Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto penale criminale

Mafiosi e misure di prevenzione: no ad automatismi

Devono essere accertati elementi sintomatici dell'attualità della pericolosità per l'applicazione di misure di prevenzione a condannati per mafia

Mafiosi e misure di prevenzione: no ad automatismi - Devono essere accertati elementi sintomatici dell'attualità della pericolosità per l'applicazione di misure di prevenzione a condannati per mafia

I giudici devono motivare in ordine alla sussistenza del requisito dell'attualità di pericolosità sociale anche per i condannati per mafia (V., da ultimo,  Cass. Pen., Sezione I, 26 luglio 2016, ric. Gerardi) . 

 

Tale principio, più volte affermato dalla Suprema Corte, non è purtroppo pacifico, in giurisprudenza, ma molta strada è stata fatta da quando bastava una condanna per 416 bis c.p. a segnare il destino circa l'applicazione di una misura di prevenzione. 

 

Per anni, nelle aule dei tribunali e delle corti di appello, gli avvocati si erano battuti per vedere affermato un principio di coerenza con l'intero sistema: al condannato va garantita una valutazione in ordine all'attualità della pericolosità sociale, senza possibilità di far discendere il presupposto applicativo dal titolo di reato. 

 

Ora, sebbene si registrino ancora resistenze applicative, soprattutto dopo l'autorevole sentenza della Corte Costituzionale n°291/13 che ha sancito l'obbligo per il giudice di verificare la persistenza della pericolosità sociale in capo al proposito quando all'esecuzione della medesima debba farsi luogo dopo lunghi anni di carcerazione, la situazione è molto migliorata, cosicché sempre più spesso si leggono massime del tipo  di quella in commento.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto penale criminale

Avv. Adele Manno - Catanzaro (CZ)

Avv. Adele Manno

Avvocati / Penale

Via Pugliese 12

88100 - Catanzaro (CZ)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Sovraffollamento carcerario

La Suprema Corte di Cassazione interpreta in maniera favorevole al detenuto il modo per calcolare lo spazio minimo vitale

Continua

Omicidio e concorso anomalo nel reato

Non sempre l’aiuto dato all’autore di un omicidio configura un’ipotesi di concorso in quel reato

Continua

Interposizione fittizia e locazione di immobile

Nessun reato commette chi, pur con l’intento di occultare la propria presenza dentro un’attività commerciale, non l’acquista ma ne diventa locatario

Continua

416 bis c.p.: quando è reato?

Le condotte di mera contiguità, come la vicinanza o disponibilità nei riguardi di singoli mafiosi, anche di spicco, non integrano il reato

Continua

Revoca patente guida e art. 7 Corte EDU

Sospetta illegittimità costituzionale della revoca della patente di guida al condannato per reati di stupefacenti

Continua

Stalking: bastano due condotte?

Mano dura della Cassazione: sussiste il concorso tra il reato di stalking e quello di esercizio arbitrario delle proprie ragioni

Continua

Traffico di droga: nessuna confisca

No alla confisca “allargata” se l’associazione è dedita a traffici di sostanza stupefacente di lieve entità, possibile quella ex art. 240 c.p.p.

Continua