Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto di famiglia

Prove illecitamente acquisite e privacy

Limiti di utilizzabilità delle prove raccolte illecitamente al fine di espletare il proprio diritto di difesa e bilanciamento con la privacy

Prove illecitamente acquisite e privacy - Limiti di utilizzabilità delle prove raccolte illecitamente al fine di espletare il proprio diritto di difesa e bilanciamento con la privacy

Nel processo civile non vi è alcuna specifica disciplina tesa ad escludere la possibilità di utilizzare prove ottenute interferendo illecitamente nella sfera privata altrui, al contrario nel codice di procedura penale invece vi sono norme che prevedono esplicitamente il divieto di utilizzare prove illegittimamente acquisite. Oggi più che mai si pone il problema di individuare limiti e condizioni alla raccolta di informazioni personali e dell'utilizzo delle stesse per finalità di giustizia, soprattutto nei giudizi di separazione tra coniugi, in cui i messaggi telefonici, di posta elettronica, e le informazioni pubblicate sui social network quali facebook diventano strumenti di prova per ottenere l'addebitabilità al coniuge della rottura del matrimonio. 

Di recente il Tribunale di  S.M. Capua Vetere, con provvedimento del 13 giugno 2013 ha ammesso le risultanze documentali tratte da fotografie e da altre informazioni pubblicate nel Social Network “Facebook” come prove documentali nei giudizi di separazione. Nel provvedimento si evidenzia che "a differenza delle informazioni contenute nei messaggi scambiati utilizzando il servizio di messaggistica (o di chat) fornito dal social network, che vanno assimilate a forme di corrispondenza privata, e come tali devono ricevere la massima tutela sotto il profilo della loro divulgazione, quelle pubblicate sul proprio profilo personale, proprio in quanto già dì per sé destinate ad essere conosciute da soggetti terzi, sebbene rientranti nell’ambito della cerchia delle c.d. “amicizie” del social network, non possono ritenersi assistite da tale protezione, dovendo, al contrario, essere considerate alla stregua di informazioni conoscibili da terzi”. 

Emblematica è l'ordinanza istruttoria del Tribunale di Torino 8 maggio 2013, ove il gioudice ha ammesso la produzione in giudizio di messaggi telefonici e di posta elettronica acquisiti in violazione di norme di legge, sulla base del contemperamento tra  diritto alla difesa e diritto alla riservatezza ed in particolare dell'inesistenza di una norma processuale civile che sancisca il principio di inutilizzabilità delle prove illegittimamente acquisite. 

La conclusione cui perviene l'opinione tradizionale è nel senso che prevalga, in ogni caso, il diritto di difesa, il diritto di produrre in giudizio la prova illecitamente acquisita rispetto alla tutela della riservatezza e degli altri diritti fondamentali della controparte, senza possibilità per il giudice civile di poter sindacare la ammissibilità di prove precostituite. 

Certamente il giudice non può impedire alla parte la produzione di un documento o  di un atto in giudizio, tuttavia potrà astenersi dall'utilizzarli ai fini della decisione per l'illecità modalità di raccolta, che comunque deve essere contestata dal convenuto nella prima difesa utile. Qualora invece ritenga di poterne tenere conto, nonostante l'illecità modalità di raccolta, la sentenza sarà censurabile in appello. 

avv. Lavinia Misuraca  

foro di Modena

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto di famiglia

Avv.   Lavinia   Misuraca - Modena (MO)

Avv. Lavinia Misuraca

Avvocati / Civile

Via Cattaneo 54

41126 - Modena (MO)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Mediazione familiare e soluzione al conflitto

La mediazione familiare va considerata in stretta relazione con il processo di famiglia in quanto strumento che consente di prevenire la controversia

Continua

Abbandono della casa coniugale e addebito

L'abbandono della casa coniugale è causa sufficiente di addebito della separazione, salvo che si provi che è stato determinato dall'altro coniuge

Continua

Ritardo nel pagamento dell'assegno di mantenimento

Non può ordinarsi al datore di lavoro dell'onerato di provvedere al pagamento diretto per il semplice ritardo in forza del principio di tolleranza

Continua

Figli minori e diritto di visita e mantenimento

Riassunto delle questione da trattare in presenza di figli minori anche alla luce di recenti orientamenti giurisprudenziali

Continua

Assegno divorzile e convivenza stabile

Viene meno l'assegno divorzile a carico dell'ex coniuge di fronte alla instaurazione da parte del coniuge beneficiario di una stabile convivenza

Continua

Visita al minore in presenza della convivente

Al genitore non collocatario è permesso frequentare il figlio minore anche in presenza della nuova compagna

Continua

Casa familiare e figli maggiorenni

Il giudice non può statuire sull'assegnazione della casa familiare in mancanza di figli minorenni o in presenza di figli economicamente indipendenti

Continua