Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Creative Commons: ecco cosa sono

Tutela della proprietà intellettuale: ecco cosa sono le licenze Creative Commons, come funzionano e perché iniziare ad usarle

Creative Commons: ecco cosa sono - Tutela della proprietà intellettuale: ecco cosa sono le licenze Creative Commons, come funzionano e perché iniziare ad usarle

Il copyright è uno tra i temi più controversi e dibattuti che il web abbia mai sollevato in relazione ai contenuti sin dalle sue origini quando prendeva il nome di internet in cui si parlava di digitalizzazione la quale di riflesso sollevò la questione sulla veridicità o meno di una risorsa e su quanto questo delicato processo di trasposizione da analogico a digitale potesse sancire l’inizio di un’era dedita alla contraffazione in cui distinguere tra vero e falso sarebbe divenuto sempre più difficile sino a non riuscire più a percepire più la linea di separazione. 

Con il trascorrere del tempo sembriamo aver superato brillantemente questa tipologia di interrogativi rimasti oramai come congelati se non addirittura sepolti ad un periodo precedente in cui le ragioni/motivazioni erano da imputare piuttosto a dubbi risalenti a mentalità allora resilienti di stampo apocalittico ed integrato ed a quella generazione subito susseguente di transizione-passaggio fino a quella dei nativi digitali ma nonostante ciò la questione del copyright invece per contro non solo è cresciuta ma si è andata facendo sempre più tesa e spinosa. Ancora la questione sull'autenticità o meno della fonte di un contenuto può resistere nonostante il funzionamento sistemico ad esempio dei motori di ricerca abbia ripulito le SERP quindi gli indici secondo cui sono organizzati i contenuti secondo parametri algoritmici che ne regolano qualità, l’affidabilità e l’autenticità tant'è vero che gli utenti si affidano sempre più ad esse per le loro ricerche anziché alle enciclopedie come si faceva una volta. Invece sono i falsi che riproducono contenuti o porzioni di esso a destare ancora una problematicità intrinseca al web e per cui si rende necessaria da parte dell’autore una certificazione di paternità/autenticità. 

Perché usare le licenze Creative Commons 

Le licenze creative commons nascono con l’intento di supplire l’assenza di tutela della proprietà intellettuale quando non è possibile o suggeribile per via del media utilizzato una iscrizione nel registro della proprietà intellettuale ma si rende comunque necessario affinché si possa così condividere/ utilizzare un dato lavoro.
Un processo fisiologico al web quest’ultimo da cui un utente non può certo esimersi dal farlo coinvolto come è nel duplice ruolo di autore potenziale ed al contempo di consumatore di contenuti. 

Open networker: chi sono 

L’avvento di tali licenze ha aperto ulteriori interrogativi in merito all'etica professionale da adottare nelle propria condotta sia online che offline e da applicare poi nei confronti della condivisione dei contenuti che paiono aver creato una netta dicotomia tra due filosofie di pensiero con da una parte quella degli open networker e dall’altra quella di specialisti dalla mentalità invece “closed” dove se i primi ritengo la  condivisione come l’apripista di tutte le dinamiche collaborative-cooperative per cui è lecito porsi con un atteggiamento-approccio aperto i secondi privilegiano una chiusura riconducibile ad una sorta di proprietà privata.
Una divisione che però nel web non trova la sua sintesi né luogo di appartenenza in modo così dichiaratamente e marcatamente netto e per cui le licenze come le Creative Commons paiono invece riuscire a coprirne meglio tutte le sfumature e declinazioni tipiche delle alterazioni-manipolazioni di stampo digitale.
Tra queste per esempio vi è la possibilità di cambiare ri-editando un contenuto al fine di migliorarlo coinvolgendolo così a sua volta in una girandola creativa senza soluzione di continuità e per cui difatti le licenze Creative Commons si pongono nella posizione di consentire due gradi di apertura nei confronti dell’alterazione desumibili dalla possibilità o di condividere allo stesso modo o nell'impossibilità di generare opere derivate ma al contempo di garantirne sempre la paternità attraverso l’attribuzione. 

Ancora, è possibile decidere per la finalità orientata ad un uso commerciale o non. 

 

Cosa sono le licenze Creative Commons 

Creative Commons consente di condividere legalmente la vostra conoscenza e creatività per costruire un mondo più equo, accessibile e innovativo - liberare il pieno potenziale di Internet per guidare una nuova era di sviluppo, crescita e produttività. (cit. sito web Creative Commons.it) 

Da come si evince dal sito web di Creative Commons.org la navigazione è stata facilitata ad un livello parossistico per essere accessibile a chiunque vi navighi a prescindere dal livello di expertise dell’utenza e fare in modo di rendere la comprensione facilitata per far capire senza difficoltà come funzionano le licenze e ad imparare come adoperarle e per cui è opportuno ricordare che non sono limitate ad un uso ristretto solo alle logiche web.
I link presenti sul sito aiutano ad approfondire le tematiche più importanti e chiariscono eventuali dubbi al fine di suggerire la licenza più adatta e confacente alle proprie esigenze rea così di una scelta consapevole e più oculata possibile. 

I formati video si aggiungono ai già esaustivi contenuti testuali per la massima chiarezza possibile in fatto di tutoring affinché non vi sia fraintendimento alcuno per una facilità disarmante funzionale alla massima diffusione delle licenze contemporanea alla più efficace riduzione delle criticità che possono insidiare la comprensione di utilizzo finale per poi inficiare il non ultimo rapporto di fidelizzazione prezioso quanto fondamentale quando si ragiona in termini di condivisione. 

Come funziona Creative Commons 

Se non vuoi fare tutto da solo e perderti nella lettura di tante spiegazioni é  possibile usare anche un tool online presente nel sito web di Creative Commons denominato ‘Choose a Licenze’ per scegliere velocemente la licenza più opportuna e che meglio si adatta alla vostra opera cosicché potrete proteggerla assai rapidamente e non avere così l’alibi di non averlo fatto perché era troppo difficile e ci voleva troppo tempo.
Per scegliere quale sia meglio o più opportuno applicare è sufficiente rispondere alle domande che il tool vi pone ed esso rende in automatico il codice HTML da incorporare nell'opera ad essa afferente dopodiché un’icona collegata ad un link una volta cliccato sull'immagine porta ad una pagina web in cui vengono fornite ulteriori delucidazione in merito di natura legale e sulle eventuali azioni possibili. 

Semplice no? Più facile a farsi che a dirsi, perciò perché non provare a salvaguardare le proprie opere e rendersi così implicitamente partecipi della diffusione di questo sistema di tutela attraverso licenze Creative Commons oltretutto gratuito ma dal così alto valore etico e morale? 

Le licenze: un contributo al problema plagio non la soluzione 

Ovviamente una licenza da sola non può risolvere il problema plagio arginando così quella che si presenta piuttosto come un’emorragia, dissuadere i malintenzionati non è facile né possibile con questi deboli mezzi che fanno leva sulla coscienza al pari di tante altre lotte contro problemi tristemente noti alla nostra società per essersi dimostrati storicamente insanabili, magari riesce ad attutirne l’impatto ma solo parzialmente l’immensa mole di plagi che si compie quotidianamente online procede incessante a ritmi vertiginosi e per cui più che di una soluzione per il momento si può parlare di un contributo visto che attraverso la sua azione si può coinvolgere nel processo di responsabilizzazione tutti coloro che vi entrano (con la licenze) in contatto rispettandola, anche solo semplicemente prendendone così visione per poi diffonderla a loro volta e perché no proprio applicandola in primis sulle proprie di opere cosa che altrimenti non avrebbero fatto o per ragioni legate alla non conoscenza della stessa o perché reputata troppo complicata da applicare/usare. 

Applica le licenze contribuisci al processo di sensibilizzazione 

E’ anche drammaticamente certo che consapevolizzazione a parte permane il problema del non rispetto/ tutela di un’opera a prescindere comunque dall'applicazione o meno di una licenza che è la parte flebile e debole di questa modalità d’azione a tutela dei diritti di copyright attraverso di essa ma rimane comunque una buona azione tesa alla sensibilizzazione attraverso un agire pragmaticamente al fianco di un’intensa attività costante di evangelizzazione rispetto al fenomeno. 

Tutela della proprietà intellettuale: una questione legata al libero arbitrio 

Resta il fatto che ancor prima che una questione legale sia un fenomeno da ricondursi a ragioni di natura di costume sociale e per cui il resto, il grosso del lavoro rimane da fare a noi. Esso fa leva sul libero arbitrio magari quest’ultimo è stato pesantemente contaminato dall'avvento del digitale e delle nuove tecnologie ma resta il fatto che esso ci riconduce inevitabilmente al processo decisionale nella più atavica delle sue forme in cui vi è quella di scegliere o meno di commettere plagio o invece rispettare l’autore con i suoi diritti.
Un gesto ancor prima che d’esempio piuttosto da imputare al senso di civiltà e di rispetto profondo nei confronti del proprio prossimo e del suo operato da intendersi prezioso ancor prima che nell'immediato nella sua funzione di contributo alla difesa di quella catena che invisibilmente ci lega e collega tutti gli uni agli altri come cittadini dell’universo dominato dalle sue leggi che così spesso ci dimentichiamo di onorare e rispettare. 

 

CONCLUSIONI 

In un’era quella 3.0 in cui non si può più certo prescindere dalla condivisione pena altrimenti condannare a morte certa un’opera-contenuto; gli scenari sono indubbiamente cambiati rimasti minacciosi per certi versi ma per altri lasciano inalterati taluni punti di domanda su cosa sia più opportuno fare e come porsi al cospetto dei rischi reali come potenziali e sulle conseguenze eventuali che si rinnovano/evolvono ma non si sono ancora dissolte ricordandoci come tecnologia a parte, medium adoperato tutto sia sempre desumibile e riconducibile almeno per il momento salvo future forme di prodigiose intelligenze artificiale ancora al nostro operato da cui per il momento ancora non si sfugge e quindi poi da imputare infine alla responsabilità delle nostre scelte. 

Con questo post si è voluto semplicemente dare una prospettiva d’analisi differente sulle licenze e la questione ancora aperta sulla tutela del diritto d’autore, un nervo scoperto del sensibile sistema nervoso della rete online, una storia tesa sulle ancora critiche dinamiche presenti nel web ma anche offline in merito alla tutela delle opere e dei loro autori.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Brevetti: il phon reinventato nella versione migliore

Breve storia del Phon per capelli tra innovazione e brevetti: il phon reinventato nella versione migliore di Sé

Continua

Le idee sono il motore di tutto ciò che ci circonda

Le idee sono il motore potente di tutto ciò che ci circonda. La creatività va premiata e riconosciuta perciò brevettata

Continua

Startup: 3 consigli da portare in vacanza

Startup sempre più competitive e tool da non dimenticare nella valigia, prima di andare in vacanza

Continua

L'amico fidato dell'estate: il ventilatore

Chi ha inventato il primo ventilatore? Una delle domande che almeno una volta nella vita vi siete posti e non avete mai avuto l'occasione (o quasi) di avere risposta

Continua

Finale StartCup 2016: premio speciale Studio Rubino

Studio Rubino offrirà un premio speciale durante la fase finale della competizione, prevista per il 14 luglio a Cosenza

Continua

Proprietà intellettuale e POR: la Calabria finanzia le PMI

POR Calabria: finanziamenti per le PMI anche per valorizzare la proprietà intellettuale

Continua

Brexit e proprietà intellettuale: cosa accade ora?

La parola d'ordine del mese è stata Brexit. Cosa succede ai diritti di proprietà intellettuale secondo Herrero & Asociados

Continua

Cinque consigli per startup: i siti web e i tool

Cinque consigli per startup: i siti web e i tool da usare per migliorare il proprio business

Continua

Cento anni di Relatività e di miti su Einstein

La teoria della relatività generale compie 100 anni. Concetti e pensieri che non smettono di affascinare

Continua

Brevetti, marchi e IP in Calabria: la lunga strada

Brevetti, marchi, IP e Calabria: quale approccio scegliere? Quali sono i trend e le differenze con il più evoluto e dinamico Nord del Paese?

Continua

Brevetto Driveless Car: l'unione tra Google e FCA

Google e FCA Chrysler stanno lavorando al brevetto driveless car e porterà negli States il primo modello commerciale di auto a guida autonoma

Continua

STARTUP E PMI: Easitaly e il tour innovativo

Il roadshow realizzato con il sostegno del MiSE, Invitalia e Confindustria sarà in 10 città italiane per sensibilizzare sul tema innovazione

Continua

Startup, 6 consigli per reperire fondi

Startup e risorse finanziarie: l’annosa questione del reperimento dei fondi. Sei utili consigli per la tua impresa nascente

Continua

Imprese innovative: Pisa istituisce il Fondo Rotativo

Oltre 500 mila euro stanziati dalla Camera di Commercio di Pisa per il sostegno alle imprese innovative del territorio

Continua

Startup e PMI, 5 consigli: tool digitali

Tra i più grandi problemi da risolvere in startup e imprese nascenti sono i processi interni, l'organizzazione e la comunicazione interna (ed esterna)

Continua

Pmi, startup e contraffazione: la soluzione il QR

Un QR code per aiutare le imprese italiane a non soccombere e opporsi efficacemente alla contraffazione, la proposta di legge in discussione al Senato

Continua

Il sostegno di Lazio Innovatore a PMI e startup

La Regione Lazio attraverso l'incubatore Lazio Innovatore ha indetto un concorso volto a sostenere, con premi e riconoscimenti, le migliori startup

Continua

Marchio Moretti: il Baffo più famoso in Italia

Birra Moretti la storia di un marchio senza tempo. Fascino, orgoglio e tradizione italiana a forma di Baffo. L’azienda nasce nel 1859 a Udine

Continua

Emilio Segrè: un italiano nel Mondo e il suo Nobel

Per parlare di innovazione e dei talenti italiani abbiamo pensato a raccontarvi la storia dello scopritore dell'antoprotone.

Continua

Marchio Lamborghini: la storia di un visionario

Chi non ha mai sognato si farsi un giro su una Lamborghini e sfrecciare nel comfort silenzioso di un'auto di lusso come quelle del toro di Sant'Agata

Continua

Patent box: meno tasse per le PMI

Patent Box: con i nuovi provvedimenti il regime delle tasse per redditi derivati da opere di ingegno sarà molto più snello. Un respiro di sollievo per le PMI

Continua

La Plastica: un'invenzione italiana a diffusione globale

La Plastica è forse l'invenzione italiana più conosciuta e utilizzata al mondo. La dobbiamo a Giulio Natta e rappresenta il simbolo della nuova era...

Continua

Nutrire il pianeta con l'innovazione

Nutrire il pianeta, tema centrale di Expo2015. Innovazione al servizio dell'uomo e dei suoi bisogni. Tra sostenibilità, rispetto e recupero

Continua

Registrazione di un marchio: 6 buoni motivi per farlo

I motivi per la registrazione di un marchio: 6 buoni motivi, dalle ambizioni dell'azienda alla tutela legale

Continua

Quanto costa registrare un Marchio Comunitario

Quanto costa comunicare all'esterno la propria identità aziendale? Che peso assume il proprio prodotto e il brand stesso?

Continua

Depositare un marchio o registrare un marchio

Per la confusione che si genera delle volte è bene chiarire la differenze tra i due concetti

Continua

Patent Box Italia

Con il nuovo anno nasce l’Italian Patent Box, lo strumento per semplificare le tasse inerenti dall'utilizzo di marchi, brevetti, design e copyright.

Continua

Brevetto Unitario il Dibattito Europeo

Il brevetto unitario potrebbe ridare slancio alle PMI italiane? Sarà privilegio della leale concorrenza o delle grandi imprese? Queste le preoccupazioni italiane

Continua

Design d'autore: la parola a Le Corbusier

Casa e ufficio, il design di Le Corbusier reso intramontabile dal genio creativo. Quotidiano, innovazione e tradizione

Continua

Marchio di impresa: quanto costa l'identità?

Dall'elaborazione grafica alla registrazione presso gli uffici competenti: quanto costa all'azienda puntare sulla propria immagine

Continua

Nike, la storia di un Logo: lo Swoosh

Swoosh è il nome del suo logo; assieme ad altri pochi brand eletti ha fatto la storia

Continua

Copyright 2.0 rischi e difese

Tra i diritti della proprietà intellettuale, il più controverso. Il bene prodotto è opera d'ingegno ed estro. Come ampliarne la tutela?

Continua

Il Copyleft non nuoce, anzi

Sul Copyleft è stato detto ancora troppo poco. Una cosa è certa meglio lo conosciamo più facile sarà capire che non rappresenta un pericolo

Continua