Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza del lavoro

Maternità e paternità per lavoratori dipendenti

La tutela della maternità e della paternità è disciplinata dal D.Lgs. 151/2001 vediamo come nell'articolo

Maternità e paternità per lavoratori dipendenti - La tutela della maternità e della paternità è disciplinata dal D.Lgs. 151/2001 vediamo come nell'articolo

MADRE LAVORATRICE 

 

Astensione obbligatoria 

La lavoratrice madre è obbligata ad astenersi dal lavoro - e il datore di lavoro ha il divieto di adibirla al lavoro – generalmente 2 mesi prima della data presunta del parto e 3 mesi dopo la data effettiva del parto 

Ferma restando la durata complessiva dell’astensione obbligatoria la lavoratrice può decidere di posticiparla da minimo 1 giorno a massimo 1 mese. La richiesta di flessibilità da parte della lavoratrice viene concessa a condizione che il medico attesti che la scelta della lavoratrice non arrechi pregiudizi alla salute della gestante e del nascituro. Le giornate di astensione obbligatoria non godute prima del parto si andranno a sommare all’astensione obbligatoria dopo il parto. 

Il periodo di astensione obbligatoria può essere anticipato in presenza di particolari condizioni previa autorizzazione da parte dell’organo competente. 

L’astensione obbligatoria può anche essere prorogata fino a 7 mesi dopo il parto in presenza di particolari condizioni. Il provvedimento di proroga deve essere adottato dall’organo competente anche su richiesta della lavoratrice. 

 

PADRE LAVORATORE 

Congedo paternità 

Il diritto all’astensione obbligatoria, di cui normalmente gode la madre, si estende al padre lavoratore che ne beneficia in alternativa alla madre per tutta la durata spettante, o per la parte residua, solo in particolari casi. 

Congedo sperimentale 

In via sperimentale per l’anno 2016 il padre lavoratore dipendente ha diritto a un congedo obbligatorio della durata di 2 giorni anche non continuativi da fruire entro i 5 mesi dalla nascita del bambino. 

Inoltre, il padre lavoratore ha diritto a 1 o 2 giorni di congedo facoltativo da fruire entro i 5 mesi dalla nascita del bambino, tale diritto però è derivato dal diritto della madre di godere dell’astensione obbligatoria pertanto, nel caso il lavoratore decidesse di fruirne la madre dovrebbe rinunciare a 1 o 2 giorni di congedo obbligatorio con conseguente anticipazione del termine finale dello stesso di 1 o 2 giorni. 

 

ENTRAMBI I GENITORI 

Astensione facoltativa 

Oltre al periodo di astensione obbligatoria entrambi i genitori hanno diritto ad astenersi dal lavoro per un ulteriore periodo detto di astensione facoltativa o congedo parentale. 

La madre può fruire del congedo parentale per massimo 6 mesi dopo il periodo di astensione obbligatoria e comunque fino ai 12 anni del figlio. 

Il padre può fruire del congedo parentale per massimo 7 mesi dalla nascita del figlio e comunque fino ai 12 anni del figlio, ma, in ogni caso, entrambi i genitori cumulativamente non possono fruire dell’astensione facoltativa per un periodo superiore a 10 mesi o 11 mesi nel caso in cui il padre si astenga dal lavoro per almeno 3 mesi. 

Il congedo parentale può essere fruito anche in modo frazionato e il frazionamento può avvenire a giornata oppure su base oraria secondo le modalità previste dalla contrattazione collettiva o, in mancanza, in misura pari alla metà dell’orario medio giornaliero del mese precedente la richiesta di inizio dell’astensione. 

 

PERMESSI 

Visite mediche 

Le lavoratrici gestanti hanno diritto a permessi retribuiti per l’effettuazione di esami prenatali nel caso questi debbano essere eseguiti durante l’orario di lavoro 

Riposi giornalieri 

La lavoratrice madre ha diritto durante il primo anno di vita del bambino a dei riposi giornalieri retribuiti, detti permessi per allattamento. I riposi giornalieri hanno la seguente durata: 

-       2 ore (due riposi di un’ora ciascuno anche cumulabili) quando l’orario di lavoro giornaliero è pari o superiore a 6 ore; 

-       1 ora se l’orario giornaliero è inferiore a 6 ore 

Il padre lavoratore può godere dei permessi per allattamento in base al suo orario di lavoro solo in particolari circostanze 

Malattia bambino 

Infine, entrambi i genitori, alternativamente tra loro, indipendentemente dal fatto che l’altro ne abbia un autonomo diritto, possono godere di permessi non retribuiti per le malattie di ciascun figlio. In particolare: 

-       Per tutta la durata della malattia del bambino fino a 3 anni di età del figlio; 

-       Per massimo 5 giorni lavorativi all’anno per il bambino di età compresa tra i 3 e gli 8 anni

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Consulenza del lavoro

Noi Consulenti Del Lavoro Stp Srl - Milano (MI)

Noi Consulenti Del Lavoro Stp Srl

Consulenti del Lavoro / Sviluppo e Lavoro

Viale Ortles, 54/a

20139 - Milano (MI)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Incentivi all'assunzione 2017

Analizziamo nel dettaglio gli incentivi all'assunzione 2017

Continua

Distacco transnazionale dei lavoratori

Il distacco transnazionale è disciplinato dal decreto legislativo n. 136/2016.

Continua

Dimissioni On Line

Dal 12 marzo 2016 l’efficacia delle dimissioni volontarie e della risoluzione consensuale è subordinata all’osservanza di una procedura telematica

Continua

Contributo di licenziamento

Oggi analizziamo il contributo di licenziamento introdotto dalla riforma Fornero ai sensi della Legge n. 92/2012

Continua

Lavoratori ammessi al programma "Garanzia Giovani"

Incentivo a favore dei datori di lavoro privati che assumano giovani lavoratori registrati al "Programma Garanzia Giovani".

Continua

Legge di bilancio di 2017/2019: approvata

Il Senato della Repubblica, nella seduta del 7 dicembre 2016, ha approvato la Legge Finanziaria 2017

Continua

La legge di bilancio 2017 in dirittura di arrivo

La Camera dei Deputati ha approvato, con votazione definitiva, la Legge di bilancio.

Continua

La legge Cirinnà e le conseguenze sul lavoro

La Legge 20.05.16, n. 76 (Legge Cirinnà), ha introdotto nel nostro ordinamento l’istituto delle unioni civili e regolamentato le convivenze di fatto.

Continua

Agevolazioni per le assunzioni in scadenza

Di seguito si approfondiscono le agevolazioni per le assunzioni in scadenza al 31/12 e le novità previste dal disegno di legge per la finanziaria 2017

Continua

Entra in vigore il decreto correttivo del jobs act

In vigore le disposizioni integrative e correttive dei decreti legislativi 15 giugno 2015, n. 81 e 14 settembre 2015, nn. 148, 149, 150

Continua

Smart Working: legge sul lavoro autonomo e agile

Aggiornamenti in tema di lavoro agile, le aziende attendono le linee guida definitive per poter attuare tale modalità di svolgimento della prestazione

Continua

Partecipazione finanziaria al capitale d'impresa

Fondo per incentivare la partecipazione dei lavoratori al capitale e agli utili delle imprese e per la diffusione dei piani di azionariato

Continua

Car sharing: quale trattamento fiscale

L’agenzia delle entrate, con la risoluzione n. 83 del 28 settembre 2016, ha chiarito il trattamento fiscale del car sharing.

Continua