Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto del lavoro

La perequazione delle pensioni dopo la Consulta

Riflessioni sulle perequazioni dei trattamenti pensionistici dopo la sentenza della Corte Costituzionale n. 70 del 2015

La perequazione delle pensioni dopo la Consulta - Riflessioni sulle perequazioni dei trattamenti pensionistici dopo la sentenza della Corte Costituzionale n. 70 del 2015

Appare opportuno in questa sede focalizzare l’attenzione sull’esatto petitum del giudizio; il ricorrente infatti, nel contestare il contenuto del D.L. 65/15 non ha posto in discussione le percentuali di perequazione che il governo ha inteso disciplinare con il decreto, bensi il mancato esatto adempimento delle statuizioni della Corte Costituzionale relativamente alla perequazione per il periodo 01.01.2012/ 30.04.2015. 

Il carattere della normazione di cui al d.l. 65/15 è evidentemente novativo e non può che disciplinare i pagamenti delle pensioni dalla sua entrata in vigore in poi, non avendo la norma alcuna portata retroattiva. 

In ogni caso va evidenziato in questa sede come, al di la della qualificazione giuridica che si voglia dare al d.l. 65/15, ovverosia con carattere innovativo od interpretativo, l’insegnamento della giurisprudenza della Corte Costituzionale va nel senso di “accertare se la retroattività della legge trovi adeguata giustificazione sul piano della ragionevolezza e non contrasti con valori o interessi costituzionalmente protetti. (cfr Corte Costituzionale n. 69/14; e, ex plurimis sentenza 257/11, 74/08 e 234/07). 

Ancora la Corte precisa che “questa Corte ha ulteriormente e reiteratamente precisato come l’efficacia retroattiva della legge trovi, in particolare, un limite nel principio dell’affidamento dei consociati nella certezza dell’ordinamento giuridico, il mancato rispetto del quale i risolve in irragionevolezza e comporta di conseguenza, l’illegittimità della norma retroattiva”. 

E’ anche opportuno evidenziare, con riferimento al contenuto della sentenza n. 70/15, che il dispositivo della stessa dichiara la incostituzionalità di un intero comma di legge, collegando tutta una serie di conseguenze che il nostro ordinamento giuridico stabilisce nei confronti di una norma dichiarata incostituzionale e, cioè, in primis, la cessazione della sua efficacia (cfr. art. 136 cost.) e la cessazione della sua applicazione (cfr. art. 30 legge n. 87 del 1953) con conseguente applicazione della precedente normativa, che, nel nostro caso prevedeva la piena perequazione dei trattamenti pensionistici a prescindere dal loro importo. 

E’ bene porre inoltre la attenzione sui punti n. 5,6,7,8 e 9 della parte motiva della sentenza; la Corte esamina in maniera minuziosa le diverse disposizioni succedutesi nel tempo per limitare la rivalutazione delle pensioni e le diverse statuizioni della Corte medesima sull’argomento per stigmatizzare l’atteggiamento del legislatore e rivolgergli al contempo un monito circa la tollerabilità del sacrificio del trattamento pensionistico. 

 

Il decreto 65/15 cosi come formulato non da piena attuazione al giudicato della sentenza n. 70/15 della Corte Costituzionale per ciò che concerne il pagamento delle somme spettanti al ricorrente in virtù della declaratoria di illegittimità costituzionale dell’art. 24, comma 25, del d.l. n. 201/11.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto del lavoro

Associazione Professionale Essere Avvocati - Roma (RM)

Associazione Professionale Essere Avvocati

Avvocati / Civile

Via Andrea Bafile 3

00195 - Roma (RM)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

L'eccezione della "crocetta", o flag

Modalità di compilazione del certificato medico telematico ai fini della richiesta di invalidità civile, ed indennità di accompagnamento

Continua

Competenza territoriale nell'esecuzione mobiliare

Dottrina minoritaria sulla competenza territoriale alla luce della novella introdotta dall’art.19 DL n. 132 del 12/09/14 convertito in legge 162/14

Continua

Genericità delle contestazioni mediche nell'ATP

In sede di opposizione all'accertamento tecnico preventivo ai sensi dell'art. 445 bis c.p.c., molto spesso viene eccepita la genericità delle note

Continua

L'indebito previdenziale

Breve excursus della normativa sull'indebito previdenziale

Continua

Il certificato medico per l'accompagnamento

Giurisprudenza oscillante sulle specifiche tecniche del certificato medico telematico atto a richiedere l'indennità di accompagnamento

Continua