Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto penale societario

Diritto penale alimentare

Impresa agroalimentare, adozione del modello 231, il nuovo articolo 6 bis, il reato agroalimentare e di caporalato

Diritto penale alimentare - Impresa agroalimentare, adozione del modello 231, il nuovo articolo 6 bis, il reato agroalimentare e di caporalato

In questi giorni è al vaglio parlamentare, il disegno di legge numero 2231, elaborato dalla commissione presieduta da Giancarlo Caselli, recante “Nuove norme in materia di reati agroalimentari”, sollecitato altresì dall’introduzione del recente reato di “caporalato”, il quale estende la condanna, non più soltanto al caporale, intermediario tra azienda e bracciante, bensì anche al datore di lavoro stesso (anche persona giuridica), il quale impiega personale reclutato dai caporali; tale fattispecie non rappresenta un novum, visto che era stata inserita nel codice penale già nel 2011, punendo l’intermediazione con la reclusione da 5 ad 8 anni e con multe da 1.000 a 2.000 euro per ogni lavoratore reclutato, senza tuttavia determinare, in modo chiaro, il concetto stesso di “intermediazione”, prevedendo, altresì, elementi specifici per stabilire lo sfruttamento, si pensi alla presenza di comportamenti violenti, minacciosi, intimidatori, ora non più previsti. Nella nuova formulazione infatti, tali comportamenti stanno in rapporto di genus a species, rispetto al reato base, di caporalato.   

Con il nuovo testo di legge, se approvato, verrà inserita una specifica responsabilità amministrativa delle persone giuridiche in materia agroalimentare, che comprenderà anche la suindicata fattispecie penale. Invero il titolo terzo del disegno in analisi, in particolare l’articolo 31,  introduce, il nuovo articolo 6 bis, all’interno del Decreto legislativo numero 231 del 2001, rubricato “modelli di organizzazione dell’ente qualificato come impresa alimentare”, il quale delinea quelli che sono gli obblighi giuridici, nazionali e sovranazionali, che devono essere perseguiti, attraverso l’adozione di un idoneo modello di organizzazione e gestione. Tale previsione è accompagnata dalla necessità di una predisposizione che preveda altresì: idonei sistemi di registrazione delle attività, un’articolazione di funzioni capace di garantire sufficienti competenze tecniche, un adeguato sistema disciplinare e soprattutto un sistema di vigilanza e controllo sull’attuazione del modello e sul mantenimento nel tempo delle condizioni di idoneità delle misure adottate.
Il progetto punta forte alla semplificazione, un esempio è rappresentato dalla possibilità per le piccole e medie imprese agroalimentari, di assegnare il compito di vigilanza ad un solo soggetto, naturalmente dotato di adeguata professionalità e specifica competenza nel settore alimentare, sulla stessa falsariga, è inoltre prevista  la facoltà per il titolare di imprese alimentari aventi meno di 10 dipendenti ed un volume d’affari annuo inferiore a 2 milioni di euro, di svolgere direttamente i compiti di prevenzione e tutela della sicurezza degli alimenti o mangimi e della lealtà commerciale. In termini pratici, viene riconosciuta una sorta di presunzione di idoneità del modello organizzativo, con la conseguente riduzione del margine di discrezionalità sull’applicazione della normativa, infatti grazie alla dettagliata ed analitica indicazione contenuta nell’articolo 6 bis, il giudice vedrà semplificati i propri compiti, dal momento che dovrà valutare l’idoneità del modello su parametri determinati e precisi. Qualcuno ha già criticato tale scelta di campo, contestando il relativo aumento dei costi gestionali e degli oneri burocratici gravanti sulle imprese, tuttavia, intelligentemente, tali spese, dovrebbero essere viste, più come un investimento, dal momento che da un lato la garanzia rispetto ai rischi penali, sarebbe sicuramente, di gran lunga maggiore, dall’altro si andrebbe ad implementare, ulteriormente, il sistema organizzativo interno delle imprese stesse. 

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto penale societario

Avv. Gianluca Iaione - Salerno (SA)

Avv. Gianluca Iaione

Avvocati / Penale

Via Torretta 4

84122 - Salerno (SA)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Normativa sulla produzione e commercio del legname

Quadro normativo in materia di commercio e produzione del legno e modello 231/01

Continua

Responsabilità penale del gallerista

Contraffazione, alterazione e riproduzione di opere d'arte e falso dichiarato, artt. 178 e 179 del Codice dei beni culturali e del paesaggio

Continua

Il made in Italy a tutela rafforzata

Tutela del commercio e dei prodotti italiani dalla contraffazione

Continua

Frode fiscale e prescrizione

Contrasti applicativi tra la Corte di Giustizia europea e la Corte Costituzionale sui reati tributari

Continua

Compro oro, occhio alla ricettazione

Pericolo di usura, riciclaggio e ricettazione nei negozi

Continua

Diffamazione e social network

Circostanza aggravante o attenuata?

Continua

I nuovi crimini informatici nel codice penale

Reati informatici, prevenzione ed interventi alla luce del Dlgs. 231/2001

Continua

Computer crime e 231/2001

Reati informatici e responsabilità amministrativa degli Enti

Continua

Corte europea sull’evasione IVA

Diritto tributario e societario

Continua

Diritto aziendale ed alimentare

Impresa alimentare, nuove agevolazioni e rating di legalità

Continua

Il principio del doppio binario “deragliato”

Lo statuto del contribuente fra sistema penale e tributario

Continua

Diritto penale doganale e alimentare

Made in Italy, Olio Dop del Cilento, italian sounding e perfezionamento attivo.

Continua

Il falso biologico

Diritto penale alimentare, frode in commercio, nuovi articoli 516-517-517 bis.

Continua

Diritto penale aziendale

Nuovo codice degli appalti e delle concessioni, articolo 80, misure di self-cleaning e modello 231, condanne successive all'aggiudicazione.

Continua

Diritto penale alimentare

Responsabilità penale del legale rappresentate di una catena di supermercati, risk assessment, risk management, delega di funzioni.

Continua

Diritto penale alimentare

Responsabilità del direttore di un supermercato, nuovo articolo 440 c.p., particolare tenuità del fatto.

Continua

Diritto penale tributario e revoca del giudicato

Dichiarazione infedele, condanna penale e riabilitazione giuridica delle imprese.

Continua

La responsabilità penale del gestore delle piste da sci

I gestori di pista da sci sono tenuti non solo a segnalare i tratti pericolosi della pista ma a renderli inaccessibli

Continua

Diritto penale doganale. Evasione IVA

Libera circolazione e abuso del diritto

Continua

Abuso del diritto nel diritto tributario

Elusione fiscale, overtax e depenalizzazione

Continua

Omicidio stradale negli Stati Uniti

Intervento dell`avvocato Gianluca Iaione - Proposta di riforma legislativa - Sala conferenze della Camera dei Deputati in Roma l’ 8 giugno 2012

Continua