Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto del lavoro

Responsabilità per infiltrazioni dal lastrico solare

Il danno da infiltrazioni provenienti dal lastrico solare di proprietà o uso esclusivo va ripartita ex art. 2051 c.c.

Responsabilità per infiltrazioni dal lastrico solare - Il danno da infiltrazioni provenienti dal lastrico solare di proprietà o uso esclusivo va ripartita ex art. 2051 c.c.

Il danno da infiltrazioni provenienti dal lastrico solare condominiale è stato, nuovamente, oggetto di una pronuncia a Sezioni Unite da parte della Corte di Cassazione che, con sentenza n. 9444/16 hanno chiarito che “…In tema di condominio negli edifici, qualora l'uso del lastrico solare (o della terrazza a livello) non sia comune a tutti i condomini, dei danni da infiltrazioni nell'appartamento sottostante rispondono sia il proprietario, o l'usuario esclusivo, quale custode del bene ai sensi dell'art. 2051 c.c., sia il condominio in forza degli obblighi inerenti l'adozione dei controlli necessari alla conservazione delle parti comuni incombenti sull'amministratore ex art. 1130, comma 1, n. 4, c.c., nonché sull'assemblea dei condomini ex art. 1135, comma 1, n.4, c.c., tenuta a provvedere alle opere di manutenzione straordinaria; il concorso di tali responsabilità va di norma risolto, salva la rigorosa prova contraria della specifica imputabilità soggettiva del danno, secondo i criteri di cui all'art. 1126 c.c., che pone le spese di riparazione o di ricostruzione per un terzo a carico del proprietario o dell'usuario esclusivo del lastrico (o della terrazza) e per i restanti due terzi a carico del condominio” 

La decisione degli ermellini risolve, si spera in maniera definitiva, un importante contrasto in materia introducendo, a parere di chi scrive la conseguenza di rendere impossibile il ricorso a una responsabilità solidale del condominio e del proprietario esclusivo che risponderebbero invece autonomamente nelle quote riconosciute dall'articolo 1126 codice civile. 

Pertanto, la predetta quota di un terzo, va attribuita interamente al condomino utilizzatore esclusivo o proprietario esclusivo del lastrico solare. 

La quota dei due terzi, poi, va ripartita tra i condomini che usufruiscono della funzione di copertura del lastrico, come innanzi accennato cosiddetti condomini coperti dal lastrico solare con l’eccezione che non vi rientrano colore che, invece, non utilizzino tale copertura per destinazione del fabbricato. 

Di tutta evidenza è che la responsabilità per infiltrazioni provenienti dal lastrico solare si scinde in due sottotipi: 

a)       responsabilità ex art. 2051 c.c., per la quota di 1/3, del proprietario o usuario esclusivo (con ulteriore ripartizione in quote della stessa con gli usuari o proprietari esclusivi); 

b)       responsabilità ex art. 2051 c.c. del condominio per i restanti 2/3. 

 

Ricondotta tale responsabilità nell’alveo del 2051 c.c. risulta evidente che il terzo (quindi in questo caso anche il condòmino) che agisca per il risarcimento dei danni da infiltrazione del lastrico solare potrà agire ex art. 2055 c.c. non pro quota contro tutti i condòmini ma, come accade per i danni di natura extra contrattuale per l'intero importo contro uno qualunque dei condòmini quali coobbligati in solido fermo restando il criterio di ripartizione delle quote e delle responsabilità ex art. 1126 c.c.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Diritto del lavoro

Avv. Zinzi Paolo - Isola del Liri (FR)

Avv. Zinzi Paolo

Avvocati / Civile

Via Napoli 59

03036 - Isola del Liri (FR)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Ricostruzione di carriera docenti e Ata

I docenti e gli Ata hanno diritto al riconoscimento dell'intero servizio pre-ruolo espletato in scuole statali e paritarie

Continua

Ricostruzione di carriera e temporizzazione

I docenti che transitano dal ruolo delle scuola primaria a quello della secondaria hanno diritto all'intero riconoscimento della carriera pregressa

Continua

Assegnazione temporanea anche per i docenti scuola

L'assegnazione temporanea consente ai lavoratori con figli di età inferiore a tre anni, l'assegnazione su scuole vicine alla propria abitazione

Continua

Nuova modalità domanda ricostruzione carriera

Con nota n. 0017030 del 01/09/2017 il MIUR ha reso note le nuove modalità di gestione delle domande di ricostruzione di carriera

Continua

Concorso pubblico, ripetizione del test della massa grassa

TAR Lazio: annullamento della comunicazione di inidoneità del test bioimpedenziometrico. Ricorrente riammesso al concorso!!

Continua

Risarcimento danni precari scuola

Sei un docente precario con più di tre anni di servizio? Puoi richiedere un risarcimento danni da 2,5 a 12 mensilità

Continua

Riconoscimento intero servizio pre-ruolo precari

I docenti scuola hanno diritto al riconoscimento dell'intero servizio pre-ruolo prestato in scuole statali precedentemente all'immissione in ruolo

Continua

Ripetizione del test fisico nel concorso pubblico

Il TAR Lazio, con ordinanza cautelare n. 2385/2017, ha disposto la ripetizione degli esami fisici effettuati in sede concorsuale

Continua

Ricorsi dirigenti Scolastici per la R.I.A.

I tribunali di merito hanno chiarito che la condotta del Miur di non riconoscere la R.I.A. ai nuovi dirigenti scolastici è discriminatoria.

Continua

Diplomati al conservatorio, abilitati in II fascia

Recenti sentenze hanno statuito l'illegittimità dell'operato del Ministero di non considerare abilitanti i titoli del vecchio ordinamento Afam.

Continua

La lettera non interrompe l'usucapione

La Cassazione ha ribadito che la semplice lettera di diffida non è utile ad interrompere l'usucapione

Continua

Trasferimenti docenti scuola 2016 algoritmo

L'algoritmo utilizzato dal Ministero dell'Istruzione per la mobilità 2016 è sbagliato. La conferma arriva anche dal Tribunale di Rimini

Continua

Amministratore di sostegno e tutela della persona

Il rapporto tra la nomina giudiziale dell'amministratore di sostegno e la tutela della persona: lettura costituzionalmente orientata delle norme.

Continua

Trasferibilità crediti ai soci società cancellata

Legittimazione attiva dei soci di una società cancellata dal registro delle imprese e trasferibilità dei crediti in capo agli stessi

Continua

Trattenuta illegittima del 2,50% ai dipendenti pubblici

Il Tribunale di Milano conferma che la trattenuta del 2,50% operata dalla P.A. nei confronti dei dipendenti pubblici è illegittima e va restituita

Continua

Diritto di parcheggio in un edificio condominiale abusivo

Il condomino non ha diritto di parcheggio se lĺunità abitativa di sua proprità è abusiva

Continua

Tutela della famiglia e del fondo patrimoniale

Il fondo patrimoniale è un mezzo di conservazione del patrimonio e consente di "vincolare" determinati beni ai soli bisogni della famiglia

Continua

Testamento pubblico, olografo e conservazione

Il testamento olografo ha lo stesso valore di quello redatto davanti al Notaio. Puoi farti consigliare da un legale per redigere il tuo testamento

Continua

Fumo passivo su pianerottoli e scale dei condomini

Non è possibile fumare negli spazi comuni non all'aperto

Continua