Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto penale del lavoro

Daspo in relazione a manifestazioni politiche

Nota a Sentenza – DASPO POLITICO

Daspo in relazione a manifestazioni politiche - Nota a Sentenza – DASPO POLITICO

Con la sentenza 4 ottobre 2016, n. 41501, la Corte di Cassazione, nel confermare l’ordinanza di convalida emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Livorno, il quale aveva convalidato il provvedimento del Questore di Livorno emesso sulla base della previsione di cui alla L. n. 401 del 1989, art. 6, nella parte in cui si disponeva l’obbligo di presentazione alla P.S., ha sancito un importante principio di diritto secondo il quale “il Daspo può essere emesso non solo in relazione a fatti violenti durante eventi sportivi, ma anche in relazione a manifestazioni politiche”

“In base all’art. 6 della legge n. 401/1989 le misure previste possono essere alternativamente applicate sia nei casi di cui alla prima parte della disposizione (.. persone denunciate o condannate .. per uno dei reati di cui ..) sia (.. ovvero) nel caso di cui alla seconda parte (.. per aver preso parte attiva ad episodi di violenza su persone o cose in occasione o a causa di manifestazioni sportive .. ), con possibilità quindi di disporre il DASPO non solo in relazione a condotte illecite tenute nel corso di manifestazioni sportive ma anche politiche”. 

Il Daspo potrà essere applicato non più soltanto a coloro che hanno posto in essere condotte rientranti nelle previsioni normative – e per queste siano stati denunciati o condannati –  direttamente in occasione delle manifestazioni sportive, “ma anche a coloro i quali tale pericolosità hanno evidenziato aliunde, per essere stati denunciati/condannati per determinati reati specificamente indicati ed appunto scelti quali indici precisi della pericolosità stessa”. Come a dire che, in base agli indici di pericolosità, un comportamento tenuto da un soggetto nell’ambito di una manifestazione politica, può rappresentare un campanello di allarme per l’ordine e la sicurezza pubblica analogo a quanto accade per le manifestazioni sportive. 

… continua nella nota a sentenza in allegato. http://www.studiopapotti.it/daspo-pol

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto penale del lavoro

Studio Legale Papotti Mastro E Associati - Torino (TO)

Studio Legale Papotti Mastro e Associati

Avvocati / Penale

Via Castellamonte 1

10138 - Torino (TO)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Professioni Sanitarie e Assicurazioni

E` obbligatoria l`assicurazione per gli esercenti le professioni sanitarie

Continua

D.D.L. “Gelli”

Importanti novità per i professionisti sanitari

Continua

Il «succhiotto» sul collo è violenza sessuale

Il succhiotto non è assimilabile ad un «mero toccamento» se ha lo scopo di «apporre un marchio»

Continua

Il «succhiotto» sul collo è violenza sessuale

Il succhiotto non è assimilabile ad un «mero toccamento» se ha lo scopo di «apporre un marchio»

Continua

Il rating d’impresa e il Modello 231

Numerosi sono i vantaggi per le imprese che, in tema di gare di appalto, si adeguano al rating

Continua

La responsabilità penale degli osteopati

Non sono tracciati con certezza i confini tra attività riservata al medico e medicine non convenzionali

Continua