Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Voucher: stretta sulle comunicazioni

Comunicazioni più rigide e sanzioni amministrative in caso di violazioni

Voucher: stretta sulle comunicazioni - Comunicazioni più rigide e sanzioni amministrative in caso di violazioni

Il Decreto Legislativo n. 185 del 24 settembre 2016 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 235 del 7 ottobre 2016) ed entrato in vigore l’8 ottobre 2016 ha compiuto un’ulteriore stretta sulla disciplina che regola le comunicazioni obbligatorie dovute dai committenti delle prestazioni di lavoro accessorio (voucher). 

  

La disciplina in questione era già stata modificata in passato dal D.Lgs n. 81/2015. Adesso, con il D.Lgs. n. 185 del 24 settembre 2016 sono state previste ulteriori novità: comunicazioni più rigide e sanzioni amministrative in caso di violazioni e mancate comunicazioni. 

  

Prima di vagliare le novità è indispensabile fare una premessa: il nuovo obbligo comunicativo alle sedi territoriali dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro non sostituisce la comunicazione di inizio attività all’INPS, ma si affianca alla stessa. Dunque, occorrerà effettuare due comunicazioni: una all’INPS e l’altra all’Ispettorato Nazionale del Lavoro. 

  

Ma cos’è cambiato allora? 

Innanzitutto va detto che la nuova disciplina dei voucher, ai sensi del novato articolo 49, comma 3 del D.Lgs n. 81/2015, è rivolta agli imprenditori non agricoli, agli imprenditori agricoli ed ai professionisti. 

  

Le modifiche principali riguardano i termini di invio, le modalità di invio, il contenuto della comunicazione all’Ispettorato Nazionale del Lavoro e l’introduzione delle sanzioni amministrative

  

Termini di invio: a differenza di quanto era previsto nella disciplina precedente (che indicava genericamente prima dell’inizio della prestazione”), adesso il committente deve effettuare la comunicazione preventiva almeno 60 minuti prima dell’inizio della prestazione lavorativa. 

  

Modalità di invio: sono indicati quali strumenti per l’effettuazione della comunicazione solamente gli SMS (servizio non ancora pienamente operativo) e la posta elettronica (anche non certificata).  

L’indirizzo di posta elettronica dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro della provincia di Milano è Voucher.milano-lodi@ispettorato.gov.it. Per le altre province è possibile consultare l’elenco nella pagina web https://www.cliclavoro.gov.it/Normative/Circolare_INL_17_ottobre_2016_n.1.pdf. 

  

Sanzioni amministrative: sono previste multe da 400 a 2.400 euro per ogni lavoratore per il quale è stata omessa la comunicazione. Inoltre, è prevista una "maxi-sanzione per lavoro nero" nel caso in cui si ometta di provvedere alla comunicazione all'Inps attraverso la procedura online che non è variata con l’introduzione del D.Lgs n. 185/2016.   

  

Contenuto della comunicazione preventiva: deve contenere il codice fiscale e la ragione sociale del committente (azienda), i dati anagrafici o il codice fiscale del lavoratore, il luogo di svolgimento della prestazione e il giorno e l'ora esatti di inizio e di fine della prestazione. Non è necessaria una particolare forma di comunicazione, l’importante è che la stessa contenga tutte le informazioni richieste. Inoltre, non è chiaro se si possa effettuare un’unica comunicazione relativa a più dipendenti. In mancanza di modalità chiare è preferibile inviare una comunicazione per ciascun lavoratore. 

Quella sul contenuto è forse la novità più rilevante dato che prima dell’entrata in vigore del D.Lgs n. 185/2016, la comunicazione poteva essere inviata nel corso di un arco temporale massimo di 30 giorni. 

  

Resta invariato, invece, il destinatario della comunicazione, che rimane essere, si è visto, la sede territorialmente competente dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro. 

  

Data l’attualità della nuova disciplina, le nuove modalità non sono ancora pienamente operative e potrebbero generare errori. 

 

Il nostro studio si offre di assistervi e di consigliarvi sulle procedure da seguire in merito.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Rimborsi Spese a LUL

Obbligo di inserimento a LUL dei rimborsi spese

Continua

Auto aziendale: comunicazione dell'utilizzatore

Obbligo di comunicazione alla motorizzazione civile dell'utilizzatore dell'auto aziendale

Continua

Rientro anticipato dalla malattia

Rientro anticipato dalla malattia solo con apposito certificato

Continua

Incentivi alle assunzioni di disoccupati

Incentivi alle assunzioni di disoccupati effettuate nel 2012: al via le domande telematiche

Continua

Rinnovo CCNL Turismo

Sottoscritto il rinnovo del CCNL applicabile ai lavoratori del settore Turismo - Principali Novità

Continua