Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Ravvedimento operoso: unico e 730 errato o tardivo

Dichiarazione integrativa - Dichiarazione tardiva - Dichiarazione omessa - Modello 730

Ravvedimento operoso: unico e 730 errato o tardivo - Dichiarazione integrativa - Dichiarazione tardiva - Dichiarazione omessa - Modello 730

L’istituito del ravvedimento operoso, ossia la possibilità da parte del contribuente di sanare spontaneamente violazioni commesse in sede di dichiarazione pagando sanzioni ridotte, è disciplinato dal D. Lgs. 472/97.
La normativa è stata poi modificata dalle legge di stabilità 2015 e di recente, con la circolare n. 42/E del 12/10/2016, l’Agenzia delle Entrate ha fornito ulteriori chiarimenti.

Dichiarazione integrativa
Vi si ricorre quando è necessario integrare o rettificare una dichiarazione validamente presentata entro il 30/09, bisogna però distinguere in base al tipo di errore commesso e se la regolarizzazione avviene entro o oltre i 90 giorni dalla scadenza originaria:

Commissione di errori non rilevabili da controllo automatico (ad esempio non viene indicato un reddito da locazione):
A) entro 90 gg sanzione di € 250,00 ridotta ad 1/9 salvo specifica irregolarità ex art. 8 co. 1 D. Lgs 471/97.  + la sanzione per l’omesso versamento
B) oltre 90 gg sanzione dal 90% al 180% dell’imposta dovuta (dich. infedele) ridotta in caso di ravvedimento, se non sono dovute imposte o in caso di mera irregolarità dichiarativa scatta l’art. 8 sopra richiamato + sanzione per omesso versamento.
 

Commissione di errori rilevabili da controllo automatico
Sia entro che oltre 90 gg la sanzione ordinaria è del 30% delle imposte non versate sul quale calcolare la riduzione in base al tempo secondo le regole sel ravvedimento operoso.
Nella circolare si precisa anche che nell’ipotesi di presentazione di dichiarazione integrativa entro l’anno successivo che comporti versamenti di acconti in misura superiore, su questi ultimi, se l’integrativa è presentata oltre il termine del secondo acconto d’imposta il contribuente non potrà essere assoggettato a sanzione per carente versamento.

Dichiarazione Tardiva
E’ tale la dichiarazione presentata entro 90gg dal 30/09. In questa ipotesi è prevista la sanzione fissa di € 250,00 ridotta ad 1/10 per ogni modello dichiarativo. Dovrà essere versata anche la sanzione per l’omesso versamento dell’imposta ridotta in base al tempo secondo le regole del ravvedimento operoso.

Dichiarazione omessa
Se la dichiarazione viene presentata oltre 90gg ma entro il 30/09 dell’anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione la sanzione è fissata tra il 60% e il 120% dell’imposta non versata. Diversamente € 150,00 in misura fissa fino ad ad un massimo di € 500,00 se non sono dovute imposte
Se la dichiarazione viene presentata oltre il 30/09 dell’anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione la sanzione è fissata dal 120% al 240% dell’imposta non versata. Diversamente € 250,00 in misura fissa fino ad un massimo di € 1.000,00 se non sono dovute imposte.
In entrambi i casi è escluso il ricorso al ravvedimento operoso.

Ravvedimento del modello 730
Le istruzioni al modello 730 recitano: se il contribuente si accorge di non aver fornito tutti gli elementi da indicare della dichiarazione e l’integrazione o la rettifica comporta un minor credito o un maggior debito deve utilizzare il modello UNICO Persone fisiche”.
La presentazione del modello Unico può avvenire:
Entro il 30/09 dello stesso anno (correttiva nei termini): nessuna sanzione per l’infedeltà dichiarativa e pagamento delle maggiori imposte, secondo la normativa del ravvedimento operoso.
Dopo il 30/09 (integrativa) ma entro il termine di presentazione del modello Unico relativo all’anno successivo la sanzione per l’infedeltà dichiarativa è identica a quella prevista per il modello Unico a seconda che l’integrazione avvenga entro o oltre i 90 giorni. Pagamento maggiori imposte secondo la normativa del ravvedimento operoso.
Entro il 31/12 del quarto anno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione (integrativa – art. 2 co.8 DPR 622/98): stesse regole.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Dott. Fontanelli David - Pisa (PI)

Dott. Fontanelli David

Commercialisti, Ragionieri ed Esperti contabili / Commercialisti

Via Gian Battista Queirolo 15

56125 - Pisa (PI)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

IRI 2017: la nuova imposta sul reddito d’impresa

Base Imponibile - Effetti - Convenienza

Continua

Regime forfettario: una partita Iva per tutti

Requisiti soggettivi e oggettivi di accesso, esclusioni dal regime forfettario, tassazione, semplificazioni contabili e previdenza

Continua