Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto di famiglia

Ritardo nel pagamento dell'assegno di mantenimento

Non può ordinarsi al datore di lavoro dell'onerato di provvedere al pagamento diretto per il semplice ritardo in forza del principio di tolleranza

Ritardo nel pagamento dell'assegno di mantenimento - Non può ordinarsi al datore di lavoro dell'onerato di provvedere al pagamento diretto per il semplice ritardo in forza del principio di tolleranza

Come noto, il legislatore contempla all'art. 156 comma 6 c.c. la possibilità per l'avente diritto all'assegno di mantenimento per sè e per i figli di ottenere il pagamento diretto dell'assegno direttamente da colui che è tenuto nei confronti dell'onerato alla periodica corresponsione di somme di denaro (come il datore di lavoro, l'INPS, INAIL, l'inquilino etc..) 

La fattispecie di inadempienza nel pagamento legittima la richiesta del provvedimento ex art. 156 co. 6 c.c., strumento attivabile dall'avente diritto su apposita istanza al Giudice competente con procedimento ex art. 737 c.p.c. (nel corso del procedimento di separazione al Giudice Istruttore,  o al Presidente ove fosse già stato stabilito un assegno in via provvisoria cui il coniuge onerato fosse rimasto inadempiente; al Collegio con ricorso ove il procedimento si fosse concluso) chiedendo l'emissione di un ordine di pagamento diretto al terzo datore di lavoro. 

L'ordine di pagamento deve riguardare l'intero importo del contributo di mantenimento ordinario. 

Secondo la Giurisprudenza "la corresponsione diretta, così come il sequestro, non prevedono un generico pericolo nel ritardo, ma un preciso inadempimento dell'obbligato" (tra le altre Cass. n. 11062 del 2011), sulla base di tale orientamento la decisione del Tribunale di Milano dell'11 febbraio 2014 di respingere la domanda della moglie separata che lamentava l'inesatto inadempimento del marito inteso come sovente ritardo al pagamento dell'assegno di mantenimento per sè e per i figli.  

Il Tribunale infatti motiva la decisione assunta rilevando che "è comune alla materia delle obbligazioni alimentari il principio di reciproca tolleranza nei rapporti obbligatori tra creditori e debitori, che, quanto al caso di specie, impone al creditore di sopportare quel minimo ritardo che - tenuto conto del titolo e dei rapporti - non incide in misura rilevante e/o apprezzabile sulla situazione giuridica soggettiva oggetto del vincolo giuridico". 

Insomma secondo la giurisprudenza in assenza di allegazioni circa il pregiudizio che il minimo ritardo nel pagamento dell'assegno di mantenimento arrecherebbe agli aventi diritto, non può ritenersi che ciò possa giustificare l'attivazione del rimedio del pagamento diretto al datore di lavoro ex art. 156 co. 6 c.c., anche tenuto conto, dei rapporti tra le parti, dell'esiguità dei ritardi e della reciproca tolleranza cui deve uniformarsi tale statuizione. 

Ad ogni buon conto con il provvedimento in commento il giudicante, pur rigettando la richiesta ex art. 156 co 6 c.c., invita il coniuge onerato alla puntualità nei pagamenti futuri. 

Avv. Lavinia Misuraca  

Foro di Modena 

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Diritto di famiglia

Avv.   Lavinia   Misuraca - Modena (MO)

Avv. Lavinia Misuraca

Avvocati / Civile

Via Cattaneo 54

41126 - Modena (MO)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Mediazione familiare e soluzione al conflitto

La mediazione familiare va considerata in stretta relazione con il processo di famiglia in quanto strumento che consente di prevenire la controversia

Continua

Abbandono della casa coniugale e addebito

L'abbandono della casa coniugale è causa sufficiente di addebito della separazione, salvo che si provi che è stato determinato dall'altro coniuge

Continua

Prove illecitamente acquisite e privacy

Limiti di utilizzabilità delle prove raccolte illecitamente al fine di espletare il proprio diritto di difesa e bilanciamento con la privacy

Continua

Figli minori e diritto di visita e mantenimento

Riassunto delle questione da trattare in presenza di figli minori anche alla luce di recenti orientamenti giurisprudenziali

Continua

Assegno divorzile e convivenza stabile

Viene meno l'assegno divorzile a carico dell'ex coniuge di fronte alla instaurazione da parte del coniuge beneficiario di una stabile convivenza

Continua

Visita al minore in presenza della convivente

Al genitore non collocatario è permesso frequentare il figlio minore anche in presenza della nuova compagna

Continua

Casa familiare e figli maggiorenni

Il giudice non può statuire sull'assegnazione della casa familiare in mancanza di figli minorenni o in presenza di figli economicamente indipendenti

Continua