Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Interposizione fittizia di manodopera: licenziamento

Nel caso di interposizione fittizia di manodopera ci si pone la domanda su quali siano i termini per impugnare un licenziamento

Interposizione fittizia di manodopera: licenziamento - Nel caso di interposizione fittizia di manodopera ci si pone la domanda su quali siano i termini per impugnare un licenziamento

INTERPOSIZIONE FITTIZIA DI MANODOPERA: QUALI I TERMINI PER IMPUGNARE? Con l’Interpello n.12 del 25 marzo 2014, Assotrasporti, chiedeva al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali chiarimenti in ordine all'“estensione” del termine decadenziale di 60 giorni per l’impugnabilità del licenziamento e del termine di 180 giorni per il deposito del ricorso, ad “ogni altro caso in cui si chieda la costituzione o l’accertamento di un rapporto di lavoro in capo ad un soggetto diverso dal titolare del contratto”. Il Ministero ha risposto che il riferimento  ad “ogni altro caso” presente nell’art. 32, comma 4 lett. d), della L. n. 183/2010)  include sia l’appalto illecito di manodopera, come disciplinato nella novella  dell’art 29, comma 3 bis D.Lgs. n. 276/2003, sia il distacco illegittimo (cfr. art. 30, comma 4 bis, HYPERLINK "http://media.directio.it/portal/norme/20030910_DLgs276_art30.pdf"D.Lgs.HYPERLINK "http://media.directio.it/portal/norme/20030910_DLgs276_art30.pdf" n. 276/2003), tenuto conto che, in entrambe le ipotesi, le conseguenze sanzionatorie rispondono alla medesima logica della somministrazione irregolare.  

 

La giurisprudenza di legittimità riferibile alla previgente disciplina (Cass. sent. n. 23684/2010), stabilisce come, in caso di interposizione nelle prestazioni di lavoro, l’eventuale licenziamento intimato dall’interposto nel rapporto di lavoro sia giuridicamente inesistente e non impedisca al lavoratore di far valere in ogni tempo, salva la prescrizione estintiva, il rapporto costituitosi ex lege con l’interponente. Tuttavia, ragiona il Ministero, l’art. 32, comma 4, Legge n. 183/2010, precisando alla lettera d) l’applicazione, nei predetti casi, del termine decadenziale, sembrerebbe contrapporsi alla sopracitata giurisprudenza richiedendo anche in tal caso la previa impugnativa stragiudiziale del licenziamento, a prescindere dal soggetto che lo abbia comunicato (sia esso l’interponente ovvero l’interposto). 

 

La soluzione che fornisce il Ministero, secondo chi vi scrive, parte dalla qualificazione giuridica del licenziamento intimato dall’interposto che, secondo i principi giurisprudenziali sopra richiamati, è inesistente ovvero tamquam non esset. Invero, per quanto concerne il dies a quo per la decorrenza del termine di 60 giorni per la relativa impugnazione, in caso di licenziamento scritto con contestuale comunicazione scritta dei motivi, il termine decorre dalla data di ricezione, da parte del lavoratore, della comunicazione medesima, mentre il licenziamento verbale o di fatto o senza comunicazione dei motivi, è inefficace (art. 2, comma 3, Legge n. 604/1966), per cui, nel caso di specie, non si ritiene applicabile il termine di decadenza di 60 giorni che postula l’esistenza di un licenziamento scritto e non di un licenziamento giuridicamente inesistente. In tal caso, il lavoratore può agire per far dichiarare tale inefficacia, contestualmente all’azione per la costituzione o l’accertamento del rapporto di lavoro con il fruitore materiale delle prestazioni, senza l’onere della previa impugnativa stragiudiziale del licenziamento stesso, entro il termine prescrizionale di 5 anni. 

 

Si ricorda qui che, con il termine “interposizione” si suole indicare l’attività di “mera fornitura di manodopera”: in altre parole viene indicato quel fenomeno per il quale un imprenditore utilizza lavoratori reclutati da un altro soggetto che ne è formalmente il datore di lavoro e dal quale ricevono dunque il compenso (pensiamo, ad esempio, ai casi dell’outsourcing nei call center). La peculiarità della fattispecie è da ricercarsi nella separazione tra datore di lavoro e utilizzatore della prestazione o, in un’altra prospettiva, nella distinzione tra datore di lavoro formale e datore di lavoro sostanziale.  

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta
1 Commento

Salvatore Bensaia

13/10/2014 11:36

l'interposizione fittizia di manodopera,viene riconosciuta anche quando il trasgressore è una società s.p.a partecipata di un Comune, dove l'unico azionista è lo stesso comune.

Rispondi

In risposta al commento di Salvatore Bensaia

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta
Annulla

L'autore è esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Il percorso casa-cliente è orario di lavoro

Corte di Giustizia Europea: il tragitto da casa al primo cliente e viceversa costituisce orario di lavoro

Continua

Nuova ASPI

Nuova ASPI: Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l'Impiego (NASpI). Il requisito lavorativo, durata, misura, etc per accedere alla fruizione

Continua

Responsabilità civile dei magistrati

Responsabilità civile dei magistrati: il Tribunale di Verona solleva vari profili di incostituzionalità

Continua

Mobbing e risarcimento

Mobbing e risarcimento: presupposti, danno patrimoniale e non patrimoniale; danno professionale.

Continua

Diritti indisponibili

I diritti indisponibili non sono modificabili attraverso un accordo sindacale di prossimità

Continua

Requisiti d’individuazione lavoratore notturnista

Requisiti utili all’individuazione del lavoratore notturno; definizione del lavoratore notturno, interpretazione del Ccnl telecomunicazioni

Continua

Jobs Act: art. 10 e licenziamenti collettivi

Le novità introdotte rischiano di diventare uno strumento espulsivo nelle mani dell`arbitrio del datore di lavoro

Continua

Lavoratori bancari a rischio

Attenzione alle esternalizzazioni e alle deroghe al CCNL del Credito

Continua

Cessione di ramo di azienda nel settore bancario

Cessione di ramo di azienda nel settore bancario: la Cassazione da ragione ai lavoratori

Continua

Concetto giuridico di articolazione d'azienda

Sul concetto giuridico di articolazione di azienda – art. 2112 comma 5: divieto di cessione di singole attività/uffici

Continua

Contratti a termine

Contratti a termine illegittimi e reintegra: spetta al lavoratore l'anzianità di servizio per l'intero periodo lavorato. Sentenza n. 262 del 12/1/15

Continua

Diritto all'Oblio

Diritto degli utenti internet alla cancellazione delle ricerche effettuate tramite i motori di ricerca

Continua

Cessione di ramo d`azienda: preesistenza del ramo

Una recente sentenza del Tribunale di Napoli applicando i principi di preesistenza invalida una cessione di IT OPERATION

Continua

Decreti attuativi del Jobs Act e art. 18

Nella recente formulazione dei Decreti attuativi del Jobs Act e dell`art. 18 si palesano profili di incostituzionalità e ingiustizia sociale

Continua

Aliunde perceptum dei trattamenti previdenziali

Licenziamento illegittimo: le somme percepite a titolo di indennità previdenziale, non sono da detrarre al danno per le retribuzioni non percepite

Continua

Il nuovo Job Act: quale riforma?

Dopo lo svuotamento dell’articolo 18, la nuova proposta della Job Act, che solo in parte risulta innovativa rispetto alla vigente legislazione

Continua

Demansionamento e Quantificazione del danno

L'assegnazione a funzioni di pari livello non significa non demansionare perché occorre salvaguardare il patrimonio professionale del dipendente

Continua

Interposizione di manodopera

Per la Cassazione è vietata quando al committente è messa a disposizione una prestazione meramente lavorativa

Continua

Job Act

Analisi e conseguenze del D.L. 34 del 20 marzo 2014 sui contratti a tempo determinato e a tempo indeterminato

Continua

Assorbimento del superminimo

Non è praticabile per il tribunale di Napoli la riduzione della retribuzione attraverso l'assorbimento del superminimo

Continua

Cessioni ramo d’azienda art 2112

Influenza nella giurisprudenza Italiana della sentenza della Corte di Giustizia Europea in tema di cessione di ramo d’azienda (6.3.14 causa C 458/12)

Continua