Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

La rottamazione delle cartelle esattoriali

Entro il 23 gennaio 2017 è possibile presentare il modello di adesione con cui si potrà inviare la richiesta per lo sconto sulle sanzioni e interessi

La rottamazione delle cartelle esattoriali - Entro il 23 gennaio 2017 è possibile presentare il modello di adesione con cui si potrà inviare la richiesta per lo sconto sulle sanzioni e interessi

I contribuenti che intendono avvalersi della rottamazione dei ruoli dovranno presentare, a partire dal 7 novembre fino al 23 gennaio 2017, il modello per adesione agevolata. 

  

Con l’adesione si potrà beneficiare di uno sconto su: sanzioni, interessi di mora e di dilazione, in merito alle cartelle dal 2000 al 2015 incluse le partite derivanti da avvisi di accertamento esecutivi e avvisi di addebito dell’INPS, per le quali non è prevista la fase di formazione del ruolo. Per quanto riguarda le entrate ammesse alla definizione rientrano tutte quelle riscosse tramite ruolo di natura sia patrimoniale che tributaria compresa l’IVA, tributi regionali e comunali. 

  

Nonostante l’adesione restano dovute in capo al contribuente la sorte capitale, sia tributo che contributo assistenziale, gli interessi per ritardata iscrizione al ruolo e l’aggio esattoriale oltre alle eventuali spese per procedure esecutive

Restano poi escluse dall’adesione: le risorse comunitarie (quali dazi e accise), l’iva all’importazione, le somme recuperate per aiuti di stato, i crediti da condanna della Corte dei Conti, sanzioni pecuniarie di natura penale, sanzioni per violazioni al Codice della strada (escluso le somme aggiuntive alle sanzioni). 

  

A seguito della presentazione dell’istanza l’agente della riscossione comunica al debitore, entro il 24 aprile 2017, l’importo dovuto, il quale può essere rateizzato in massimo 4 rate suddivise come di seguito: 

-        1a rata pari ad 1/3 delle somme dovute 

-        2a rata pari ad 1/3 delle somme dovute 

-        3a rata pari ad 1/6 delle somme, da pagare entro il 15 dicembre 2017 

-        4a rata pari ad 1/6 delle somme, da pagare entro il 15 marzo 2018 

  

In caso di rateizzazione sarà inoltre calcolato, sull’importo complessivo, l’interesse di dilazione pari al 4,5% annuo. 

Tale rateizzazione non gode però delle norme sulla rateizzazione dei debiti con Equitalia e pertanto, in caso di ritardo o mancato pagamento ne consegue che la rateizzazione decade determinando così l’intero pagamento dell’importo residuo senza possibilità di nuova rateizzazione. 

È quindi necessario valutare bene se adempiere o meno all’adesione in quanto in caso di rateizzazioni lunghe o, in caso di impossibilità a far fronte al debito da rottamazione, potrebbe convenire lasciar in essere la rateizzazione in corso. 

  

È ammessa l’inserimento di ruoli in contenzioso a condizione che si rinunci ai giudizi pendenti. Quest’ultimo aspetto dovrà essere ancora chiarito in quanto non è precisato, in caso di impugnazione del ruolo, se la rottamazione debba comprendere la totalità delle partite in discussione oppure se il debitore può scegliere cosa definire e quindi solamente parte di esso. Stessa considerazione vale se la cartella da rottamare scaturisce da un avviso di accertamento in contenzioso. 

Per le somme non in contenzioso dovrebbe invece essere possibile ammettere anche le partite da rottamare. In caso di dilazioni scadute il debitore può ugualmente rottamare gli importi residui mentre se la dilazione è in corso è prevista, come condizione di accesso, il pagamento delle rate dovute fino al 31 dicembre 2016. 

 

A seguito della presentazione dell’istanza di definizione l’agente alla riscossione non potrà avviare nuove azioni cautelari (quali fermi amministrativi e/o iscrizioni di ipoteca) ed esecutive (pignoramento di beni mobili e/o l’espropriazione immobiliare) ad eccezione di quelle già avviate. Al tempo stesso saranno però sospesi tutti i termini perentori di prescrizione e decadenza che lo stesso agente di riscossione è tenuto a rispettare. Ovviamente, in caso di decadenza della rateizzazione (scaturita dal ritardo o dal mancato pagamento anche di una rata) saranno riprese automaticamente le misure cautelari e/o esecutive delle somme ancora dovute, senza possibilità di nuove rateizzazioni per tali importi.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Studio Associato Doccini - Terricciola (PI)

Studio Associato Doccini

Commercialisti, Ragionieri ed Esperti contabili / Commercialisti

Via Volterrana 225

56030 - Terricciola (PI)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Stop ai voucher lavoro

Il Governo elimina i voucher lavoro e ripristina responsabilità solidale negli appalti

Continua

I controlli fiscali nella ristorazione

Le metodologie di controllo nelle attività operanti nella ristorazione

Continua

Equitalia: i limiti alle azioni esecutive

Veicolo sottoposto a fermo amministrativo: utilizzi e vendita del mezzo, impugnazione e sospensione del fermo, vendita e rottamazione

Continua

Rottamazione delle cartelle, le novità introdotte

Prorogati i termini e maggiori dilazioni: queste le principali novità introdotte a seguito della conversione in legge del decreto

Continua