Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza psicologica

Cuore contro Cuore. Se l'Aritmia dice NO (parte I)

In un caso clinico l'esemplificazione del significato psicosomatico di una classica sintomatologia definita di competenza esclusivamente medica

Cuore contro Cuore. Se l'Aritmia dice NO (parte I) - In un caso clinico l'esemplificazione del significato psicosomatico di una classica sintomatologia definita di competenza esclusivamente medica

Monica ha 17anni e da qualche tempo <<soffre di cuore, ha le palpitazioni>>, come mi racconta la madre che l’accompagna al primo appuntamento, oltre a essere <<sempre triste, stanca... e poi le è preso quest’odio verso i professori, e il suo rendimento scolastico è notevolmente peggiorato>>. Il cardiologo che l’ha visitata ha diagnosticato un’aritmia sinusale (un’alterazione che consiste in una quasi costante variazione del ritmo cardiaco che aumenta durante l'inspirazione e diminuisce con l'espirazione) di una certa importanza visto che il disturbo non tende a regredire, nonostante la terapia farmacologica intrapresa, il medico decide di consigliare un trattamento psicosomatico.
Secondo il cardiologo, infatti, Monica è <<troppo chiusa, ha soprattutto bisogno di aprirsi>> e parlare con uno psicosomatista la potrebbe aiutare a uscire dall’isolamento in cui si trova. Durante il primo colloquio, la madre, rimane per un certo periodo nello studio assieme alla ragazza, ed è proprio la donna a spiegare, con un tono molto tranquillo e razionale, i disturbi di Monica, sottolineando, ad esempio, come gran parte dei problemi siano iniziati dopo la morte del padre, avvenuta due anni prima per un infarto cardiaco. Dal racconto sembra però emergere che questo lutto ha messo in crisi un po' tutto il nucleo familiare: l’assenza dell’uomo, bonario e pronto a minimizzare qualsiasi difficoltà facendosene carico in prima persona, ha portato allo scoperto tensioni che la sua presenza riusciva a contenere. Mentre la madre parla, Monica resta silenziosa, immobile, chiusa in se stessa (come testimonia anche la postura molto raccolta) e nel suo dolore; si apre un po' solo quando comincia a piangere, se il discorso tocca temi per lei particolarmente dolorosi. Il contrasto tra la figura della madre e quella della figlia appare netto: da un lato la donna si affida esclusivamente a un linguaggio verbale, in modo molto razionale; dall’altro Monica utilizza un linguaggio corporeo (l'atteggiamento di chiusura) ed emotivo (il pianto); la sensazione è che si tratti di un contrasto più generale, che non si limita a questi aspetti. E nelle sedute successive, quando la madre non è più presente, la difficolta di rapporto si fa più evidente: ad esempio, la madre ha sempre preteso da Monica un impegno molto elevato per quanto riguarda «il tuo lavoro», cioè lo studio, come la donna lo definisce normalmente, tanto che la giovane ha sempre sentito come suo preciso dovere quello di preparare ogni giorno ciascuna materia prevista dall'orario delle lezioni come se l’attendesse un esame. Ora però non riesce più a mantenere questo ritmo e anche la frequenza scolastica si è fatta "aritmica", per le numerose assenze dell'ultimo periodo. 


E’ la madre a dettare il ritmo 

Queste prime impressioni portano a ipotizzare che vi sia una analogia tra il rapporto madre-figlia e l'aritmia sinusale di cui soffre Monica: la caratteristica di questa alterazione è la tendenza del nodo seno-atriale (cioè il gruppo di cellule del cuore deputate a far nascere lo stimolo alla contrazione del tessuto muscolare cardiaco) a modificare il proprio ritmo sotto l’influenza di esigenze ”esterne" (come quelle respiratorie), ponendo in secondo piano quelle ”interne", proprie del cuore. Proprio come il nodo seno-atriale si fa "influenzare" finendo così per alterare il naturale ritmo del cuore, così la madre di Monica non ”rispetta" le naturali tendenze della figlia, ma cerca di impostare un ritmo che la ragazza fatica a seguire.
Lo studio ne è un esempio (come abbiamo appena visto, Monica si sforza di seguire le richieste della madre); un altro è il momento della morte del padre: la donna reagisce dichiarando che «l’importante - dice - è rialzarsi in fretta», costringendo Monica a seguire lo stesso atteggiamento, senza lasciarle vivere il dolore provato. In altre parole la madre agisce su Monica proprio come il nodo seno-atriale nei confronti del resto del cuore: entrambi battono un ritmo non consono alle esigenze di Monica e del suo cuore. 

 

L'intervento dello Psicoterapeuta e la svolta 

Si trattava quindi di far accettare a Monica un ritmo <<costante>> in cui a momenti di attività (analogamente simili al movimento cardiaco <<sistolico>>), seguissero momenti <<diastolici>> di rilassamento, analogamente simili  al movimento del sangue che riempie il cuore in fase di riposo. Per portare Monica a contattare questo ritmo costante, regolare il terapeuta decide di alternare  una seduta legata principalmente al colloquio ad una dedicata esclusivamente all’apprendimento ed all’esecuzione in studio di una tecnica di rilassamento. Il risultato più interessante è consistito, ad un certo punto, nella richiesta di Monica di alternare le sedute, venendo in studio ogni due settimane, secondo il proprio ritmo. (segue)

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Consulenza psicologica

Studio Arche Dott. Mario Bianchini E Dott.ssa Rosanna Vigliarolo - San Benedetto del Tronto (AP)

Studio Arche Dott. Mario Bianchini E Dott.ssa Rosanna Vigliarolo

Psicologi e Psichiatri / Psicologi

Via Augusto Murri, 26

63074 - San Benedetto del Tronto (AP)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

L'Ira funesta...il tallone d'Achille dell'Iperteso

Come per il figlio di Peleo e Teti, l'ipercontrollo denota una profonda diffidenza per la passività e porta a proverbiali ire ed arrabbiature

Continua

Psoriasi; il vulcano dormiente

Una delle più complesse malattie della pelle rivela, in profondità, fenditure e spaccature dell'identità. E sotto la cenere cova un incendio

Continua

Cardiopatie: l'identikit del malato di cuore

L'identikit di alcune delle più comuni malattie cardiologiche. L'Aritmia, la Tachicardia, l'Infarto. La Personalità del Cardiopatico, chi è e cosa fa

Continua

Cuore contro Cuore. Se l'Aritmia dice NO (parte II)

In un caso clinico l'esemplificazione del significato psicosomatico di una classica sintomatologia definita di competenza esclusivamente medica

Continua

Psicosomatica, oggi (II parte)

Come posso decifrare il senso della malattia, il suo significato? Vediamo come possiamo cominciare ad orientarci nei meandri della Psicosomatica

Continua

Psicosomatica, oggi (I parte)

Come posso decifrare il senso della malattia, il suo significato? Vediamo come possiamo cominciare ad orientarci nei meandri della Psicosomatica

Continua

Il Talento; il volto che tengo nascosto

Più che ciò che mi guida al successo, il Talento è una scintilla che mi rende unico, irripetibile. Ma la normalità uccide sempre il nostro "genio".

Continua

Essere o non essere?…Meglio ridere (seconda parte)

Ovvero, quando non prendersi troppo sul serio è una cosa serissima. Alcune cose che non sai sul potere della risata.

Continua

Essere o non essere?…Meglio ridere (prima parte)

Ovvero, quando non prendersi troppo sul serio è una cosa serissima. Alcune cose che non sai sul potere della risata.

Continua

Alessitimia, il tempo degli analfabeti emotivi

Salute e Benessere non passano solo per l'utilizzo di farmaci e vaccini. Lo stress fa ammalare fino a che non troviamo le parole per esprimerlo

Continua

Pensa magro. Dimagrire senza dieta è possibile

Non ingrassiamo solo perché mangiamo troppo. Spesso è un problema di stress e di metabolismo lento. Dobbiamo modificare la gestione dello stress

Continua

Il Dente Avvelenato. Carie e Psicosomatica (pt. V)

La Psicosomatica del processo carioso. Aspetti simbolici di una delle più comuni malattie a carico dell'apparato dentale. Un caso clinico esemplare

Continua

Il Dente Avvelenato. Carie e Psicosomatica (pt. IV)

La Psicosomatica del processo carioso. Aspetti simbolici di una delle più comuni malattie a carico dell'apparato dentale. Un caso clinico esemplare

Continua

Il Dente Avvelenato. Carie e Psicosomatica (pt. III)

La Psicosomatica del processo carioso. Aspetti simbolici di una delle più comuni malattie a carico dell'apparato dentale. Un caso clinico esemplare

Continua

Il Dente Avvelenato. Carie e Psicosomatica (pt. II)

La Psicosomatica del processo carioso. Aspetti simbolici di una delle più comuni malattie a carico dell'apparato dentale. Un caso clinico esemplare

Continua

Il Dente Avvelenato. Carie e Psicosomatica (pt. I)

La Psicosomatica del processo carioso. Aspetti simbolici di una delle più comuni malattie a carico dell'apparato dentale. Un caso clinico esemplare

Continua

Olismo: il nuovo alfabeto della Salute (parte VI)

Il Mondo delle Tecniche Naturali, della Naturopatia con il loro linguaggio seduttivo e alternativo fino a che punto è veramente qualcosa di nuovo?

Continua

Olismo: il nuovo alfabeto della Salute (parte V)

Il Mondo delle Tecniche Naturali, della Naturopatia con il loro linguaggio seduttivo e alternativo fino a che punto è veramente qualcosa di nuovo?

Continua

Olismo: il nuovo alfabeto della Salute (parte IV)

Il Mondo delle Tecniche Naturali, della Naturopatia con il loro linguaggio seduttivo e alternativo fino a che punto è veramente qualcosa di nuovo?

Continua

Olismo: il nuovo alfabeto della Salute (parte III)

Il Mondo delle Tecniche Naturali, della Naturopatia con il loro linguaggio seduttivo e alternativo fino a che punto è veramente qualcosa di nuovo?

Continua

Olismo: il nuovo alfabeto della Salute (parte II)

Il Mondo delle Tecniche Naturali, della Naturopatia con il loro linguaggio seduttivo e alternativo fino a che punto è veramente qualcosa di nuovo?

Continua

Olismo: il nuovo alfabeto della Salute (parte I)

Il Mondo delle Tecniche Naturali, della Naturopatia con il loro linguaggio seduttivo e alternativo fino a che punto è veramente qualcosa di nuovo?

Continua

L'immaginario: il benessere a occhi chiusi

Spesso i disturbi psicosomatici si comprendono solo se accettiamo di contattare profonde immagini che orientano il nostro comportamento

Continua

Dieta e Psiche. Dimagrire è una questione di testa

Quanto conta l'atteggiamento mentale nel dimagrimento o nel sovrappeso? E' sufficiente attenersi a rigide diete ipocaloriche, alla moda, vegane...?

Continua

Il genio dell`obesità

Rischi e opportunità del mettersi a dieta. Come evitare i tragici "effetti YO-YO"?

Continua