dovute garanzie a tutela del proprio credito, con iscrizione ipotecaria su immobili di proprietà, pignoramenti su beni mobili del debitore. La procedura arbitrale tutela i diritti delle parti in tempo assai ridotto e a costi equi, in proporzione al valore della controversia e al tempo occorso per arrivare al “lodo”. l’Arbitro deve giungere al lodo entro il termine stabilito dalle Parti e comunque, a seconda dei casi, dell’eventuale proroga concessa dalle stesse parti in relazione anche alle difficoltà del contenzioso radicatosi davanti all’Arbitro.  Un buon arbitro deposita il Lodo  non oltre i 18 mesi dalla sua accettazione. 

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

5 - Esame Riforma del processo civile Legge 162/2014

5) Recupero crediti - interessi al tasso di mora - Disincentivare il ricorso al processo civile da parte del Debitore

Continua

4 - Esame Riforma del processo civile Legge 162/2014

Tutela del Credito - Ricerca con modalità telematiche dei beni da pignorare - Innovazione nelle modalità di recupero dei crediti

Continua

3 - Esame Riforma Processo Civile Legge 162/2014

3) Convenzione di negoziazione assistita in tema di separazioni e divorzi

Continua

2 - Esame Riforma del processo civile Legge 162/2014

2) Convenzione di Negoziazione assistita

Continua

1 - Esame Riforma del processo civile Legge 162/2014

1) Traslatio Iudici

Continua

“Svolta” cambia l'amministrazione della Giustizia

La legge 162 del 10/11 2014 che ha convertito il D.L nr. 132/2014 - Esame dei 6 capisaldi della riforma del processo civile

Continua

Clausola compromissoria, una opportunità

Clausola compromissoria e compromesso arbitrale sono strumenti idonei per velocizzare il processo civile in caso di conflitti

Continua