Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto commerciale

Dirigente licenziato: i termini di impugnazione

Decade dall'impugnazione il dirigente licenziato che non deposita in tempo il ricorso ex legge Fornero, nonostante la domanda cautelare separata

Dirigente licenziato: i termini di impugnazione - Decade dall'impugnazione il dirigente licenziato che non deposita in tempo il ricorso ex legge Fornero, nonostante la domanda cautelare separata

La Sezione lavoro della Corte di Cassazione, con la sentenza n. 19919 del 05 ottobre 2016, ha stabilito che il dirigente licenziato che abbia impugnato stragiudizialmente il licenziamento, deve presentare il ricorso previsto dalla c.d. "legge Fornero" (art. 1, comma 47 e ss., L. n. 92/2012), nel termine di 180 giorni previsto dall'art. 6 della L. n. 604/1966, pena la decadenza dall'impugnazione, anche se ha proposto ricorso cautelare per la reintegrazione urgente nel posto di lavoro, ai sensi dell'art. 700 cod. proc. civ. 

I quesiti risolti dalla Suprema Corte ridefiniscono le regole sul licenziamento del dirigente, figura tradizionalmente non soggetta alla stessa disciplina delle altre categorie di lavoratori (operai, impiegati e quadri). 

In particolare, secondo la Cassazione, la riforma portata dal c.d. "Collegato lavoro" (L. n. 183/2010) ha reso applicabile anche ai dirigenti le norme previste per il licenziamento dalla L. n. 604/1966 e, in special modo, l'art. 6 che impone al lavoratore licenziato di impugnare il licenziamento con comunicazione scritta, cui deve fare seguito, entro i successivi 180 giorni, il deposito del ricorso presso la Cancelleria del Giudice del lavoro, pena l'inefficacia dell'impugnazione

Secondo il supremo Collegio lo scopo della riforma e di tale equiparazione è garantire il veloce consolidamento delle situazioni giuriche e degli eventuali processi, in conformità all'art. 111 Cost. 

Nella vicenda esaminata dalla Corte, infatti, il ricorrente aveva proposto, in via di urgenza, un ricorso cautelare straordinario e, solo successivamente al decorso del termine di inefficacia dell'impugnativa del licenziamento, il ricorso specificamente previsto dalla legge Fornero per instaurare la fase giudiziale dell'impugnativa stessa. 

Nel corso del giudizio, inoltre, il lavoratore licenziato sosteneva che il ricorso cautelare avesse lo stesso valore di quello speciale al fine di impedire la decadenza dall'impugnazione e che, infine, il datore di lavoro avesse fatto valere tale eccezione solo nella seconda fase del giudizio. 

La Corte di Cassazione, posta di fronte agli stessi quesiti, ha precisato, con la sentenza in commento, che nella prima delle due fasi in cui si divide il c.d. "rito Fornero", previsto per i licenziamenti, non maturano preclusioni che impediscano di proporre al giudice della seconda eccezioni non sollevate nella prima e, altresì, che il ricorso cautelare non può essere assimilato a quello previsto per l'impugnativa di licenziamento, poiché differente sul piano della forma e dei contenuti da quest'ultimo.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Diritto commerciale

Avv. Gabriele Orlando - Palermo (PA)

Avv. Gabriele Orlando

Avvocati / Civile

Via Giovanni Bonanno 122

90143 - Palermo (PA)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Il pignoramento dei compensi dell'amministratore

Il compenso dell'amministratore sociale è interamente pignorabile perché è un lavoratore autonomo e non parasubordinato

Continua

Tutele del lavoratore licenziato a fine commessa

Il subentro di altra impresa in un appalto di servizi non comporta necessariamente un trasferimento di azienda (Cass. civ. 24972/2016)

Continua

La tutela del contribuente nelle liti esattoriali

La Sezione tributaria della Cassazione sancisce il principio di effettività della tutela del contribuente nelle procedure di riscossione esattoriale

Continua

Valutazione dei debiti e trasferimento di azienda

Chi acquista un'azienda risponde dei debiti, compresi quelli verso gli enti pubblici, solo se iscritti in contabilità, salvo le eccezioni di legge

Continua

Appalti pubblici e cartella di pagamento impugnata

La pendenza del giudizio di impugnazione di una cartella di pagamento non determina l'esclusione dalla gara di appalto pubblico

Continua

L'installazione del GPS sull'auto aziendale

Secondo la circolare n. 2/2016 dell'Ispettorato nazionale del lavoro l'installazione del GPS sull'auto aziendale dev'essere autorizzata

Continua

Licenziamento disciplinare e riprese audiovisive

Le telecamere di sorveglianza possono essere utilizzate per provare gli illeciti disciplinari, se non usate per controllare l'operato dei dipendenti

Continua

Il danno da perdita del congiunto e la convivenza

La convivenza non costituisce più requisito minimo per il risarcimento del danno da perdita del rapporto parentale, bensì elemento probatorio

Continua

Responsabilità del Comune nel sinistro dell'utente

Il Comune è responsabile del sinistro cagionato dalla mancata manutenzione di sua spettanza

Continua