Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Legge di Bilancio 2017: spesometro

Tra le novità del decreto fiscale anche l`obbligo di inviare con cadenza trimestrale lo spesometro

Legge di Bilancio 2017: spesometro - Tra le novità del decreto fiscale anche l`obbligo di inviare con cadenza trimestrale lo spesometro

Tra le varie misure contenute nel decreto fiscale collegato alla legge di Bilancio 2017, figura anche l’obbligo di inviare con cadenza trimestrale  lo spesometro, vale a dire la comunicazione polivalente attraverso la quale tutti i soggetti titolari di partita Iva devono trasmettere annualmente all'Agenzia delle Entrate le informazioni riguardanti tutte le operazioni rilevanti Iva effettuate nel corso dell’anno di riferimento per le quali è stata emessa fattura, con un tetto di  3.600 euro per quelle documentate da scontrino o ricevuta fiscale. 

A questo si aggiunge ovviamente l’obbligo di comunicare le liquidazioni periodiche effettuate, indipendentemente dalla cadenza con cui è stata effettuata la liquidazione dell’IVA (mensile o trimestrale). 

 

La novità sopra riportata ha, ovviamente, suscitato l’ira dei professionisti del settore che da una promessa di semplificazione si sono trovati davanti ad una complicazione non di poco conto, considerando che il rischio ingorgo è dietro l’angolo. 

Per questo motivo sembra che il dietrofront sia dietro l’angolo. Allo studio ci sarebbe infatti un correttivo in base al quale le fatture emesse e ricevute dovranno essere inviate non quattro volte, come attualmente stabilito dal decreto fiscale, ma due volte l’anno. Un progetto di modifica che comporterebbe de facto un obbligo in più rispetto a quello effettuato dai professionisti fino al 2016, ma minore rispetto a quanto previsto dal Dl attualmente all’esame del Parlamento. 

Inoltre, sempre per andare incontro alle richieste (e soprattutto alle proteste) degli addetti ai lavori, il Governo starebbe valutando l’ipotesi di considerare il 2017 come un periodo transitorio nel quale sperimentare il nuovo obbligo, concentrando le sanzioni previste dalla nuova norma solo sulle violazioni più gravi. 

  

Il Decreto fiscale è già arrivato nelle commissioni Finanze e Bilancio di Montecitorio dove sono previste le audizioni con i sindacati, i Commercialisti, l’Ad di Equitalia, il numero uno dell’Agenzia delle Entrate Rossella Orlandi ecc. L’8 novembre si terranno invece i confronti sui correttivi da applicare al testo. Sarà in questo contesto che si conosceranno gli adempimenti da rispettare l’anno prossimo. Sperando, davvero, che qualcosa cambi in relazione all’impianto attuale.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Studio Pecora - Catania (CT)

Studio Pecora

Commercialisti, Ragionieri ed Esperti contabili / Commercialisti

Via Etnea 221

95125 - Catania (CT)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo